E ADESSO SONO DAZI NOSTRI – L’ANNUNCIO DI TRUMP: “METTEREMO UNA TASSA DEL 25% SU OGNI AUTO CHE ARRIVERÀ NEGLI STATI UNITI DALL’UE” – MENO DI UN MESE FA “THE DONALD” AVEVA TROVATO UN ACCORDO CON JUNCKER PER CONGELARE I NUOVI DAZI. CHE È SUCCESSO?

-

Condividi questo articolo

Da www.ilmessaggero.it

 

TRUMP DAZI1 TRUMP DAZI1

«Metteremo una tassa del 25% su ogni auto che arriverà negli Stati Uniti dall'Unione europea». Lo ha detto la notte scorsa il presidente americano Donald Trump nel corso di un comizio in West Virginia, secondo quanto riporta la Cnbc online. 

 

Wilbur Ross Wilbur Ross

Le parole di Trump arrivano solo poche ore dopo un'intervista del Segretario al Commercio Usa, Wilbur Ross al Wall Street Journal nella quale annunciava il rinvio della scadenza di agosto per la pubblicazione di un rapporto sulle tariffe automobilistiche, visti i negoziati in corso con la Commissione europea, il Canada e il Messico.

donald trump jean claude juncker 6 donald trump jean claude juncker 6

 

Meno di un mese fa, Trump e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un incontro alla Casa Bianca, avevano trovato un'intesa per congelare i nuovi dazi sulle auto europee durante le trattative per un accordo definitivo tra Usa e Ue

TRUMP DAZI TRUMP DAZI JUNCKER TRUMP JUNCKER TRUMP donald trump jean claude juncker 5 donald trump jean claude juncker 5

 

Condividi questo articolo

politica

ROMA È “L’EPICENTRO DELLA COSPIRAZIONE” – STA PER USCIRE “DEEP STATE TARGET”, IL LIBRO DI GEORGE PAPADOPOULOS CHE RACCONTA IL TENTATO SABOTAGGIO DELLA CAMPAGNA PRESIDENZIALE AMERICANA – IL SOGNO DELL’EX CONSIGLIERE DI TRUMP DI FAR INCONTRARE “THE DONALD” CON PUTIN E I “CONSIGLI” DI JOSEPH MIFSUD – L'OSCURO PROFESSORE MALTESE DELLA “LINK CAMPUS UNIVERSITY” DI VINCENZO SCOTTI SOSTENEVA DI POTER PROCURARE “ROBA SPORCA” SU HILLARY, POI, UNA VOLTA SCOPPIATO IL CASO, SCOMPARE NEL NULLA, INSIEME ALLE TRACCE DEL SUO PASSAGGIO ALL'ATENEO ROMANO – I TWEET MISTERIOSI DI PAPADOPOULOS

POLVERE DI (CINQUE) STELLE – COME MAI I LEADER GRILLINI NON STREPITANO PIÙ SUI SOCIAL? SEMPLICE, HANNO PAURA DELLE BORDATE DELLA BASE – DAL 10 AL 20 FEBBRAIO I POST FACEBOOK GIORNALIERI DI LUIGINO DI MAIO SONO CALATI DI UN QUARTO E DIBBA DOPO IL DISASTRO IN ABRUZZO NON SI FA SENTIRE. MENTRE SALVINI CONTINUA A MACINARE SELFIE E “REACTIONS”– LA RIDUZIONE DELLA COMUNICAZIONE PERÒ È UN BOOMERANG, PERCHÉ IL CONSENSO VIRTUALE È FLUIDO, E RAPIDO COM’È ARRIVATO PUÒ ANDARSENE