AZZ! ‘NEL MIRINO DEI MAGISTRATI C’È MEDICI SENZA FRONTIERE: SECONDO ‘PANORAMA’ È LA BLASONATISSIMA ONG A ESSERE AL CENTRO DELL’INCHIESTA TRAPANESE PER FAVOREGGIAMENTO DELL’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA - NON SI TRATTA DI SEMPLICI OPERATORI O MARINAI DELLE NAVI, MA DI ESPONENTI CHE OCCUPANO RUOLI DECISIONALI NELLA ONG, SIA ITALIANI CHE STRANIERI

Condividi questo articolo

Da ‘Panorama’ in edicola domani

 

medici senza frontiere mediterraneo medici senza frontiere mediterraneo

È Medici senza frontiere l’organizzazione non governativa al centro dell’inchiesta della Procura di Trapani con ipotesi di reato il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. È quanto scrive il settimanale Panorama in edicola domani, secondo cui il fascicolo di indagine aperto dai magistrati siciliani agli inizi di febbraio è per il momento a carico di ignoti, ma una decina di appartenenti alla più importante organizzazione umanitaria al mondo sono oggetto di approfondimenti da parte degli uomini della polizia di Stato.

 

medici senza frontiere e migranti medici senza frontiere e migranti

Non si tratta di semplici operatori o marinai delle navi, ma di esponenti che occupano ruoli decisionali nella Ong, sia italiani che stranieri. L’inchiesta non è circoscritta all’operato di una singola nave, ma prende in considerazione ruolo e missione di Medici senza frontiere nel Mar Mediterraneo.

 

La forza dell’ipotesi investigativa deriva dal fatto che gli elementi concreti che hanno fatto partire l’indagine sono stati forniti dagli stessi membri dell’equipaggio delle navi, i quali hanno raccontato le anomalie nelle operazioni di salvataggio senza alcuna richiesta di soccorso.  

OSPEDALE MEDICI SENZA FRONTIERE OSPEDALE MEDICI SENZA FRONTIERE flash mob di medici senza frontiere (2) flash mob di medici senza frontiere (2)

 

Condividi questo articolo

politica

I GIORNALI? NON SOLO SERVONO MA APPARECCHIANO IL CONSENSO AL TAVOLO DEI BENETTON - TRAVAGLIO: “CI SCUSIAMO CON I BENETTON E I LORO COMPARI POLITICI SE LI ABBIAMO OFFESI ANCHE SOLO NOMINANDOLI INVANO O PUBBLICANDO LORO FOTO SENZA ATTENDERE CHE, FRA QUINDICI ANNI, LA CASSAZIONE SI PRONUNCI SUI LORO EVENTUALI REATI. ORA SAPPIAMO DAI GIORNALONI (CORRIERE DELLA SERA, LA REPUBBLICA, LA STAMPA, IL GIORNALE) CHE ESSI NON SOLO NON VANNO INCOLPATI, MA NEPPURE NOMINATI. AL MASSIMO - CI INSEGNA EZIO MAURO - SI PUÒ PARLARE DI "UNA DELLE PIÙ GRANDI SOCIETÀ AUTOSTRADALI PRIVATE DEL MONDO" CHE, "IN ATTESA CHE LA MAGISTRATURA FACCIA LUCE", NON PUÒ DIVENTARE "IL CAPRO ESPIATORIO DI PROCESSI SOMMARI E RITI DI PIAZZA", "SCIACALLAGGINE  E BARBARIE TIPICI DEL POPULISMO"