SERVI E VASSALLI – RESO OMAGGIO ALLA COPPIA DAGO-ZERI, SEBASTIANO VASSALLI RENDE L’ONORE DELLE ARMI A BERLUSCONI CHE CANTA A NATALE PER I VECCHIETTI DI CESANO BOSCONE – AMORALE DELLA FAVA: “LE MINORENNI, VERE O PRESUNTE, FANNO NOTIZIA; I MALATI DI ALZHEIMER NO”

''Preferisco approfittare della sentenza della Cassazione a favore di Silvio Berlusconi, per dire ancora qualcosa di scorretto sulle cene eleganti di Arcore: dove le creature indifese, le pecore, si è poi visto che non erano così indifese da non potersi mangiare qualsiasi lupo"... -

Condividi questo articolo

sebastiano vassalli 3 sebastiano vassalli 3

Sebastiano Vassalli per Corriere della Sera

 

Pensare ogni tanto cose politicamente scorrette fa bene al cuore, al fegato ma soprattutto serve a migliorare l’umore. Gli iniziatori di questa corrente di pensiero sono stati — trent’anni fa — Roberto D’Agostino (autore dell’indimenticabile “Come vivere, e bene, senza i comunisti’’) e il suo amico e maestro, il grande Federico Zeri (1921-1998).

 

DAGO -SBUCCIANDO PISELLI COVER DAGO -SBUCCIANDO PISELLI COVER

Ma cos’è, oggi, politicamente scorretto? Parlare male delle donne l’8 marzo? Dire che vabbè, se anche la Grecia uscisse dall’euro, cercheremmo di farcene tutti quanti una ragione; spiegare ai migranti che la traversata a nuoto del Mediterraneo in fondo non e così indispensabile per loro e nemmeno per noi?

 

Sono cose sgradevoli e funzionano male. Preferisco approfittare della sentenza della Cassazione a favore di Silvio Berlusconi, per dire ancora qualcosa di scorretto sulle cene eleganti di Arcore: dove le creature indifese, le pecore, si è poi visto che non erano così indifese da non potersi mangiare qualsiasi lupo.

 

Fedele-Confalonieri-Berlusconi Fedele-Confalonieri-Berlusconi

Quelle cene, nel mio sistema di pensiero, sono state bilanciate dal Natale di Cesano Boscone: quando Berlusconi, accompagnato al pianoforte da Fedele Confalonieri, ha cantato per i malati di Alzheimer e lo ha fatto soltanto per generosità. Il tribunale non lo costringeva a essere lì a Natale; a metterci la voce e il suo migliore amico. E non lo ha fatto nemmeno per pubblicità; la cosa si è saputa soltanto adesso e senza clamore. È la solita storia: le minorenni, vere o presunte, fanno notizia; i malati di Alzheimer no.

SILVIO BERLUSCONI AI SERVIZI SOCIALI A CESANO BOSCONE SILVIO BERLUSCONI AI SERVIZI SOCIALI A CESANO BOSCONE

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal