A MILANO LA STORICA FARMACIA CAIAZZO E’ FINITA SOTTO SEQUESTRO - DAL DEPOSITO DELLA FARMACIA VENIVANO ACQUISTATI MEDICINALI A PREZZI SCONTATI, IN GENERE MOLTO COSTOSI, DESTINATI A OSPEDALI PUBBLICI O PRIVATI. MA I FARMACI VENIVANO RIVENDUTI IN MERCATI PARALLELI ALL'ESTERO, DAL MEDIO ORIENTE ALL'ASIA, GENERANDO UN GIRO D'AFFARI FINO A 20 MILIONI L'ANNO. QUESTI STESSI FARMACI SAREBBERO SERVITI A CONFEZIONARE IL CONTRAMAL, LA DROGA DEI COMBATTENTI ISIS

-

Condividi questo articolo

FARMACIA CAIAZZO A MILANO FARMACIA CAIAZZO A MILANO

Da https://www.liberoquotidiano.it

 

Una vicenda piuttosto clamorosa, che arriva dal cuore di Milano: la storica farmacia Caiazzo è finita sotto sequestro preventivo, eseguito dai carabinieri del Nas su richiesta del pm meneghino David Monti. I sigilli sulla storica farmacia a pochi passi dalla stazione Centrale sono dovuti all'ultimo capitolo dell'operazione Contramal, che prende il nome - come sottolinea Il Giorno - dalla cosiddetta "droga del combattente" usata dai miliziani dell'Isis.

 

jihadisti isis jihadisti isis

Nel corso dell'indagine era emerso che dal deposito della farmacia venivano acquistati medicinali a prezzi scontati, in genere molto costosi, destinati a ospedali pubblici o privati. Ma secondo l'accusa i farmaci venivano rivenduti in mercati paralleli all'Estero, dal Medio Oriente all'Asia, generando un giro d'affari fino a 20 milioni l'anno. Questi stessi farmaci sarebbero serviti a confezionare proprio il Contramal. Un'operazione di riciclaggio e truffa ai danni dell'erario e delle case farmaceutiche.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SANTA MARIA...GODETTI – “REPUBBLICA” CANDIDA UFFICIALMENTE PAMELA ANDERSON A LEADER DELL’OPPOSIZIONE IN UN’INTERVISTA CHE LA DIPINGE COME UNA SANTA MARIA GORETTI IMPEGNATA A LOTTARE CONTRO GLI “ABUSI DELL’ECONOMIA GLOBALE” – SOLO FRANCESCO MERLO CON LA ARCURI NEL 2011 RIUSCÌ A FARE DI MEGLIO: VI RICORDATE LA SANTIFICAZIONE CULT DI MANUELONA, CHE FU DEFINITA “LA NOSTRA PICCOLA ANNA MAGNANI” PER AVER DETTO NO A BERLUSCONI IN CAMBIO DI SANREMO? POI SI SCOPRÌ CHE...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute