LA STRAGE DELLE RAMPOLLE TURCHE - L'ADDIO AL NUBILATO A DUBAI E POI LO SCHIANTO DEL JET IN IRAN: COSI’ SONO MORTE MINA BASARAN, FIGLIA DI UN MAGNATE TURCO, E LE SUE AMICHE EREDITIERE – “L’AEREO NON HA EFFETTUATO PROCEDURE DI MANUTENZIONE PRIMA DEL DECOLLO”

-

Condividi questo articolo

MINA BASARAN MINA BASARAN

Marta Serafini per il Corriere della Sera

 

Sabato avevano cantato al concerto della star del momento Rita Ora, si erano scattate i selfie sulla terrazza di un hotel da settecento euro a notte e si erano taggate su Instagram, dopo i trattamenti alla spa. Avevano sicuramente riso e magari anche un po' litigato, come capita alle amiche quando sono in viaggio.

 

Ha fatto il giro del mondo ieri la notizia delle giovani morte insieme all' equipaggio - una pilota e due hostess- dopo che il loro jet privato si è schiantato a Shahr-e Kord, sulle montagne dell' Iran. Otto rampolle della nuova Turchia, quella dei miliardari amici di Erdogan che mandano le figlie a studiare all' estero «business administration», «luxury brand» e «interior design» e poi le fanno tornare a casa perché si sposino bene e facciano tanti figli.

MINA BASARAN MINA BASARAN

 

Missione del viaggio a Dubai: festeggiare l' addio al nubilato di Mina Basaran. Ventotto anni, 58 mila follower su Instagram (balzati a 86 mila poche ore dopo la morte), abiti di lusso, capelli lunghi biondi, era lei la reginetta del gruppo.

 

Dopo un master a Londra, e un servizio su Vogue Turchia , Mina doveva sposarsi con Murat Gezer, imprenditore di successo con cui era fidanzata dal 2010. Le partecipazioni erano già stampate, il mega party in un palazzo ottomano sul Bosforo già organizzato, i vestiti delle damigelle pronti da mesi. Anche il suo ingresso nel board della società di famiglia era scritto.

 

MINA BASARAN MINA BASARAN

Cocca di papà, Mina era la primogenita di Huseyin Basaran, uomo di affari notissimo in Turchia, a capo di una holding omonima attiva nel settore del turismo, della finanza, dell' energia, dell' edilizia, degli yacht e dell' esportazione delle nocciole. Ma non solo. Se la leggenda vuole che i Basaran abbiano costruito la loro fortuna grazie ai dadi, papà Huseyin è stato anche il patron della squadra di calcio del Trabzonspor, club di una città sul Mar Nero, ed è proprietario di una società che controlla la Bahrain Middle East Bank BSC, banca di investimenti in Medio Oriente.

 

Huseyin aveva sempre in testa la sua Mina: e l' ultimo progetto prevedeva la realizzazione di grattacieli sulla sponda orientale di Istanbul ribattezzati, appunto, «Mina Towers». Anche il jet su cui viaggiavano le ragazze era di proprietà della Basaran Holding, comprato da papà Huseyin sei anni fa insieme a due yacht che lasciava usare ai familiari per le vacanze.

 

IRAN JET MINA BASARAN IRAN JET MINA BASARAN

Il Bombardier di fabbricazione canadese domenica è decollato dallo Sharjah International negli Emirati con destinazione Istanbul. Un ultimo scatto di Mina con un giubbetto di jeans personalizzato e la scritta Miss Bride, «sposa», prima di salire a bordo. Un' ora dopo l' aereo è sparito dai radar, come riporta anche il sito FlightRadar24. «Non sappiamo ancora cosa abbia provocato lo schianto», fanno sapere dall' Iran. Intanto i soccorritori, al lavoro per ore, hanno già recuperato 10 corpi e la scatola nera, nonostante le condizioni meteorologiche nella zona non fossero buone. Per il riconoscimento bisognerà aspettare i test del dna. «Sappiamo che il jet non ha effettuato procedure di manutenzione prima del decollo», hanno dichiarato i tecnici aeroportuali emiratini come a escludere un guasto. Ma per il resto, niente più.

 

Intanto i Basaran sono partiti alla volta dell' Iran insieme ai parenti delle altre giovani morte. Tanti i nomi della Turchia che conta nell' elenco delle vittime. E sul posto sono accorse subito le autorità diplomatiche a dare sostegno.

 

MINA BASARAN E AMICHE 1 MINA BASARAN E AMICHE 1 mina basaran mina basaran mina basaran mina basaran MINA BASARAN E AMICHE MINA BASARAN E AMICHE jet ereditiere caduto in iran jet ereditiere caduto in iran jet ereditiere caduto in iran jet ereditiere caduto in iran jet ereditiere caduto in iran jet ereditiere caduto in iran MINA BASARAN MINA BASARAN

 

Condividi questo articolo

media e tv

IMMERSO NELLE PROFONDITÀ MARINE, UNA DELLE ULTIME COSE CHE UN SUB PUÒ PENSARE DI TROVARE È...UN FIUME - MA QUESTO È ESATTAMENTE CIÒ CHE ATTENDE COLORO CHE HANNO IL CORAGGIO DI TUFFARSI NEL CENOTE ANGELITA, IN MESSICO - LA VISTA È INQUIETANTE: UN FIUME CHE SCORRE NEL MEZZO DI UNA GROTTA, CON ALBERI CHE EMERGONO DALLA SUPERFICIE

Il fenomeno può essere visto solo da sub estremamente esperti che possono esplorare le profondità di una fossa profonda 64 metri. Per coloro che non hanno la possibilità di scendere così in profondità, ci sono le immagini e il video…

politica

business

cronache

sport

cafonal