DEVOTI E DEFORMI - LE INCREDIBILI FOTO DELLA “FESTA DEI GIGLI” A NOLA, DOVE I “CULLATORI” PORTANO A SPALLA ENORMI STRUTTURE DI LEGNO CHE DETURPANO LE SPALLE CON ENORMI CALLI, IN GLORIA DI DIO

La festa cattolica è dedicata a San Paolino, si celebra da ben 1.604 anni ed è patrimonio dell’UNESCO. Il fotografo Antonio Busiello ha immortalato l’evento annuale, quando “i gigli” di legno, alti 25 metri e pesanti 25 quintali, sfilano per le strade...

Condividi questo articolo

Da www.dailymail.co.uk

 

processione per le strade di nola processione per le strade di nola

Ogni anno a Nola, la domenica successiva al 22 giugno, per i sette giorni successivi, si svolge “La Festa dei Gigli”, dove centinaia di uomini devoti si deformano il corpo in nome della religione.

 

La festa cattolica è dedicata a San Paolino, che secondo la tradizione diede i suoi possedimenti e la sua libertà per salvare gli abitanti durante l’invasione dei visigoti nel 410.  Il suo sacrificio è ricordato e celebrato da allora, da ben 1.604 anni. L’evento è “Patrimonio orale e immateriale dell’umanità”, il che vuol dire che riceve finanziamenti dall’UNESCO per assicurare che la tradizione non scompaia.

operai al lavoro sui gigli operai al lavoro sui gigli

 

La festa rientra nella rete delle grandi macchine a spalla italiane. Per le strade sfilano “i gigli”, torri piramidali di legno, alte 25 metri e pesanti oltre 25 quintali. Grazie alle barre ogni “giglio” viene sollevato e manovrato a spalla dai "cullatori". L'insieme dei cullatori, circa 120 uomini, prende il nome di "paranza". A rendere la situazione più pesante, ci sono bambini e i musicisti che saltano sulle strutture e vengono trasportati fino al centro, a Piazza del Duomo.

 

L’enorme sforzo forma orrendi calli sulle loro spalle, ma gli uomini non li nascondono, li mostrano orgogliosi come simbolo di devozione e sacrificio. Lo stimato fotografo Antonio Busiello ha immortalato i “cullatori” in una serie di immagini che nel 2013 hanno vinto la medaglia d’oro per la “Royal Photographic Society Print Exhibition”.

musicisti e bambini saltano sul giglio musicisti e bambini saltano sul giglio

 

Busiello ammira la mancanza di vanità di queste persone. In un’epoca dove tutti sono ossessionati dall’estetica e dalla forma perfetta, i cullatori sono pronti a immolarsi in nome della religione e della tradizione.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

VIDEO: CORONA IN AMBULANZA! MICA L'HANNO MENATO IN VENTI, ''FURBIZIO'' RACCONTA AGLI INFERMIERI CHE I GRAFFI SE LI È FATTI SUI ROVI: ''SONO CADUTO TRA LE PIANTE''. LORO VOGLIONO PORTARLO IN OSPEDALE MA LUI VORREBBE RECUPERARE IL TELEFONO. ''MI HANNO TENUTO IN QUATTRO PUNTANDOMI IL COLTELLO ADDOSSO. HO FATTO 6 ANNI DI GALERA MA…''  - ALLORA CORONA A QUALCOSA SERVE: È IN CORSO AL "BOSCHETTO DELLA DROGA" DI ROGOREDO UN CONTROLLO DEI CARABINIERI PER ABBATTERE LE BARACCHE DEI PUSHER

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute