TAGLIARE LA TESLA AL TORO - GENERAL MOTORS HA ANNUNCIATO UN INVESTIMENTO DI QUASI 7 MILIARDI DI DOLLARI NELL'ELETTRICO, CON L'OBIETTIVO DI PRODURRE OLTRE UN MILIONE DI VEICOLI ENTRO IL 2025 – IL COLOSSO DI DETROIT LANCIA LA SFIDA A TESLA, CON L’OBIETTIVO DI SUPERARE LA CASA AUTOMOBILISTICA DI ELON MUSK NEL NUMERO DI VENDITE IN AMERICA – JOE BIDEN CERCA DI PRENDERSI I MERITI PER LA “SVOLTA GREEN”: “LA MIA STRATEGIA ECONOMICA STA AIUTANDO UNA STORICA RINASCITA DELLA MANIFATTURA AMERICANA…”

-

Condividi questo articolo


GENERAL MOTORS GENERAL MOTORS

Da "la Stampa"

 

General Motors lancia la sua sfida a Tesla. Il colosso di Detroit annuncia un investimento di quasi 7 miliardi di dollari nell'elettrico, scommettendo sullo Stato che la ospita, il suo Michigan. L'accelerazione rientra nel piano della casa automobilistica per aumentare la capacità di produzione nordamericana con l'obiettivo di oltre un milione di veicoli elettrici entro il 2025. 

GENERAL MOTORS VEICOLI ELETTRICI GENERAL MOTORS VEICOLI ELETTRICI

 

Proprio entro la metà del decennio Gm potrebbe superare Tesla per numero di vendite in America. Applaude Joe Biden: «La mia strategia economica sta aiutando una storica rinascita della manifattura americana. Dobbiamo essere protagonisti nell'elettrico» afferma il presidente degli Stati Uniti.

 

GENERAL MOTORS VEICOLI ELETTRICI GENERAL MOTORS VEICOLI ELETTRICI

Parlando del maggior singolo investimento nella storia di Gm, l'amministratore delegato Mary Barra osserva come i fondi aiuteranno la casa ad affermarsi come leader e renderanno il Michigan «l'epicentro dell'industria dei veicoli elettrici», dopo che lo Stato era stato travolto con Detroit, storica capitale mondiale dell'auto, dalla crisi finanziaria del 2008. -

general motors auto elettrica general motors auto elettrica general motors general motors GENERAL MOTORS MICHIGAN GENERAL MOTORS MICHIGAN GENERAL MOTORS FLINT GENERAL MOTORS FLINT GENERAL MOTORS GENERAL MOTORS

 

Condividi questo articolo

business

“XI JINPING NON ANDRÀ IN SOCCORSO DI PUTIN. HA UN ALTRO ENORME PROBLEMA DA GESTIRE, IL COVID, E RESTERÀ SU QUELLO” - IL PREMIO NOBEL PER L’ECONOMIA, JOSEPH STIGLITZ: “PUTIN È UN DITTATORE SPIETATO, NON POTRÀ ESSERE FERMATO CON GLI APPELLI. LE SANZIONI STANNO FUNZIONANDO. LE RISERVE MONETARIE POSSONO BASTARE SOLO PER PERIODI LIMITATI. ANCHE LA PRODUZIONE DI BENI È FORTEMENTE DANNEGGIATA. CERTO, C'È IL GAS” - “L’INFLAZIONE? NON È UN PROBLEMA, ANZI, FAVORISCE UNA TRASFORMAZIONE ECONOMICA CHE È NECESSARIA…”

LA GLOBALIZZAZIONE NON È FINITA: SOLO CHE ORA INCLUDE SOLO GLI ALLEATI - APPLE LASCIA FINALMENTE LA CINA: PRODURRA' IPHONE E MAC IN VIETNAM O IN INDIA – È IL PRIMO SEGNALE CHE SI VA VERSO IL FAMOSO “DECOUPLING”: LA GLOBALIZZAZIONE “GEOPOLITICA”, IN CUI LE DELOCALIZZAZIONI SARANNO FATTE SOLTANTO NEI PAESI APPARTENENTI AL PROPRIO SISTEMA DI ALLEANZE. È QUELLO CHE FA PECHINO CON LA VIA DELLA SETA: L’ABBIAMO CAPITO ANCHE NOI OCCIDENTALI, SOLO CON QUALCHE ANNO DI RITARDO…