IL TRUCCO C’È (E SI VEDE) – NON FATEVI INGANNARE: ESISTONO SOLO TRE TIPI DI SHAMPOO, IL RESTO È MARKETING – PAROLA DI BEATRICE MAUTINO, DIVULGATRICE SCIENTIFICA, CHE NEL SUO LIBRO METTE IN GUARDIA SU INGANNI E BUGIE NELLA CURA DEI CAPELLI – “CI SONO I DURI E PURI, QUELLI CHE CONTENGONO INGREDIENTI TIPICI DEI BALSAMI E I DELICATI” – PROTEINE DELLA SETA O OLIO DI AVOCADO? "FINISCONO NELLO SCARICO" - E SUI PARABENI…

-

Condividi questo articolo

Da "la Verità"

 

lo shampoo lo shampoo

Beatrice Mautino, laureata in Biotecnologie industriali, è ricercatrice in neuroscienze all' Università di Torino ed è una delle più note divulgatrici scientifiche italiane. Per l' editore Chiarelettere ha pubblicato un libro molto interessante intitolato Il trucco c' è e si vede. Inganni e bugie sui cosmetici. E i consigli per difendersi.

 

Nel suo libro parla anche di sciampo, spiegando che sostanzialmente ne esistono solo due categorie.

lo shampoo  lo shampoo 

«Sì, sostanzialmente ne esistono due tipi, tre se consideriamo anche quelli per bambini, ovvero quelli dolci o delicati. Il fatto è che uno sciampo è composto da alcuni elementi che sono comuni a tutti i prodotti e spesso le caratteristiche presentate sulle confezioni non hanno alcun effetto reale sul capello».

 

Quali sono questi tre tipi di sciampo?

«I primi sono i "duri e puri" che si limitano a lavare i capelli, togliendo il grasso e il sebo prodotto dalle ghiandole all' interno del bulbo pilifero. Il sebo ha una funzione protettiva, ma ha la controindicazione di ungere. Questi sciampi contengono detergenti che rendono i capelli puliti».

 

Passiamo alla seconda categoria.

«Sono gli sciampi che, dico io, scendono a compromessi.

lo shampoo  lo shampoo 

Oltre a lavare i capelli, hanno anche ingredienti tipici dei balsami. Questi ultimi vanno a rivestire il capello con una pellicolina che lo protegge.

 

Fanno un po' quello che fa il sebo, ma senza ungere il capello. E gli permettono di resistere meglio ai danni meccanici (ad esempio le spazzolate) o ai danni chimici (tinte eccetera)».

lo shampoo lo shampoo

 

Infine la terza categoria.

«Comprende, come dicevo, gli sciampi più dolci. Sono come quelli della prima categoria, ma contengono detergenti meno aggressivi. Quindi, nei fatti, lavano meno».

 

In sostanza tutti gli sciampi in commercio si posizionano in queste tre categorie da lei individuate. 

«Sì. Nella prima categoria troviamo quelli per capelli grassi o quelli volumizzanti.

lo shampoo lo shampoo

Rimuovendo il sebo, separano le fibre e donano volume ai capelli. Nella seconda categoria ci sono invece i prodotti per capelli lisci, colorati, trattati, quelli anti crespo...».

 

Sugli scaffali si trovano però anche tanti prodotti presentati come «nutritivi»...

«Certo, ora si mettono nello sciampo proteine della seda, olio di avocado... Sono cose che vengono aggiunte per far sembrare diversi i prodotti. Il grosso di questi ingredienti, in realtà, finisce nello scarico.

lo shampoo lo shampoo

 

Non si può nutrire il capello, al massimo lo si può proteggere con ingredienti come i siliconi i sali quaternari d' ammonio che sono tipici dei balsami.

Tutto il resto - le varie proteine, il germe di grano, le vitamine - non hanno una funzione reale nei confronti dei capelli. Sono ingredienti in genere superflui. Servono a differenziare il prodotto a livello di profumo, consistenza, aspetto».

julia roberts pretty woman julia roberts pretty woman

 

Nel suo libro lei parla anche dei famigerati parabeni. Spesso leggiamo sulle confezioni che gli sciampo sono appunto «senza parabeni»...

 

«I parabeni, di fatto, sono conservanti. Sono stati usati per oltre 70 anni, fino a quando non è uscito un articolo scientifico di un gruppo di ricerca inglese, in cui si suggeriva che potessero essere collegati allo sviluppo del tumore al seno. In quell' articolo si parlava in particolare dei parabeni nei deodoranti.

 shampoo  shampoo

 

In seguito, però, si è capito che l' accusa era infondata e gli organismi regolatori di Usa e Ue hanno dichiarato i parabeni sicuri. Per essere corretti, non bisognerebbe nemmeno scrivere "senza parabeni" sulle confezioni, perché la Commissione Ue consiglia in un documento di non usare la parola "senza" di fronte a ingredienti che sono autorizzati.

 

In realtà, però, lo fanno tutti. In ogni caso, negli sciampi senza parabeni ci sono altri conservanti».

shampoo shampoo

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal