CAFONALINO – NON SOLO SULLO SCHERMO, VOLANO SCARPE ANCHE IN VIA CONDOTTI PER IL CINE-MATTONE “AUSTRALIA” – E PERFINO PER VEDERE UN PAIO DI CALZATURE ROMA SFACCENDONA SI PRECIPITA DA FERRAGAMO (MA A CASA NON HANNO LA TV?)…

Condividi questo articolo

K.P. per \"Il Tempo\"
Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

FerragamoFerragamo - Copyright Pizzi

Dice di non essere orgogliosa della sua performance nel film «Australia». «Non sono riuscita a connettermi emotivamente» al tono della storia», ha spiegato Nicole Kidman, in questi giorni al cinema con la pellicola epica di Baz Luhrmann.

Soddisfatti ed eccitati, invece, alla Salvatore Ferragamo, il mitico marchio che ha portato le scarpe made in Italy in tutto il mondo. «Che c\'azzecca?», chiederà qualcuno? Ad unire l\'azienda fiorentina e la star di Hollywood ci sono proprio le scarpe indossate nel film.

Un\'edizione limitata che è stata presentata con un cocktail nello store di Ferragamo di via Condotti.

Curiosi e invitati hanno potuto ammirare da vicino le «Lady Sarah», i sandali in velluto rosso identici a quelli indossati dalla Kidman sul set che si vendono accompagnati da un particolare packaging e da un certificato di autenticità che ne illustra la storia e la lavorazione artigianale.

I designer, per queste calzature, poiché la storia è ambientata negli anni \'40, hanno fatto un grosso lavoro negli archivi dell\'atelier alla ricerca di colori, materiali e decori originali dell\'epoca.

In via Condotti, assente colei che ha indossato per prima le scarpe rosse spuntate (ma c\'è anche la versione nera), c\'erano tra gli altri Costanza di Canossa, Stefano Pulzoni e Patricia Martani, Jas Gawronski con la figlia Carolina, Daniele Taddei, Manfredi e Guendalina Mancinelli Scotti, Duccio Giordano e Luna Lanzara.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute