FINALMENTE ISABELLA FERRARI LO RICONOSCE: "È GRAZIE A CARLO VANZINA SE SONO UN’ATTRICE" – “PER ANNI HO QUASI RINNEGATO ‘SAPORE DI MARE’. MI SENTIVO INGABBIATA NEL RUOLO DI SELVAGGIA, POI HO CAPITO E HO FATTO IN TEMPO A DIRGLIELO" - "IN ALCUNI CASI I FILM DEI VANZINA MI RICORDANO I RACCONTI DI BALZAC. IN MOLTI HANNO TENTATO DI IMITARLI, CON SCARSISSIMI RISULTATI” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

SELVAGGIA ISABELLA FERRARI SELVAGGIA ISABELLA FERRARI

Alessandro Ferrucci per il Fatto Quotidiano

 

"Mi aveva vista nel programma di Gianni Boncompagni e cercata per un provino. Accettai, ovviamente. Così a 17 anni partii per Roma insieme a mia madre, in totale incoscienza: non avevo studiato neanche le battute del film. Arrivai. Mi presentai. E trovai una persona calma, sorridente che invece di un classico provino mi scelse dopo una sorta d' intervista".

in ricordo di carlo vanzina 1 in ricordo di carlo vanzina 1

Carlo Vanzina aveva appena scovato nella 17enne Isabella Ferrari la sua Selvaggia di Sapore di mare .Presa subito.

Non sono più ripartita da Roma, con lui non c' è stata la consumata formula "brava, ti faremo sapere", ma "va bene, cominciamo tra poco".

In mezzo a un bel cast.

selvaggia isabella ferrari selvaggia isabella ferrari

Il primo giorno di set mi trovo accanto a Gianni Ansaldi, non sono tranquillissima, ma tutto bene; il secondo però ho davanti Virna Lisi, un' emozione assurda.

Il suo personaggio è diventato cult.

alberto sordi con carlo e enrico vanzina alberto sordi con carlo e enrico vanzina

Improvvisamente le persone mi riconoscevano per strada, ma solo come Selvaggia, e a un certo punto sono stata assalita da un senso di ribellione, non ne potevo più, mi sentivo ingabbiata, per anni ho quasi rinnegato quel film. Fino a quando Sono cresciuta e lo specchio si è ribaltato: finalmente ho ricominciato a provare affetto per quel personaggio. A Selvaggia e a Carlo devo veramente molto.

 

È riuscita a dirglielo?

Per fortuna sì. Spesso ci siamo incrociati, in particolare per le partite della Roma e più volte gli ho riconosciuto un merito o demerito: sono diventata attrice grazie a lui.

SELVAGGIA ISABELLA FERRARI 7 SELVAGGIA ISABELLA FERRARI 7

 

La sua reazione?

In perfetto stile Carlo Vanzina: un sorriso affettuoso, uno dei suoi, mai sguaiato, mai invadente, sempre leggero; perché riusciva ad associare l' entusiasmo alla calma, in questo modo estraeva il meglio dagli attori.

 

Il suo sguardo tranquillizzava.

Specialmente quando si hanno 17 anni. Davvero, incontrarlo è stata una fortuna, con qualunque altro regista la mia vita non sarebbe stata semplice; e con il passare degli anni ho compreso sempre meglio il valore di quell' esperienza sul set.

 

ciavarro sapore di mare ciavarro sapore di mare

Ora verrà rivalutato o solo chiuso nei Cinepanettoni?

Penso di sì, se lo merita: insieme al fratello hanno creato uno stile di narrazione; uno stile che molti altri hanno tentato di imitare, ma con scarsissimi risultati. In alcuni casi i loro film mi hanno ricordato i racconti di Balzac. Grazie, perché In qualche modo è riuscito a farmi fare pace con i miei tormenti.

 

isabella ferrari isabella ferrari sapore di mare sapore di mare isabella ferrari isabella ferrari SAPORE DI MARE SAPORE DI MARE enrico e carlo vanzina enrico e carlo vanzina SAPORE DI MARE SAPORE DI MARE in ricordo di carlo vanzina 4 in ricordo di carlo vanzina 4 ISABELLA FERRARI ISABELLA FERRARI marco travaglio e isabella ferrari marco travaglio e isabella ferrari

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute