QUANDO IL MONDO ERA UN MÉLO MERAVIGLIOSO – LA STORIA DEI CINEROMANZI, FOTOROMANZI COMPOSTI PRENDENDO I FOTOGRAMMI DEI FILM E AGGIUNGENDO DIDASCALIE E FUMETTI – 'SUPER CINEMA', 'I GRANDI FILMS', 'CINEROMANZO GIGANTE', PRODOTTI PIRATA CHE NASCONO E MUOIONO CON IL BOOM ECONOMICO - RIDOTTI A RACCONTO, I TITOLI DIVENTANO UN UNICO GRANDE FILM MELODRAMMATICO

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Emiliano Morreale per “la Repubblica”

 

cineromanzo il gigante james dean elizabeth taylor cineromanzo il gigante james dean elizabeth taylor

Nell' Italia del dopoguerra nacque un genere tutto nuovo, una forma di espressione riservata al popolo e alle lettrici: il fotoromanzo. (…)

 

Meno noto è il fatto che quasi subito il fotoromanzo si mescola nuovamente con il cinema, e ne nasce un prodotto singolare, anch' esso italianissimo, e che conoscerà qualche fortuna anche nei paesi ispanici e in Francia: il cineromanzo.

 

Si tratta di prodotti tra i più lumpen nella storia dei media del Novecento, e il loro studio è difficile perché poco si sa del loro funzionamento. Autori e modi di produzione restano pressoché sconosciuti.

 

cineromanzo fronte del porto cineromanzo fronte del porto

Poco a poco, questo mondo sommerso è tornato alla luce grazie ad alcuni studiosi, e soprattutto alla lunga fedeltà di appassionati (…) che li leggevano nella loro infanzia e adolescenza, e hanno conservato gelosamente le loro collezioni, rimpolpandole nei mercatini attraverso gli anni.

 

(…)

 

I cineromanzi erano, in pratica, fotoromanzi composti prendendo i fotogrammi dei film e aggiungendo didascalie e fumetti. In parte eredi degli adattamenti illustrati dei film, risalenti agli anni Dieci e sempre pieni di immagini ( con titoli come "Cinevita" e "I filmi appassionanti"): il cineromanzo sembrerebbe quindi un sostituto del film, un modo per portarselo a casa.

 

Ma in realtà pare che per i lettori il legame col film d' origine fosse meno importante della materia romanzesca in sé.

 

cineromanzo sophia loren in la donna del fiume 1 cineromanzo sophia loren in la donna del fiume 1

Ridotti a racconto, i singoli titoli diventano tutti simili, un unico grande film, riraccontato sulla carta. Il fatto è che cinema, fotoromanzo e cineromanzo sono figli di un immaginario comune, di un' immaginazione melodrammatica che, nella versione del cineromanzo, riduce (o riconduce) appunto tutto il cinema a un unico grande mélo: i film di Antonioni e Catene, Senso, La strada, i filmsceneggiata napoletani e James Dean.

cineromanzo sophia loren in la donna del fiume cineromanzo sophia loren in la donna del fiume

 

(…) Se alla fine degli anni Quaranta ci sono già dei cineracconti che arrivano a un passo dal fotoromanzo, la stagione d' oro (con il balloon vero e proprio) comincia probabilmente con "Super cinema", alla fine del 1950 (prima uscita Il brigante Musolino) e l' apogeo è a metà del decennio: nascono e muoiono "Fotoromanzo gigante", "I grandi films-I capolavori dello schermo", "Amica film", "I vostri film-romanzo".

 

La lavorazione era a volte piratesca, fatta all' insaputa dei produttori (specie per i film americani): da copie pirata si prelevavano fotogrammi e li si componeva alla bell' e meglio, aggiungendo il testo e stampandoli su carta da quattro soldi. Eppure non sempre era così.

 

cineromanzo la strada cineromanzo la strada

Ad esempio "Cineromanzo gigante" era pubblicato dalla Lanterna Magica, in realtà una emanazione delle produzioni De Laurentiis. Sono tra i cineromanzi di miglior qualità, che fanno largo uso anche di foto di scena, hanno un' autrice che firma i testi (Mara Baldeva), un ampio formato, ottima carta e a volte escono in contemporanea con i film (per La donna del fiume di Soldati addirittura prima), in sinergia con le produzioni della casa.

cineromanzo senso cineromanzo senso

 

In una produzione senza autore, emerge in questi ultimi pubblicazioni la figura di un editore creativo, Franco Bozzesi, che mette a punto un tipo di vignette con effetto "sfumato" riquadrando le inquadrature.

 

Sono sue "Star" e "I grandi film", forse le pubblicazioni più curate(…).

 

cineromanzo la donna del fiume cineromanzo la donna del fiume

La parabola del cineromanzo finisce col boom, anche se conosce qualche incarnazione successiva, in particolare in versione erotica. Se il cineromanzo è un prodotto reietto, il cineromanzo erotico è ultimo tra gli ultimi.

 

(…) Ma qui siamo già in altro sottobosco, e l' immaginazione melodrammatica si innesta sulle rubriche della posta, immaginari maschilisti e spinte di liberazione sessuale. Altre contraddizioni, altre ambiguità, un' altra Italia, che dal fondo dell' editoria più "ignobile" vengono illuminati in maniera sorprendente e imprevista.

cineromanzo il brigante musolino cineromanzo il brigante musolino cineromanzo la notte cineromanzo la notte

 

Condividi questo articolo

media e tv

“BELEN È STATA IL MIO PIÙ GRANDE AMORE” - FABRIZIO CORONA SI CONFESSA A “VERISSIMO”: “IO E SILVIA PROVVEDI NON SIAMO MAI STATI UNA COPPIA. SIAMO DUE PERSONE DIVERSE CHE NON C’ENTRANO NULLA L’UNA CON L’ALTRA: SEMBRIAMO DUE ESTRANEI - NINA MORIC? È LA PERSONA PIÙ BUONA CHE ESISTA MA È ANCHE UNA PERSONA MOLTO PROBLEMATICA. E MOLTI PROBLEMI NASCONO PER COLPA MIA. IO E MIA MADRE NON CI PARLIAMO DA MOLTO TEMPO PER ORA NON VOGLIO UN RAPPORTO NÉ CON LEI NÉ CON I MIEI FRATELLI”

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO