IL CINEMA DEI GIUSTI - ‘VISAGES, VILLAGES’, LO STREET ARTIST JR E LA 90ENNE AGNES VARDA, DUE GENERAZIONI A CONFRONTO, UN VIAGGIO ALLA RICERCA DI UNA UMANITÀ E DI UNA VERITÀ CHE ANCORA ESISTE NEL CUORE DELLA FRANCIA E DELL’EUROPA. AGNES VARDA CI DIMOSTRA CHE LA NOUVELLE VAGUE È ANCORA CON NOI. ANCHE SE JEAN-LUC GODARD NON LE HA APERTO LA PORTA…

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

Visages, Villages di Agnes Varda e JR

 

 

visages villages visages villages

Lui è un giovane artista di street art, fotografo e videomaker molto alla moda, soprattutto in America. Lei è una anziana signora che ha da poco vinto l’Oscar alla carriera che può vantarsi di essere stata l’unica donna della Nouvelle Vague, e anzi di averne fatto parte ancor prima che nascesse. Ecco. Visages, Villages, sorta di diario filmato a quattro mani da JR e da Agnes Varda, salutato a Cannes come un capolavoro, nominato come miglior documentario agli Oscar, presentato in questi giorni a Milano alla Fondazione Prada e al Nuovo Sacher di Nanni Moretti, ci mostra il rapporto fra due persone di generazioni e di interessi del tutto diversi, ma uniti nella ricerca della realtà che i volti e i luoghi dove vivono certe persone descrivono e ci possono trasmettere.

visages villages visages villages

 

Il film, che mentre si sviluppa ci mostra anche molto dei suoi autori, è una sorta di viaggio, condotto proprio sul camioncino-laboratorio di JR, alla ricerca di una umanità e di una verità che ancora esiste nel cuore della Francia e dell’Europa. Raccontata appunto dai volti e dalle storie di minatori, operai, mogli di operai, ma anche scrittori, artisti. E non ci si può non commuovere quando Agnes Varda porterà JR coi suoi occhiali neri sulla tomba di Cartier-Bresson, o davanti alla casa di Jean-Luc Godard, che non si farà trovare, ma le lascerà un criptico messaggio su Jacques Demy, marito scomparso della Varda, che la farà piangere di fronte alla macchina da presa.

visages villages visages villages

 

Perché, alla fine, ogni volto, ogni luogo, ci riporta a una storia, a una memoria, privata o collettiva, che ci fa emozionare e rimette in moto la storia di una cultura, di un paese. In un periodo così apparentemente buio per la cultura europea, Visages, Villages non si limita a tornare indietro nel viaggio nella memoria del ’900, ma ci mostra come la memoria e la sua messa in scena possano svilupparsi in racconto, in immagine, in cinema.

 

visages villages visages villages

Al punto di farci partecipare emotivamente, noi spettatori, come se fossimo non fuori dall’inquadratura, ma parte dell’immagine ripresa. Coi suoi novant’anni, più o meno, col suo buffo caschetto bicolore, con la sua grazia, Agnes Varda ci dimostra che la Nouvelle Vague non solo non è finita, ma che è ancora con noi. Anche se Jean-Luc Godard non le ha aperto la porta. In sala.

visages villages visages villages JR AGNÈS VARDA JR AGNÈS VARDA visages villages visages villages

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

GIUSEPPE CONTE BLINDA CASALINO, DOPO L’AUDIO IN CUI EVOCA UN REPULISTI AL MEF, MA AL GOVERNO CRESCE L’INSOFFERENZA PER IL PORTAVOCE: C'È CHI LAMENTA I SUOI ATTEGGIAMENTI “DA PRIMA DONNA” E CHI LO DESCRIVE COME “PIÙ POTENTE DEL CAPO POLITICO DEL MOVIMENTO, O QUASI” - TUTTE LE ATTIVITÀ DI GOVERNO DEVONO PASSARE DALLA SUA CHAT E DIVERSI MINISTRI HANNO DATO SEGNI DI DISAGIO. CON INDIPENDENTI DEL CALIBRO DI ENZO MOAVERO STA ATTENTO A NON INVADERE IL CAMPO MA CON GLI ALTRI...

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO