lo strano e raro e intricatissimo crac di Banca MB - chi sarebbe pronto a rilevare e quindi a \"bonificare\" la Banca di Garofano, Fabio Arpe, Burani e compagnia? Una Finanziaria di elia valori (in consiglio Tarak ben Ammar) che tuttavia e vedi caso è guidata dallo stesso direttore crediti che appoggiava le iniziative di pippo Garofano in Alerion. E con un altro consigliere - il Rag. Canova - che di Garofano gode la fiducia perché di Alerion è consigliere....

Condividi questo articolo


EliaElia Valori

Bankomat per Dagospia

Vi avevamo promesso di provare capire il reticolo di nomi e relazioni che gira attorno a Banca MB, questo strano e raro crac bancario di cui si comincia a parlare ma sempre con stranissimo pudore.

Ancora ieri ne parla ad esempio il Corriere e ci aggiorna del fatto che la liquidazione amministrativa è sempre più vicina, perché i conti non tornano e i soldi mancano, ci dice che era la banca di Fabio Arpe e Garofano, ma si raccontano pochi nomi, poche storie, poche relazioni.

FabioFabio Arpe

Si parla di un cavaliere bianco che vorrebbe rilevare Banca MB, la Centrale Finanziaria rilanciata recentemente e presieduta da Elia Valori. Non pare proprio che stia combattendo, questo coraggioso cavaliere bianco, con decine di altri concorrenti che se la vogliono rilevare e salvare.

Ora leggendo le carte, notiamo che il Rag. Michelangelo Canova è consigliere de La Centrale Finanziaria Generale.
Strana coincidenza: è consigliere anche di Alerion, la principale società di Garofano dott. Giuseppe, lo stesso Garofano che ha fondato Banca MB e che come Consigliere di Amministreazione è stato ben sanzionato e multato da Bankitalia.

L\'Amministratore Delegato de La Centrale invece chi è? Il dott Giambattista Duso, già top manager dei crediti di Antonveneta ed anche vice direttore generale, durante la prestigiosa guida del rag. Montani (lo ricordate? Montani era il padrino professionale di Massimo Faenza, è stato a lungo Vice Presidente di Italease nel Consiglio che Faenza osannava e remunerava, e già Amm.Delegato di Banco Popolare, oggi sparito nell\'oblìo...).

La stessa Banca Antonveneta che nel 2006 aveva messo a disposizione di Alerion ben 300 milioni di euro di finanziamento per un\'operazione con ERG.

Riassumendo: chi sarebbe pronto a rilevare adesso Banca MB e quindi a \"bonificare\" il terreno del disastro della Banca di Garofano, Fabio Arpe, Burani e compagnia? Una Finanziaria prestigiosissima (in consiglio c\'è pure il vice presidente di mediobanca e noto finanziere Tarak ben Ammar) che tuttavia e vedi caso è guidata dallo stesso direttore crediti che appoggiava le iniziative di Garofano in Alerion. E con un altro consigliere - il Rag. Canova - che di Garofano gode la fiducia perché di Alerion è consigliere.

BancaMBBancaMB

Quindi, per capirci: abbiamo gente che nel fare la \'due diligence\' su Banca MB di tutto si interesserà salvo che far risultare le magagne della gestione del loro amico Garofano.
Comunque la \'due diligence\' sarà facile e poco costosa. Banca MB e La Centrale stanno tutte in via Olona 2 a Milano.

 

 

Condividi questo articolo

business

PRESTO, UNA COLLETTA! - COSE MAI VISTE: IL PRESIDENTE ESECUTIVO DI “ITA”, ALFREDO ALTAVILLA, SI LAMENTA PER LO STIPENDIO TROPPO BASSO (400MILA EURO): “LA RETRIBUZIONE È GRAVEMENTE LESIVA DELLA MIA STORIA MANAGERIALE, ESPERIENZA E COMPETENZA. È ILLOGICA E SLEGATA DAL BENCHMARK DI SETTORE” - NEL FRATTEMPO, LA VENDITA DELLA COMPAGNIA È PIÙ VICINA: SONO ARRIVATE AL MEF LE PROPOSTE DI MSC-LUFTHANSA E CERTARES-AIR FRANCE-DELTA, CON LA PRIMA FAVORITA. CHE DIRE: CHIUNQUE SARÀ IL VINCITORE, SPERIAMO PAGHI DI PIÙ I MANAGER…

SORRISI E SANZIONI - ALTRO CHE DEFAULT: IL RUBLO VOLA AI MASSIMI DA APRILE 2018, E LA RUSSIA INCASSA PIÙ SOLDI DI QUANTO NON FACESSE UN ANNO FA. E TE CREDO: IL PREZZO DEL GAS È QUINTUPLICATO, MENTRE L’EUROPA È RIUSCITA A METTERE AL BANDO SOLO VODKA E CAVIALE! - “LA VERITÀ”: ZELENSKY, INVECE DI FARE IL PREDICATORE SOCIAL, AVREBBE POTUTO TAGLIARE IL CORDONE ENERGETICO TRA RUSSIA E EUROPA; MA NON L'HA FATTO, CONTINUA A UTILIZZARE IL GAS RUSSO E A INCASSARE LE ROYALTIES PER IL PASSAGGIO DEL GASDOTTO SUL TERRITORIO UCRAINO. L'IPOCRISIA DOVREBBE ESSERE LA VERA VINCITRICE DEL FESTIVAL DI CANNES”