ARRIVA LA CRISI, TUTTO CADE, CAMBIA E PASSA, MA ROMA GODONA NON PERDONA - A VILLA SOSPISIO 150 GAUDENTI SENZA LIMITISMO: UNA DAMAZZA, UN PRETE, UN POLITICO - TRA BERTINOTTI E CICCHITTO, DONNA ASSUNTA E SORA LELLA, SI SPAPARANZA MISS BRASILE

Condividi questo articolo
  • Valerio Bonolo per "Il Tempo"
    Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

    A BORDO PISCINA - Copyright PizziA BORDO PISCINA - Copyright Pizzi

    È uno di quei luoghi in cui il tempo sembra essersi fermato, ritrovo della Roma gaudente in barba a tutte le crisi. Passano gli anni, ma Villa Sospisio resta la cartolina di sempre, con le sue feste, i suoi buffet, la sua musica fino alle ore piccole. Ed i suoi ospiti equamente divisi tra l'establishment politico, intellettuale e nobiliare, sempre pronti a rispondere presente davanti ad un invito della padrona di casa, l'eccentrica Guia.

    A maggior ragione quando, come l'altra sera, l'occasione era la festa per il sessantesimo compleanno del consorte Ricky, l'uomo che condivide con lei la residenza abbarbicata alle pendici del Gianicolo e il suo giardino verdeggiante.

    La serata già estiva andava goduta al fresco degli alberi, sotto un tendone bianco rischiarato dalle candele. Il menù offriva paccheri napoletani, pollo con l'ananas e frutta fresca. La musica era quella revival e napoletana, suonata dal vivo da Guido Pianeta.

    Chi c'era tra gli oltre 150 ospiti? La solita allegra mescolanza, in cui le grazie di Miss Brasile, accompagnata da Giovanna Deodato, mettevano in secondo piano il contegno della ex coppia presidenziale formata da Fausto e Lella Bertinotti.

    E poi Idris e Maria di Libia, le scrittrici Nori Corbucci e Antonella Boralevi, lo stilista Renato Balestra, Mario D'Urso, Francesco D'Onofrio, Massimo Teodori, Claudio Strinati, Manfred e Vittoria Windisch-Graetz, Claudia Ruspoli, Doris Pignatelli, Martine Orsini, Guia Viola di Campalto, Fiamma Lanzara, Tara Haggiag, Francesca Romana Lancellotti, Adriana Sartogo, Oliviero Beha, Duccio Giordano.

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    FINCHÉ C’È NAPOLI C’È SPERANZA - PERÒ È BELLO SAPERE CHE, DI QUESTI TEMPI CUPI E SPIETATI E RISENTITI, C’È UNA CITTÀ DOVE LA CREATIVITÀ ARTISTICA È VIVISSIMA, IL MIGLIOR VACCINO PER LA NOSTRA IMMAGINAZIONE FERITA DA MESI DI AFFANNI - VINCENZO DE LUCA HA SBORSATO 15 MILIONI E IL TEATRO SAN CARLO HA APPARECCHIATO IN PIAZZA DEL PLEBISCITO E ALLA REGGIA DI CASERTA UN SONTUOSO TRITTICO DI ALLESTIMENTI LIRICO (TOSCA E AIDA) E SINFONICI (LA NONA DI BEETHOVEN) CON LE UGOLE BACIATE DA DIO DI ANNA NETREBKO E DI JONAS KAUFMANN - VIDEO TOP

    politica

    business

    cronache

    sport

    ANCHE CON LA CANICOLA, JOHN ELKANN SUDA FREDDO: I SUOI GUAI ARRIVANO DALLO SPORT - IN CASA JUVENTUS, ANCHE CON LA VITTORIA DELLA CHAMPIONS, NON C’È FUTURO PER SARRI - ARIA DI ADDIO ANCHE PER FABIO PARATICI (APPRODA ALLA ROMA AL POSTO DI PETRACHI?) E PER IL VICEPRESIDENTE PAVEL NEDVED (NON E' APPREZZATA LA SUA VIVACITÀ SENTIMENTALE) - FUORI I NEMICI PARATICI E NEDVED, MAX ALLEGRI POTREBBE TORNARE A TORINO. MA LO VOGLIONO ANCHE MANCHESTER UNITED E INTER (SUNING E MAROTTA SONO STUFI DELLE CONTINUE ROTTURE DI CAZZO DI CONTE). “ANDONIO” SOGNA LA PANCHINA DELLA NAZIONALE -  ALTRO SUDORE GELIDO PER JOHN ELKANN SI CHIAMA FERRARI..

    cafonal

    viaggi

    salute