ARRIVA LA CRISI, TUTTO CADE, CAMBIA E PASSA, MA ROMA GODONA NON PERDONA - A VILLA SOSPISIO 150 GAUDENTI SENZA LIMITISMO: UNA DAMAZZA, UN PRETE, UN POLITICO - TRA BERTINOTTI E CICCHITTO, DONNA ASSUNTA E SORA LELLA, SI SPAPARANZA MISS BRASILE

Condividi questo articolo
  • Valerio Bonolo per "Il Tempo"
    Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

    A BORDO PISCINA - Copyright PizziA BORDO PISCINA - Copyright Pizzi

    È uno di quei luoghi in cui il tempo sembra essersi fermato, ritrovo della Roma gaudente in barba a tutte le crisi. Passano gli anni, ma Villa Sospisio resta la cartolina di sempre, con le sue feste, i suoi buffet, la sua musica fino alle ore piccole. Ed i suoi ospiti equamente divisi tra l'establishment politico, intellettuale e nobiliare, sempre pronti a rispondere presente davanti ad un invito della padrona di casa, l'eccentrica Guia.

    A maggior ragione quando, come l'altra sera, l'occasione era la festa per il sessantesimo compleanno del consorte Ricky, l'uomo che condivide con lei la residenza abbarbicata alle pendici del Gianicolo e il suo giardino verdeggiante.

    La serata già estiva andava goduta al fresco degli alberi, sotto un tendone bianco rischiarato dalle candele. Il menù offriva paccheri napoletani, pollo con l'ananas e frutta fresca. La musica era quella revival e napoletana, suonata dal vivo da Guido Pianeta.

    Chi c'era tra gli oltre 150 ospiti? La solita allegra mescolanza, in cui le grazie di Miss Brasile, accompagnata da Giovanna Deodato, mettevano in secondo piano il contegno della ex coppia presidenziale formata da Fausto e Lella Bertinotti.

    E poi Idris e Maria di Libia, le scrittrici Nori Corbucci e Antonella Boralevi, lo stilista Renato Balestra, Mario D'Urso, Francesco D'Onofrio, Massimo Teodori, Claudio Strinati, Manfred e Vittoria Windisch-Graetz, Claudia Ruspoli, Doris Pignatelli, Martine Orsini, Guia Viola di Campalto, Fiamma Lanzara, Tara Haggiag, Francesca Romana Lancellotti, Adriana Sartogo, Oliviero Beha, Duccio Giordano.

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    UN GOVERNO APPESO A UN UOMO DI BONAFEDE - LA RESA DEL CONTE È RINVIATA A MERCOLEDÌ QUANDO SI VOTA SULLA RELAZIONE DELLO STATO DELLA GIUSTIZIA DI BONAFEDE: IL GUARDASIGILLI INCARNA IL GIUSTIZIALISMO DEI 5 STELLE CHE STA SUL GROPPONE A METÀ PARLAMENTO E ORA PROPRIO LUI CHE HA PORTATO LA VOLPE CON LA POCHETTE AI PENTASTELLATI RISCHIA DI AFFOSSARLO – SUL GUARDASIGILLI IL GOVERNO AVEVA GIÀ VACILLATO A FEBBRAIO, MA ADESSO AVERLO TRA LE BALLE DIVENTA UN OSTACOLO ALLA RICERCA DEI RESPONSABILI…

    business

    cronache

    sport

    cafonal

    DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

    viaggi

    salute