GLI SCHIAVI DELLO SMARTPHONE - SI CHIAMA NOMOFOBIA, È IL TERRORE DI RIMANERE SCOLLEGATI DALLA RETE - E POI C'E' LA "SINDROME DI HIKIKOMORI", UNA DIPENDENZA CHE SPINGE A VIVERE UNICAMENTE IN UN MONDO VIRTUALE - LE CONSEGUENZE? CRISI DI PANICO, NAUSEA, INTERFERENZE SULLA PRODUZIONE DI DOPAMINA, È UNA COSA SERIA, TANTO CHE A GENOVA IL SERT HA ORGANIZZATO UN CORSO PER ADOLESCENTI MALATI DI LIKE...

-

Condividi questo articolo

Marco Bardesono per “Libero quotidiano

 

sindrome di hikikomori sindrome di hikikomori

Crisi di panico, dolori al torace, difficoltà respiratorie, nausea e vertigini. Sono i sintomi più frequenti e comuni che colpiscono i "drogati di smartphone". Un terzo della popolazione studentesca potrebbe essere a rischio. L' emergenza è tale che il Sert dell'Asl3 di Genova ha organizzato "Incomincio da 3", un corso per genitori e malati adolescenti vittime di like, notifiche, post, chat e di tutti i tranelli nei quali si può cadere usando in maniera eccessiva i telefonini.

 

Per partecipare bisogna fare la coda: «Per ora si sono iscritti molti genitori preoccupati, mentre i figli ancora latitano». Non solo a Genova, ma anche a Roma, Verona, Torino e Bologna sono in fase d' avvio progetti che hanno lo scopo di riconoscere i sintomi della malattia e poter guarire dalla "nomofobia", cioè dal terrore di rimanere improvvisamente scollegati dalla rete, come naufraghi su un'isola deserta. La "sindrome di Hikikomori" (il termine giapponese significa isolarsi) è una dipendenza che conduce a vivere in un mondo virtuale non riconoscendo più quello reale.

 

NERVOSI E STRESSATI

drogati di smartphone drogati di smartphone

Per David Greenfield, docente di psichiatria all' Università del Connecticut, «l'attaccamento allo smartphone è molto simile alle altre dipendenze, perché causa interferenze nella produzione della dopamina», il neurotrasmettitore che regola la ricompensa e che incoraggia le persone a svolgere attività che possano offrire piacere. I ragazzi sarebbero incapaci di raggiungere una vera gratificazione nelle relazioni, perché chiusi nel mondo filtrato dei social. Uno studio dell'Università ungherese Lorand Eotvos mostra come i giovani privati del telefonino diventino nervosi e manifestino continui segni di stress.

 

adolescenti smartphone adolescenti smartphone

«Gli ultimi dati - spiega Giorgio Schiappacasse, direttore del Sert che ha organizzato i corsi nel capoluogo ligure - mostrano una predominanza delle dipendenze da Internet e dai social, superata solo dal consumo di hashish. Non ci sarebbe nulla di male se questi strumenti aiutassero ad affrontare la realtà, ma spesso e oltre certi limiti, diventano pericolosi». Attraverso l'uso delle nuove tecnologie i ragazzi si sottraggono al confronto reale, quello fra loro, ma anche con la società; si chiudono in un mondo che non esiste (quello dei social) e si isolano.

 

adolescenti smartphone 2 adolescenti smartphone 2

«A prima vista sembra tutto molto comodo - aggiunge Mara Donatella Fiaschi, vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Liguria -, i social permettono di avere contatti con tutto il mondo, ma sono relazioni parziali. Non dico che non possono avere un loro valore, ma non sostituiscono quelle vere». I primi ad accorgersi dei rischi da overdose di smartphone, sono stati i giapponesi che, analizzando i ritiri di studenti dalle scuole, hanno scoperto che molti ragazzi lasciavano gli studi per evitare contatti con compagni e prof.

 

I "NO" CHE AIUTANO

adolescenti smartphone 1 adolescenti smartphone 1

Un problema che colpisce giovani e giovanissimi, che già devono fare i conti con le crisi dell'adolescenza, un periodo della crescita nel corso del quale emergono altri comportamenti: dalle uscite serali già a 12 e 13 anni, alla ricerca di prestazioni estreme nello sport e nel sesso. «Tutto viene precocizzato - continua Schiappacasse - perché c'è un mercato che spinge a non rispettare i tempi della natura. I giovani vogliono tutto e subito». Alla base c' è uno stile educativo fondato sull' assenza di regole. «Si bruciano le tappe evolutive, i bimbi crescono troppo in fretta - sottolinea Cristiana Busso, psicologa del Sert di Genova Quarto - e un altro aspetto di questa tendenza è la sessualizzazione precoce, con bambine truccate o portate dall' estetista prima di una festa come fossero adulte e bambini introdotti troppo presto in un mondo, quello del web, dove non ci sono filtri».

drogati di smartphone drogati di smartphone

 

Che fare? I genitori si sentono impotenti e sopraffatti dai sensi di colpa, incapaci di dialogare con i figli e alla fine di parlare serenamente anche tra loro.

Per i rimedi ci sono gli psicologi, ma l'aspetto determinante riguarda la prevenzione: «Poche regole, ma molto chiare e rigorose - suggeriscono al Sert -. Non si tratta di sequestrare il cellulare, ma di concederlo per poco tempo e di fronte a necessità concrete. E poi i figli vanno premiati quando se lo meritano, altrimenti vanno puniti. I genitori devono tornare a dire di no ai capriccii. E molto spesso i no costano più fatica di facili concessioni».

DROGATI SOCIAL DROGATI SOCIAL SMARTPHONE IN CLASSE SMARTPHONE IN CLASSE SMARTPHONE IN CLASSE SMARTPHONE IN CLASSE drogati di smartphone drogati di smartphone

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"MALETTONISMO" - MARCELLO VENEZIANI: “I BENETTON NON HANNO PRODOTTO SOLO MAGLIONI E GESTITO AUTOSTRADE MA SONO STATI LA PRIMA FABBRICA NOSTRANA DELL'IDEOLOGIA GLOBAL E TOSCANI E’ STATO IL LORO PROFETA. SOCIETÀ MULTIRAZZIALE, VIA LE BARRIERE OVUNQUE, ECCETTO AI CASELLI, DOVE SI TRATTA DI PRENDERE PEDAGGI - SI È CEMENTATO UN BLOCCO TRA UN CETO PROGRESSISTA CHE FORNISCE IL CERTIFICATO DI BUONA COSCIENZA A UN CETO AFFARISTICO DI CAPITALISTI MARPIONI. PERÒ ALLE VOLTE INSORGE LA REALTÀ…”

business

cronache

sport

VITA, PALLONE E CAMPIONI NEI RICORDI DI EUGENIO FASCETTI: “IL MIO RAMMARICO PIU' GRANDE? LAZIO-VARESE, STAGIONE 1981-82. IO ALLENAVO IL VARESE E COME DS AVEVO BEPPE MAROTTA. DOPO 20 MINUTI ERAVAMO 2-0 MA PERDEMMO 3-2. NOI ERAVAMO LANCIATI PER LA SERIE A, ACCADDERO COSE STRANE E MI FERMO QUI… - SE CASSANO AVESSE AVUTO LA TESTA DI ANTONIO CONTE SAREBBE STATO MOSTRUOSO - ALLEGRI E’ IL PIU’ BRAVO DI TUTTI - DOPO LA GUERRA, ANCHE NEL PALLONE SERPEGGIAVA UNA DERIVA SOCIALISTA E QUANDO ANDAMMO IN UNGHERIA…"

cafonal