LA SERA DELLO SCHIAFFO DELLA CONSULTA GRAN FESTA ALL'AMBASCIATA DEL BRASILE - GIANNI LETTA, PER NIENTE SCOSSO, ARRIVA IN RITARDO E FA IL BACIAMANO ALLA MOGLIE - SI CELEBRAVA JACOPO GIOVANNINI, 11 ANNI DI GENIO PIANISTICO ALLE PRESE CON CHOPIN - ECCO IL BELLO DI ROMA GODONA: QUEL CHE È TRAGEDIA SI RIBALTA DI COLPO IN COMMEDIA

Condividi questo articolo


  • Maria Serena Patriarca per "Il Messaggero"
    Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

    VITTORIA LEONEVITTORIA LEONE TITTARELLI & FRIENDTITTARELLI & FRIEND

    Ha solo 11 anni ma il suo talento musicale si è già affermato a livello internazionale. Il piccolo Jacopo Giovannini, romano e reduce dalla vittoria al concorso pianistico internazionale "Step to Mastery" di San Pietroburgo, è stato la star della serata di ieri a Palazzo Pamphilj, nella sede dell'Ambasciata del Brasile, dove ha incantato un selezionato parterre di ospiti con un concerto di beneficenza a favore dell'Arca Italia Onlus che, con le sue comunità in Italia, si occupa di dare assistenza a portatori di handicap mentale.

    Il repertorio in programma? Musiche di Chopin e Beethoven, gli autori preferiti dal maestro in erba, che è accompagnato dai genitori Carolina e Giovanni. «Fra i cantanti moderni quello che preferisco è Tiziano Ferro», rivela il piccolo Jacopo prima di iniziare la sua performance, «ma la mia grande passione è la musica classica, da grande vorrei fare il pianista e il direttore d'orchestra»

    SODDISFATTO E RIMBORSATOSODDISFATTO E RIMBORSATO

    Intanto il palazzo di piazza Navona incomincia a gremirsi di spettatori doc, mix di volti delle istituzioni, nobiltà e spettacolo, salutati dall'ambasciatore del Brasile Josè Viegas Filho e dalla presidente di Arca Anna Morelli Addario.

    SCHIFANI E MOGLIESCHIFANI E MOGLIE

    In sala ci sono posti riservati per gli ospiti più attesi fra gli invitati chiamati alla soirée: Gianni e Maddalena Letta, Claudio e Maria Teresa Scajola, Giuseppe e Annamaria Pisanu, Renato Schifani, l'ambasciatore della Francia Jean Marc de la Sablière, il presidente dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Bruno Cagli, Fausto e Lella Bertinotti, Anna Kanakis, Pippo Baudo, Anna Fendi, Sonia Raule, Claudio e Federica Cerasi, Giuseppe e Claudia Cornetto Bourlot, Bosio e Lidya Sforza Cesarini, Polissena Perrone, Domietta del Drago, Maria Camilla Pallavicini, donna Vittoria Leone, Martine Orsini.

    Pioggia di applausi per l'esecuzione del giovanissimo pianista che incanta il pubblico con la maestrìa di un artista maturo. E dopo il concerto una raffinata cena a buffet (incorniciata dagli allestimenti di Jean Paul Troili tutti ortensie con varie nuances di colori) conclude in bellezza la serata, in un trionfo di tortini di riso con polpettine al curry, minilasagnette, involtini di melanzane con tagliolini e, dulcis in fundo, profiteroles, babà al rhum e crostate di mele per i più golosi.

    SACCHETTI TITTARELLI E LUIGI ONTANISACCHETTI TITTARELLI E LUIGI ONTANI SCHIFANI E MOGLIESCHIFANI E MOGLIE

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    MEZZOGIORNO DI FUOCO – GIOVANNA MEZZOGIORNO SVELA A “OGGI” DI ESSERSI SEPARATA DAL MARITO ALESSIO FUGOLO, CON CUI HA AVUTO DUE FIGLI GEMELLI – “LA FAMIGLIA PER ME È IL LUOGO DELL'AMORE E DELLE SOFFERENZE PIÙ GRANDI. MA NON VOGLIO RIVELARE DETTAGLI SULLA SEPARAZIONE – APPENA LAVORO DI MENO, PARTONO LE LEGGENDE METROPOLITANE. DICONO CHE S MI DROGO, CHE SONO ALCOLIZZATA, CHE PRENDO GLI PSICOFARMACI. FRA UN PO', FACCIO PURE LE RAPINE... SENZA CONTARE I COMMENTI SUL FISICO, COME QUANDO DICEVO CHE ERO INGRASSATA TROPPO. PER ME È UN COLOSSALE CHISSENEFREGA”

    politica

    FUORI LE LISTE, INIZIANO I VELENI – GIRAMENTO DI PALLE NEL M5S PER I COLLEGI SICURI AL SUD RISERVATI AGLI UOMINI DI CONTE, CHE CORRERA’ CAPOLISTA IN QUATTRO REGIONI – NEL MIRINO FINISCE PATUANELLI CHE E’ STATO PIAZZATO IN FRIULI, CAMPANIA E LAZIO: “PATUANELLI È LA BOSCHI DEL M5S: TERZO MANDATO CON PLURICANDIDATURE” – PER LA CAMERA, IN CALABRIA, CORRERANNO RICCARDO TUCCI, IMPUTATO PER FRODE FISCALE, E LA ROMANA VITTORIA BALDINO, FEDELISSIMA DI CONTE CHE CORRE AL SUD GRAZIE ALLA DEROGA AL PRINCIPIO DI TERRITORIALITÀ...

    business

    cronache

    LE MANI RUSSE SULL'ITALIA - SECONDO LA FONDAZIONE NAVALNY, DMITRY MEDVEDEV È IL BENEFICIARIO REALE DI UNA ELEGANTISSIMA PROPRIETÀ IN ITALIA, IN TOSCANA, NEL CHIANTI, UNA FATTORIA E AZIENDA VITIVINICOLA DI 36 ETTARI, DI NOME L'AIOLA – MEDVEDEV HA NEGATO TUTTO COME FECE ANCHE IL PRESUNTO PRESTANOME, CHE FU A LUNGO UNO DEI VICEDIRETTORI DI GAZPROMBANK, ILYA ELISEEV – MA PERCHE’ LA PROPRIETÀ, RILEVATA NEL 2012, È STATA SCHERMATA DIETRO SOCIETÀ OFFSHORE? PERCHÉ UNA SQUADRA DEL FSO - IL SERVIZIO SEGRETO RUSSO INCARICATO DELLA SICUREZZA DEI PRESIDENTI - ERA DI STANZA UFFICIALMENTE LÌ? E PERCHÉ C'ERA UNA NO-FLY ZONE UFFICIALE SOPRA L'AREA?

    sport

    cafonal

    viaggi

    salute