TRUMP SI ATTACCA AL PALO! – IL PRESIDENTE USA ABBRACCIA LA BANDIERA AMERICANA DOPO AVER SPARATO A ZERO SU MESSICO E DEMOCRATICI NEL DISCORSO ALLA “NATIONAL FEDERATION OF INDEPENDENT BUSINESS” – “I DEMOCRATICI INCORAGGIANO LE SCAPPATOIE LEGALI DELLE FAMIGLIE MESSICANE. LE SEPARAZIONI SONO CAUSA LORO” – "IL MESSICO NON CI AIUTA A FERMARLI” – POI APRE A UNA SOLUZIONE PER… (VIDEO)

-

Condividi questo articolo

 

DAGONEWS

 

donald trump 3 donald trump 3

Un abbraccio alla bandiera prima di scagliarsi contro il Messico e l’immigrazione illegale. Donald Trump torna a parlare di quanto sta succedendo al confine con il Messico dopo che un audio straziante di bambini separati dai genitori al confine ha fatto il giro del mondo.

 

Durante il discorso alla “National Federation of Independent Business” il Presidente ha puntato il dito contro il Messico per non aver impedito alla gente di arrivare al confine, aggiungendo che gli Usa «non hanno alcuna sicurezza alla frontiera» e ribadendo che «gangster violenti e gli spacciatori di droga non saranno ammessi nel Paese».

 

bambini migranti usa bambini migranti usa

Poi ha attaccato i democratici ritenendoli responsabili delle separazioni al confine, visto che «incoraggiano le scappatoie contro la legge da parte di famiglie che portano bambini con loro».

 

Un discorso che è stato applaudito dai partecipanti mentre Trump, finito di parlare, abbracciava la bandiera degli Stati Uniti, come già aveva fatto nel 2016 durante la campagna elettorale nel New Hampshire e in Florida.

 

donald trump 2 donald trump 2

«Come risultato delle scappatoie sostenute dal partito Democratico alle nostre leggi federali, la maggior parte delle famiglie di immigrati illegali e dei minori dall'America Centrale non possono essere detenuti insieme.

 

I trafficanti di bambini sfruttano le scappatoie e ottengono l'ingresso illegale negli Stati Uniti, mettendo in pericolo un numero infinito di bambini durante il pericoloso viaggio verso gli Stati Uniti. E il Messico non fa niente per noi. Potrebbero fermarli. Hanno leggi molto, molto forti.

proteste contro trump 1 proteste contro trump 1

 

Noi non abbiamo un muro e non abbiamo protezione. Le droghe che arrivano dal Messico e attraverso il confine meridionale sono vergognose.  Vogliamo un grande Paese.

 

Vogliamo un Paese con il cuore, ma le persone che arrivano devono sapere che non entreranno. Altrimenti non si fermeranno mai».

 

«Dobbiamo smettere di separare le famiglie -ha continuato - ma politicamente corretto o meno, dobbiamo dire che questo è un Paese che ha bisogno di sicurezza e che deve essere protetto».

 

donald trump 1 donald trump 1

Nelle ultime ore Trump ha aperto a una soluzione per il dramma della separazione dei genitori migranti dai loro figli durante l’incontro a Capitol Hill con il gruppo repubblicano alla Camera.

 

«Il presidente - ha detto il portavoce Raj Shah - ha sostenuto entrambi i progetti di legge dei repubblicani, sia quello per la costruzione del muro, la cancellazione della lotteria per i visti e il giro di vite sull’immigrazione, sia quello per dare soluzione al problema della separazione delle famiglie permettendo la detenzione e l’espulsione dei nuclei familiari uniti».

bambini migranti usa 3 bambini migranti usa 3

 

«Sono con voi al 100% - ha detto Trump durante il discorso ai deputati del suo partito - I bambini che piangono non vanno bene da un punto di vista politico».

famiglie al confine con il messico 2 famiglie al confine con il messico 2 proteste contro trump 4 proteste contro trump 4 proteste contro trump 2 proteste contro trump 2 bambini migranti usa 2 bambini migranti usa 2 usa bambini migranti separati dai genitori 3 usa bambini migranti separati dai genitori 3 usa bambini migranti separati dai genitori 4 usa bambini migranti separati dai genitori 4 bambini migranti usa 4 bambini migranti usa 4 usa bambini migranti separati dai genitori usa bambini migranti separati dai genitori bambini migranti usa 1 bambini migranti usa 1 famiglie al confine con il messico 1 famiglie al confine con il messico 1

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute