TODOS ESPIADOS - NELL'HACKERGATE DE' NOANTRI, CI SAREBBE MEZZA HOLLYWOOD: SECONDO I PM, GIANLUCA NERI ERA RIUSCITO A ENTRARE NELLE EMAIL E DATI PERSONALI DI ROBERT DOWNEY JUNIOR E ANNA WINTOUR, JULIANNE MOORE E RON HOWARD -

Quando il processo inizierà, sui giornali finiranno tutte le mail dei famosi che hanno lasciato traccia sui dispositivi sequestrati a Gianluca Neri, Selvaggia Lucarelli e Guia Soncini, che li inoltrava ai suoi contatti per commentarne i contenuti...

Condividi questo articolo

Marianna Aprile per "Oggi"

elisabetta canalis brian perry il giorno dopo le nozze elisabetta canalis brian perry il giorno dopo le nozze

 

Elisabetta Canalis è tornata a Milano nei giorni in cui imperversava la notizia sull’hackeraggio della sua mail. Dopo essersi sfogata con Oggi sull’accaduto, ha deciso di non commentare più, di godersi la sua città, sfoggiare il pancione ormai evidente e lasciarsi alle spalle quella storia.

 

Federica Fontana Federica Fontana

I fatti risalgono al 2010. Una vita fa. In questa, di vita, c’è solo Brian, suo marito, e l’attesa della piccolina di casa, che arriverà a settembre. Ma i calendari hanno il vizio di far beffe, e così succede che, dopo la prima udienza “tecnica” il 19 giugno, a settembre entrerà nel vivo anche il processo per quell’hackeraggio, che vede imputati le giornaliste Selvaggia Lucarelli e Guia Soncini e il blogger Gianluca Neri, con l’accusa di aver spiato nelle mail e nei dati personali di una trentina di vip oltre alla Canalis e di aver cercato di vendere a un settimanale le foto della festa privata che George Clooney diede per l’allora sua Eli.

 

ANCHE FARGETTA E MELITA

melita toniolo melita toniolo

Quando il processo inizierà, sui giornali finiranno tutte le mail dei famosi che hanno lasciato traccia su Pc, chiavette Usb e cellulari degli indagati (in totale, 26 dispositivi), analizzati in 69 pagine finite negli atti dell’inchiesta. Come quelle del 31 luglio 2009 tra il marito di Federica Panicucci, Mario Fargetta, e Melita Toniolo, in cui i due sembrano essere in grande confidenza. O tra Mara Venier e Paola Perego. E ancora, quelle di Ethan Hawke, Jamie Lee Curtis, Anna Wintour e Blake Lively che Guia Soncini inoltrava ai suoi contatti per commentarne i contenuti.

Bacio Panicucci Fargetta Bacio Panicucci Fargetta

 

Quelle di Robert Downey Jr che si barcamena tra la Lively e Scarlett Johansson. Nomi, nomi e ancora nomi, finiti nelle carte anche solo perché le loro rubriche telefoniche sono state “hackerate” dal cloud (è il caso di Eva Riccobono, Daniele Luchetti, Paolo Guzzanti, Angelo Badalamenti, lo chef Mario Batali, Paolo Virzì; di Veronica Maya era annotata anche la password della mail; di Emanuele Filiberto di Savoia anche gli estremi delle carte di credito).

ROBERT DOWNEY JR IN IRON MAN TRE ROBERT DOWNEY JR IN IRON MAN TRE

 

Nel lungo elenco di volti noti “schedati” in quelle memorie, ed elencati nelle carte, ci sono le attrici premio Oscar Marisa Tomei e Julianne Moore, Jessica Alba, la star di E.R. Julianna Margulies. E ancora, il regista premio Oscar Ron Howard, Amber Rose, il regista di The Facebook Aaron Sorkin e la regina delle serie tv Shonda Rhimes, quella di Grey’s Anatomy (agli atti, anche le mail di Patrick Dempsey-Dereck, Ellen Pompeo-Meredith e di tutti gli altri protagonisti del cast).

rihanna con anna wintour rihanna con anna wintour

 

I NODI DA SCIOGLIERE

Il processo dovrà innanzitutto definire le responsabilità dei tre, le cui posizioni secondo l’accusa sarebbero assai diverse: c’era chi hackerava? Chi monitorava le mail hackerate? E chi provava a trarre profitto dalle notizie così ottenute? Si dovrà poi dimostrare che le fotografie della festa di compleanno di Elisabetta, a casa Clooney, non sono state trovate su 4chan.org (sito su cui gli hacker scambiano materiale) come ha sostenuto Neri, ma prelevate dalla mail di Federica Fontana (gli scatti li aveva fatti suo marito Felice), e che dietro la trattativa per venderle a Chi c’erano la Lucarelli e Neri.

 

julianne moore e julianna margulies julianne moore e julianna margulies

Le carte dicono che sul Pc di Neri non ci sono tracce di connessioni a 4chan nel periodo oggetto dell’indagine (11 settembre 2010-1° giugno 2011). E anche che il tentativo di vendita delle foto a Chi avvenne tramite un indirizzo mail (giorgio.clone61@gmail.com) di cui Neri e Lucarelli dicono di non sapere nulla.

 

GIANLUCA NERI GIANLUCA NERI

Ma il 10 ottobre 2010, in piena trattativa, Neri scrive a Lucarelli: «Se hanno bisogno di una mail, dagli giorgio.clone61@gmail.com». Pochi giorni dopo, avendo la Canalis sporto denuncia, la Lucarelli viene sentita dagli investigatori e, all’uscita, risponde così a un sms di Neri: «Sono convinti che nasconda la fonte. Ho chiarito che era una mail di tale Giorgio Clone e che non so chi sia». Non solo: negli sms tra Neri e Lucarelli, gli inquirenti leggono la prova dell’intenzione di mettere in piedi un blog di gossip da alimentare con le notizie tratte dalle mail.

GUIA SONCINI GUIA SONCINI selvaggia lucarelli 5 selvaggia lucarelli 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal