CRIMINI RIMINI – UN37ENNE ORIGINARIO DEL BANGLADESH VIOLENTA UNA TURISTA DANESE 26ENNE – L’UOMO, VENDITORE DI ROSE ABUSIVO, IN PASSATO ERA GIÀ STATO DENUNCIATO 3 VOLTE PER VIOLENZA SESSUALE, ANCHE SU MINORE - IL PRECEDENTE DEL BRANCO DEGLI ORRORI DI BUTUNGU

-

Condividi questo articolo

Claudio Cartaldo per www.ilgiornale.it

 

stupro stupro

L’ha aggredita domenica all’alba, a Rimini, luogo che evoca i ricordi degli orrori del branco di Butungu.

 

 

Una turista danese è caduta vittima di un 37enne venditore ambulante di rose originario del Bangladesh.

 

I carabinieri di Rimini hanno immediatamente catturato l’uomo, già noto alle forze dell’ordine. Neppure 24 ore dopo la denuncia presentata dalla 26enne, i militari hanno raggiunto e catturato il bengalese. Che ora dovrà rispondere dell’accusa di violenza sessuale.

 

Il fatto è che il venditore di rose abusivo è noto alle forze dell’ordine perché in passato era già stato denunciato alte tre volte per violenza sessuale. In due casi, le vittime che lo aveva denunciato erano maggiorenni. Nel terzo caso si trattava di una minorenne.

 

La ricostruzione

Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni, l'uomo ha aggredito una giovane donna che passeggiava da sola in direzione del proprio albergo. L'uomo l'avrebbe palpata nelle parti intime, dopo averle fatto i complimenti. Il bengalese era in bicicletta: dopo le grida della ragazza, si è dato alla fuga. La ragazza, che racconta di aver provato un forte dolore, ha trovato rifugio in un bar. Qui, ancora in fase di choc, ha avvertito i carabinieri ed è stata raggiunta da una pattuglia dell'Arma.

stupro rimini stupro rimini

 

La giovane danese avrebbe rifiutato di sottoporsi ai controlli medici e di depositare subito la denuncia, ma le indagini - dirette dal sostituto procuratore Davide Ercolani - hanno subito puntato al bengalese, in passato responsabile di analoghi reati e solito passeggiare in zona per vendere le rose. I carabinieri si sono avvalsi della testimonianza di un avventore del bar che avrebbe osservato la scena e di quella del barista, che ha confermato di aver visto il bengalese aggirarsi più volte in zona.

 

Immediate sono scattate le ricerche. L'uomo è stato poi rintracciato il giorno successivo, nella notte di lunedì 27 agosto, sempre in viale Regina Margherita con indosso gli stessi vestiti della notte precedente. La vittima avrebbe riconosciuto il presunto aggressore quale autore della violenza e così il bengalese è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e tradotto al carcere di Rimini. Oggi il Gip di Rimini ha confermato il fermo.

rimini mare spiaggia_950x551 rimini mare spiaggia_950x551

 

Rimini nei giorni scorsi era stato teatro anche di un'altra violenza, questa volta addebitata a due allievi della scuola di polizia. I due hanno confermato il rapporto, ma negano la violenza. "Era consenziente", dicono gli accusati. L'estate di stupri in spiaggia si è ripetuto invece a Jesolo, dove uno straniero è accusato di aver violentato una 15enne. Anche in questo caso il senegalese sostiene che il rapporto fosse consensuale.

guerlin butungu guerlin butungu rimini notte rimini notte guerlin butungu guerlin butungu rimini di notte rimini di notte stupro rimini stupro rimini

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute