1- RISSA FINALE AL PREMIO STREGA! PER ACCELERARE LA DIRETTA TV, L’INCAUTA INVIATA RAI CHIAMA SUL PALCO IL TRIONFATORE ANNUNCIATO EDOARDO NESI, MALINCONICO ORANGO TRAVESTITO PER L’OCCASIONE DA FISCALISTA SENZA FISSA DIMORA, E LO PROCLAMA VINCITORE. PECCATO CHE LO SCRUTINIO NON SIA ANCORA TERMINATO - 2- ALLE PROTESTE INDIGNATE DEL PUBBLICO, MENTRE NESI VIENE COSTRETTO AD ATTACCARSI A UNA BOTTIGLIA DI UN LIQUIDO GIALLASTRO, PARTE LO STENTOREO VAFFANCULO DEL PRESIDENTE DELLA GIURIA, IL FASCIOCOMUNISTA PACCHIANO PENNACCHI - 3- TRA CIOCCOLATINI RINSECCHITI E TORRONCINI DURISSIMI, IN MEZZO A PLOTONI DI NONNE-INGE (FAC-SIMILI FELTRINELLI), SI APPALESA LA BELLA PAPI-GIRL EVELINA MANNA (SILVIO LEI LO CHIAMA "PELUCHE"), CON UN BRACCIO ''MACCHIATO'' DI UN LIVIDO GROSSO COSì -

Condividi questo articolo
  • Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

    VALERIO BERRUTI E LAURA MELIDONIVALERIO BERRUTI E LAURA MELIDONI

    DAGOREPORT/1
    Rissa finale allo Strega. Per accelerare la diretta tv, l'inviata Rai ha chiamato sul palco il probabilissimo vincitore Edoardo Nesi, il presidente della Rizzoli Libri Paolo Mieli e la moglie del defunto Franco Alberti, patron del Liquore Strega.

    E l'incauta fanciulla li ha costretti a proclamare il vincitore quando lo scrutinio non era ancora terminato. Il pubblico ha cominciato a rumoreggiare e a protestare.

    TRIO GNAMTRIO GNAM

    Il presidente del seggio elettorale, il fasciocomunista Antonio Pennacchi, mentre il sudato Nesi veniva costretto ad attaccarsi alla tradizionale bottiglia di Strega, ha mandato a fanculo tutti aizzato dal platea indignata.
    Questo è il bello della diretta.

    STEFANO ECO CON LASUA FANCIULLASTEFANO ECO CON LASUA FANCIULLA

    DAGOREPORT/2
    "Se a tutti quelli che hanno promesso il voto a un editore al quale non lo daranno mai venisse il naso lungo come quello di Pinocchio, al Premio Strega non si riuscirebbe più a fare un passo!", commentava soddisfatto un anonimo giurato. Lui, spiegava orgogliosamente, prometteva sempre il voto a tutti e poi faceva di testa sua.

    PAPARAZZA DANTAN AL LAVOROPAPARAZZA DANTAN AL LAVORO

    Malgrado questo di sicuro non raro esempio, tutti sapevano già che avrebbe vinto Edoardo Nesi, malinconico orango, travestito per l'occasione da fiscalista, ansioso di tornare in quel Prato, cui ha dedicato molte delle sue peggiori opere. Eppure questa volta il motto del premio - "Vinca il peggiore! - non è stato interamente rispettato, perché tutti, tranne la povera Veladiano, hanno fatto del loro peggio. E il decano dei peggioristi, il pacchiano Pennacchi, fasciocomunista trombato alle comunali di Latina, senza rinunciare alla sciarpa e al berretto da pensionato, sfida i critici: "ci provino a fare i libri che ho fatto io!"

    PAOLO GUZZANTIPAOLO GUZZANTI

    Un'inquietante mutazione ha colpito l'ottantenne debuttante Luciana Castellina. Malgrado le balze di seta nera, la metamorfosi è evidente: lady Politburo sta indubbiamente diventando Inge Feltrinelli. Come se l'indignazione contro Berlusconi debba gonfiare le martiri danzanti della gauche caviar oltre ogni limite. Al suo fianco la figlia, l'economista Lucrezia Reichlin, bella e affascinante come la situazione economica internazionale.

    MELANIA MAZZUCCOMELANIA MAZZUCCO

    Arpaia ha pagato per il titolo. Infatti molti dei più eminenti giurati hanno pensato che "L'energia del vuoto" fosse un'allusione alla forza trainante dello Strega. Per questo il suo romanzo, benchè vago, confuso e pretenzioso, non è stato premiato come molti speravano.

    Tra tutte le televisioni che dragavano il letto limaccioso dello Strega, la più piccante era senza dubbio la Teledurruti, la televisione monolocale. Il tycoon Fulvio Abbate in camicia animalier celeste di Hermès a maniche corte aveva al suo fianco, come ogni telepadrone che si rispetti, la bellissima Evelina Manna, con un braccio dotato di un livido di mezzo metro di diametro, che lo guardava pensosamente. Una telecamera del TG3, inquieta sul proprio futuro occupazionale, l'ha umilmente filmato.

    MARCO STADERINI E SIGNORAMARCO STADERINI E SIGNORA

    Molto ammirata la solenne abbronzatura del giornalista Paolo Conti. Più glamour quella dell'editore Elido Fazi, reduce da Pantelleria, che ha convinto la moglie Alice, in luminoso lungo bianco nero, a portarlo alla serata stregata. Molto apprezzato dalle signore un tocco di stile: una scatola di latta con sopra laccata una velina d'antan, contenente tutte le delizie dello Strega, cioccolatini rinsecchiti, torroncini durissimi, bottigliette di un liquido giallastro, lo Strega appunto. Il plotone delle veline, confinato nella platea del Ninfeo, minacciava di esorbitare oltre che dalla scollatura anche nelle prime file, difese valorosamente da plotoni di nonne-Inge.

    LUIGI VIANELLO E SIGNORALUIGI VIANELLO E SIGNORA

    In quel clima di precarietà morale e spasmodica attesa i reporter giravano come avide formiche in cerca di concorrenti da intervistare. E proprio questa smania ha prodotto un deplorevole episodio. Dopo essere stato incalzato da un abile intervistatore che lo aveva scambiato per Arpaia, un canuto giornalista in pensione ha ammesso di essere Arpaia e ha rilascito un'intervista talmente bella che Arpaia potrà solo esserne soddisfatto. Ha ammesso, con l'aiuto di un losco calvo presentatosi come l'editor del concorrente, di essere pigro e svogliato nella scrittura, di avere una deplorevole tendenza alla scurrilità e di essersi fatto tingere la chioma di bianco.

    LUCIANA CASTELLINA EDOARDO NESILUCIANA CASTELLINA EDOARDO NESI

    Ma il momento più drammatico è stato quello della votazione, quando il maestoso Luigi Brioschi, re della Guanda, ha visto il suo sogno sbriciolarsi rapidamente. Anche il finto Arpaia non sapeva più dove nascondersi per sfuggire alle pacche sulle spalle e alle parole di consolazione. Prosit!

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    LA ROMA TREMA, LO STADIO ORA E’ UN MIRAGGIO – IL PD SI SFILA, IL PROGETTO DEL NUOVO IMPIANTO A TOR DI VALLE SEMPRE PIU’ IN BILICO, LA RAGGI: “I DEM NON VOGLIONO LO STADIO. VIA LIBERA ENTRO NATALE” - IL CLUB GIALLOROSSO SI ASPETTAVA IN QUESTO MESE IL VIA ALL’ITER CHE DOVREBBE PORTARE ALL’APPROVAZIONE DELLA VARIANTE E DELLA CONVENZIONE URBANISTICA – LA SINDACA E’ ALLE PRESE CON UN MOVIMENTO SPACCATO E CON UN PD CHE PARTE DA UNA “POSIZIONE DI FORTE CONTRARIETA’”

    cafonal

    viaggi

    salute