EPPUR SI MUOVE! - RITROVATA A LONDRA UNA LETTERA DI GALILEO GALILEI, DATATA 1613, INDIRIZZATA ALL’AMICO BENEDETTO CASTELLI - LA MISSIVA, RISPETTO A UNA PRIMA STESURA, RIPORTA CRITICHE MOLTO PIU' MORBIDE ALLA CHIESA CATTOLICA E AL SUO OSCURANTISMO - LO SCIENZIATO FU COSTRETTO A RIVEDERE I SUOI SCRITTI PER PLACARE L’INQUISIZIONE

-

Condividi questo articolo

Giovanni Caprara per il “Corriere della Sera”

 

Il caso Galileo Galilei non è ancora chiuso. Una lettera trovata in una biblioteca della Royal Society a Londra riapre, in un certo senso, la vicenda offrendo dettagli curiosi sull' atteggiamento del grande scienziato nei confronti della Chiesa per quanto riguarda la teoria che voleva la Terra rotante intorno al Sole.

 

LA LETTERA DI GALILEO GALILEI RITROVATA A LONDRA LA LETTERA DI GALILEO GALILEI RITROVATA A LONDRA

Atteggiamenti che forse nascondono un intrigo o addirittura una falsificazione. La lettera, lunga sette pagine, è stata trovata da Salvatore Ricciardo, storico della scienza dell' Università di Bergamo che l'ha studiata assieme a Franco Giudice della stessa università.

 

L'esame finale di Michele Camerota dell' Università di Cagliari ne ha confermato poi l'autenticità e la rivista scientifica britannica Nature ne rivela ora i contenuti. La lettera firmata G.G. e scritta il 21 dicembre 1613 era indirizzata all' amico Benedetto Castelli, matematico dell' Università di Pisa. In essa Galileo sosteneva che la ricerca scientifica doveva essere libera dalla dottrina cattolica. Il frate domenicano Niccolò Lorini la recapitò all' Inquisizione e ora si trova negli Archivi Vaticani.

GALILEO GALILEI GALILEO GALILEI

 

Galileo scrisse poi all' amico Piero Dini ipotizzando che qualcuno avesse manipolato la lettera aggravando le sue accuse alla Chiesa. Per questo gli inviò una seconda lettera meno aggressiva pregandolo di recapitarla in Vaticano. E questa sarebbe la lettera ora rinvenuta nella biblioteca londinese che dimostrerebbe come Galileo avesse modificato alcune affermazioni rendendole più diplomatiche soprattutto per evitare le prevedibili reazioni dell' Inquisizione.

 

La parola «falsa», ad esempio, riferita alla Bibbia diventò «appare diverso dalla realtà».

Sotto queste correzioni, tuttavia, si scoprono le vere parole usate nella prima missiva che lo portarono al processo celebrato dall' aprile al giugno 1633 e alla condanna di eresia. Dovettero passare 359 anni prima che nel 1992 Papa Giovanni Paolo II riabilitasse il grande scienziato che aveva detto la verità sui moti celesti e fondato la scienza.

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IL PROBLEMA DE ‘LA ZANZARA’ È IL TURPILOQUIO” – CRUCIANI SPIEGA COME SI PUÒ CONTINUARE A SPARARLA GROSSA QUANDO LA REALTÀ SUPERA LA FANTASIA: “LA COMUNICAZIONE DI SALVINI È MERAVIGLIOSA. RUSPA ERA PRIMA E RUSPA È ADESSO. DIETRO ‘LA ZANZARA’ C’È UN LAVORO PAZZESCO. SI MESCOLA L’ALTO E IL BASSO. GIOVANARDI PARLA DI CUCCHI, UN FILOSOFO DI CAZZATE, UNA PORNOSTAR DI SQUIRTING” – LE MOLESTIE? “DENUNCIARE DOPO 20 ANNI È RIDICOLO. ANZI, CI TROVO UNA DOSE DI COLPEVOLEZZA…”

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - SONDAGGI, UMORI E ARDORI A DUE SETTIMANE DAL MIDTERM: UNA MANO A TRUMP LA POTREBBERO DARE I PIÙ DI 7MILA CHE MARCIANO VERSO GLI STATI UNITI DAL MESSICO. VE LO IMMAGINATE L'EFFETTO DELL'ESERCITO SCHIERATO A DIFENDERE I CONFINI? UN ALTRO AUTOGOL DEM? - IL GURU NATE SILVER DICE CHE LA CAMERA PER I REPUBBLICANI È PERSA, MA BERNIE SANDERS AMMETTE CHE ''L'ONDA BLU'' SI È GIÀ INFRANTA E SI GIOCA TUTTO SUL FILO - IL PRESIDENTE FA PACE COI REPUBBLICANI MA GIÀ GUARDA AL 2020

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute