PADRI CHE ODIANO I FIGLI - TRAGEDIA IN PROVINCIA DI COMO: UN UOMO DÀ FUOCO ALLA CASA, MUOIONO LUI E TRE DEI SUOI QUATTRO BIMBI. NE SOPRAVVIVE SOLO UNO, IN CONDIZIONI GRAVISSIME. LA MADRE ERA RICOVERATA PER DEPRESSIONE - LUI, MAROCCHINO DI 49 ANNI, AVEVA APPENA PERSO IL LAVORO. LA CASA ERA DI UNA FONDAZIONE BENEFICA CHE ACCOGLIE I BISOGNOSI

-

Condividi questo articolo

http://www.ilgiorno.it/

 

Tragedia questa mattina a San Fermo della Battaglia. Un uomo e i suoi quattro figli sono rimasti coinvolti nell’incendio scoppiato in un appartamento all'interno di una palazzina a quatro piani al confine tra i comuni di Como e San Fermo della Battaglia, in via per San Fermo. Il bilancio è drammatico: il padre è morto sul posto mentre tre dei figli sono deceduti dopo il trasporto in ospedale. Gravissimo un quarto bambino. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, 118 e polizia.  A quanto si è appreso, sarebbe stato il padre ad appiccare dolosamente l'incendio per motivi legati a "tensioni familiari".

INCENDIO SAN FERMO DELLA BATTAGLIA COMO INCENDIO SAN FERMO DELLA BATTAGLIA COMO

 

I bambini (due femmine e due maschi, di età compresa tra i 4 e i 14 anni) sono tutti rimasti intossicati dal fumo. Le loro condizioni sono apparse da subito disperate. Due bambine sono state portate all'ospedale Sant'Anna: per entrambe è stato constatato decesso dopo prolungata rianimazione cardiopolmonare. Un altro bimbo è stato portato al Valduce di Como, ma anche per lui non c'è stato nulla da fare. In gravissime condizioni all'ospedale di Cantù un quarto figlio.

 

All'interno dell'appartamento sarebbe stato ritrovato materiale accatastato, che farebbe presupporre che l'incendio sia stato appiccato da qualcuno all'interno dell'abitazione. L'allarme è scattato questa mattina su segnalazione di alcuni vicini di casa. L'appartamento è di proprietà di una fondazione benefica che affitta a persone bisognose. La Procura di Como ha aperto un fascicolo d'indagine per il reato di incendio: "Aspettiamo gli atti per valutare eventuali altre ipotesi di reato", afferma il procuratore Nicola Piacente.

 

 

INCENDIO COMO: FAMIGLIA ERA SEGUITA DA SERVIZI SOCIALI

INCENDIO SAN FERMO DELLA BATTAGLIA COMO INCENDIO SAN FERMO DELLA BATTAGLIA COMO

 (ANSA) - Il 49enne di origine marocchina morto nell'incendio di Como con tre dei suoi 4 figli lavorava in proprio ed era regolare sul territorio italiano mentre la moglie (che non era in casa) pare abbia problemi psicologici e per questo motivo si trova in cura presso una struttura. Tutta la famiglia era seguita dai servizi sociali di Como e si trovava in una situazione di evidente difficoltà.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal