SI LAVORA E SI FATICA PER IL PANE E PER LA FCA - INDAGATO PER CORRUZIONE L'EX LEADER DEL SINDACATO AMERICANO DEGLI OPERAI AUTOMOBILISTICI, NORWOOD JEWELL. NEL 2015 FIRMÒ CON MARCHIONNE UN ACCORDO QUADRIENNALE, E SECONDO L'ACCUSA AVREBBE ''DISTRATTO'' DENARO DAL CENTRO DI FORMAZIONE DEL SINDACATO, SPESO 7MILA $ IN UNA STEAKHOUSE DI PALM SPRINGS E 1200 DOLLARI IN UN RESORT - L'AZIENDA SI DICE ALL'OSCURO

-

Condividi questo articolo

Andrea Giacobino per il suo blog, https://andreagiacobino.com/

 

Dopo Alphons Jacobelli, ex vicepresidente per i rapporti col personale di FCA Chrysler condannato a 5 anni nell’agosto scorso per aver effettuato pagamenti illegali allo United Auto Workers (UAW), il potente sindacato americano dei lavoratori dell’auto, adesso è la volta di Norwood Jewel, un ex vicepresidente dello stesso sindacato, a finire indagato per corruzione. A dimostrazione, come scrive oggi il “Wall Street Journal” https://www.wsj.com/articles/former-high-ranking-union-official-charged-in-corruption-probe-at-fiat-chrysler-11552929164 che la pratica del gruppo automobilistico di ingraziarsi i rappresentanti dei lavoratori è abituale, in un’inchiesta partita nel 2017.

NORWOOD JEWELL NORWOOD JEWELL

 

Jewell ha guidato il team sindacale che nel 2015 negoziò prima e poi firmò un contratto di lavoro di quattro anni dei lavoratori col gruppo allora guidato dal defunto ceo Sergio Marchionne, commettendo secondo gli inquirenti dell’Eastern District del Michigan, gravi violazioni del Labor Relation Acts, dirottando a suo vantaggio denaro (circa 40mila dollari) dato da FCA ad un centro di formazione del sindacato.

 

In particolare Jewell spese oltre 7mila dollari in una steak house a Palm Springs e oltre 1.200 dollari in un resort californiano di golf. L’avvocato di Jewell Michael Manley (che curiosamente si chiama proprio come l’attuale ceo di FCA) si è detto fiducioso” che la “lunga reputazione” del suo assistito al servizio dei lavoratori “resterà intatta”. E il gruppo automobilistico presieduto da John Elkann ha affermato di essere all’oscuro della distrazione dei fondi.

NORWOOD JEWELL NORWOOD JEWELL MARCHIONNE JEWELL MARCHIONNE JEWELL

 

 

Condividi questo articolo

business

OK LA BREXIT MA BUSINESS IS BUSINESS - L’AD DI “LONDON STOCK EXCHANGE GROUP”, DAVID SCHWIMMER, HA RASSICURATO I DIPENDENTI CHE LAVORANO A PIAZZA AFFARI: “CI TENIAMO BORSA ITALIANA” - MA CON L’USCITA DALL’UE LA SOCIETÀ DIVENTA EXTRA-EUROPEA E IL GOVERNO POTREBBE RICORRERE AL GOLDEN POWER, OSSIA FAR VALERE L'INTERVENTO PUBBLICO IN SOCIETÀ STRATEGICAMENTE RILEVANTI PER TUTELARE L'INTERESSE NAZIONALE - GLI ASSETTI POTREBBERO VARIARE NEL CASO IN CUI SI CONCRETIZZASSE IL VECCHIO PROGETTO DI UNA BORSA EUROPEA…

TUTTO PRONTO PER LE NOZZE TRA PEUGEOT-FCA? RESTA IL NODO DELLA PRODUZIONE IN ITALIA - MIKE MANLEY AVEVA ANNUNCIATO L'ESAURIMENTO DEI MODELLI FIAT 500 E PANDA. OVVERO UN BRUTTO SEGNALE PER GLI STABILIMENTI DI MIRAFIORI E DI POMIGLIANO - I SINDACATI: “QUALCUNO SI È POSTO IL PROBLEMA DI CHIEDERE SE SI INTENDE MANTENERE E SVILUPPARE LA PRODUZIONE AUTOMOBILISTICA O SE CI SI ACCONTENTERÀ INVECE DI DESTINARE BUONA PARTE DELLA REALTÀ ITALIANA DI FCA A DIVENTARE SOLO UN FRUITORE DI CASSA INTEGRAZIONE?"