TIRA UNA BRUTTA SHARIA – DUE LESBICHE FUSTIGATE IN MALESIA PERCHÉ FACEVANO SESSO IN AUTO - LA CONDANNA DELLA CORTE ISLAMICA: 6 BASTONATE E 700 EURO – ATTIVISTI IN RIVOLTA: “ABROGHINO COMPLETAMENTE LA LEGGE”, MA IL MINISTRO DEGLI AFFARI ISLAMICI CONTINUA LA SUA CAMPAGNA ANTI-GAY

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

lesbiche fustigate in malesia 2 lesbiche fustigate in malesia 2

 

Due ragazze sono state fustigate in Malesia per aver “provato a fare sesso lesbo” in auto. La sentenza è stata emessa dalla corte islamica della regione del TErengganu, una delle aree più conservatrici del paese. Le due giovani, di 22 e 32 anni, erano state arrestate ad aprile dopo che la polizia le aveva beccate in macchina in una piazza di Kuala Terengganu..

 

lesbiche fustigate in malesia 3 lesbiche fustigate in malesia 3

La coppia si è dichiarata colpevole di aver violato le leggi islamiche e i giudici hanno deciso di punirle con sei bastonate ognuna, oltre che una multa di quasi 700 euro. Il caso è stato condannato in tutto il paese, causando indignazione per lo stato dei diritti delle donne e dei gay nel paese a maggioranza islamica.

 

Secondo gli attivisti è la prima volta che due donne in Malesia vengono fustigate per aver violato la sharia sulle relazioni sessuali tra lo stesso sesso. Nel paese vige un doppio sistema legale, con le corti islamiche che hanno giurisdizione sulle materie religiose e familiari per i cittadini musulmani, in casi come quello di adulterio.

 

lesbiche fustigate in malesia 1 lesbiche fustigate in malesia 1

Prima della fustigazione Gwen Lee, capo di Amnesty International in Malesia, ha definito la punizione come “crudele e ingiusta”. La Malesia “deve smettere di utilizzare questa pratica e abrogare completamente le leggi che impongono queste torture”.

 

Ma il ministro degli affari islamici non sembra voler fare passi indietro. Anzi: recentemente si è espresso contro l’omosessualità e ha ordinato la rimozione delle foto di attivisti LGBT dalle mostre pubbliche.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal