UN ANNO SENZA MARCO TRANI - IL NOSTRO PIU’ GRANDE DISC JOCKEY CELEBRATO CON UN COFANETTO DI DUE DISCHI CHE RACCHIUDONO LA SOTTOCULTURA DELLA NOTTE

Il suo collega e amico fraterno Corrado Rizza ha deciso di raccontare in un documentario la storia di Marco. Per tutti gli addetti ai lavori e non solo Marco è stato il dj più rappresentativo degli anni 80/90 in Italia. Tante le testimonianze di suoi i amici/colleghi, da Jovanotti a Fiorello…

Condividi questo articolo

Il 21 settembre dello scorso anno è scomparso all'età di 53 anni il dj Marco Trani. A distanza di 1 anno dalla sua comparsa il suo collega e amico fraterno Corrado Rizza ha deciso di raccontare in un documentario la storia di Marco. Per tutti gli addetti ai lavori e non solo Marco è stato il dj più rappresentativo degli anni 80/90 in Italia.

Rizza Dagostino Marco Trani Rizza Dagostino Marco Trani

 

Ma l'eco del suo talento e della sua tecnica straordinaria ha varcato i confini, anche perché Marco, oltre ad aver lavorato in centinaia di locali italiani, ha esportato le sue serate al “Pacha” di Ibiza, al “Les Bains” di Parigi, al “Ministry of Sound” di Londra ed in tantissimi altri prestigiosi club.

 

Tra i primi dj/remixer e produttori di musica Dance italiana, molte sono state le collaborazioni di Marco con artisti famosi anche a livello internazionale: Mike Francis, Amii Stewart, Talk Talk , F.P.I. Project, Jovanotti, Renato Zero…. Circa 4 anni fa Marco e Corrado pubblicarono il libro “I Love the Nightlife”, edito da Wax Production, e avevano prodotto un documentario, ancora inedito con il medesimo titolo, che raccontava la storia del clubbing italiano ed internazionale.

Marco Trani Marco Trani

 

Corrado Rizza ha deciso quindi di estrapolare le interviste più importanti di tanti colleghi nonché amici di Marco e realizzare STRANI RITMI inserendo peraltro l'intervista integrale ed inedita allo stesso Trani fatta in occasione del loro precedente lavoro, in cui Marco si racconta dagli inizi della sua carriera.

 

Tutte le interviste quindi, oltre ad essere inedite, sono state fatte quando Marco era ancora in vita e la cosa rende il tutto ancora più sincero e credibile perché, Marco, già da tanti anni era un mito per tutti. Tante le testimonianze di suoi i amici/colleghi molti oggi diventati famosi, da Jovanotti a Fiorello, da Roberto D'agostino ad Albertino, da Claudio Coccoluto a Paolo Micioni e tante le partecipazioni speciali di grande prestigio come quella di Carlo Verdone, Boy George, Frankie Knuckles, David Morales, Joey Negro, Hector Romero, Marco Fullone, Massimino Lippoli, Mauro Ferrucci, Gazebo, Luca de Gennaro, Claudio Casalini, Dr. Felix e tanti, tanti altri.

Marco Trani Roberto Dagostino e Claudio Rizza Marco Trani Roberto Dagostino e Claudio Rizza

 

Nel documentario di oltre 45 minuti ci sono filmati di repertorio e foto di Marco degli anni 80/90, filmati rari e inediti girati in un periodo senza smartphone e che oggi li rende di grande interesse storico.

 

Il Booklet contiene racconti e foto di Marco estrapolati dal suo precedente libro ed il CD una raccolta di “classici” selezionata da Corrado Rizza: dal funky ai primi dischi house, musica condivisa dai due nelle notti nei club e nelle giornate di profonda amicizia.

 

STRANI RITMI - LA STORIA DEL DJ MARCO TRANI COFANETTO IN VENDITA SU AMAZON

http://www.amazon.it/Strani-Ritmi-Storia-Marco-Trani/dp/B00NNS8R8S/ref=sr_1_1?s=music&ie=UTF8&qid=undefined&sr=1-1&keywords=strani+ritmi

Marco Trani e Claudio Rizza Marco Trani e Claudio Rizza

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

VIDEO: CORONA IN AMBULANZA! MICA L'HANNO MENATO IN VENTI, ''FURBIZIO'' RACCONTA AGLI INFERMIERI CHE I GRAFFI SE LI È FATTI SUI ROVI: ''SONO CADUTO TRA LE PIANTE''. LORO VOGLIONO PORTARLO IN OSPEDALE MA LUI VORREBBE RECUPERARE IL TELEFONO. ''MI HANNO TENUTO IN QUATTRO PUNTANDOMI IL COLTELLO ADDOSSO. HO FATTO 6 ANNI DI GALERA MA…''  - ALLORA CORONA A QUALCOSA SERVE: È IN CORSO AL "BOSCHETTO DELLA DROGA" DI ROGOREDO UN CONTROLLO DEI CARABINIERI PER ABBATTERE LE BARACCHE DEI PUSHER

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute