CHI FINANZIA IL ROTTAMATORE? - LA CAMPAGNA ELETTORALE DI RENZI SOSTENUTA DAI POTERI STORTI E DAI LORO GIORNALONI? - SPOSETTI DENUNCIA: MATTEUCCIO “HA GIA’ SPESO 2 MILIONI DI EURO, PRENDE SOLDI ANCHE DALL’ESTERO” - LA REPLICA DELLO STAFF DI RENZI: “SIAMO A 60MILA” - UGO, UNO CHE SE NE INTENDE, RILANCIA: “CON 60MILA EURO POSSONO PAGARE GIUSTO LE MERENDINE” - BERSANI RENDICONTA TUTTO, VENDOLA PAGA IL BIGLIETTO AGLI SCAVI DI POMPEI…

Condividi questo articolo

Maria Teresa Meli per il Corriere della Sera

Non bastavano le liti sulle regole. Ora nel centrosinistra infuriano anche le polemiche sui finanziamenti delle primarie. A dare il la a questa nuova diatriba in casa democratica è stato l'ex tesoriere Ugo Sposetti che ha accusato Matteo Renzi di aver già speso 2 milioni e 35 mila euro e di prendere anche soldi dall'estero. Precisamente da dove? A domanda Sposetti non risponde.

Ugo SposettiUgo Sposetti

Le chiacchiere che girano tra i detrattori del sindaco di Firenze sono intrise di teorie da complotto giudo plutaico massonico: i finanziamenti arrivano da Israele e dalla destra americana. Perché mai Romney e Netanyahu dovrebbero pagare il sindaco di Firenze? A domanda i detrattori non rispondono. Ovviamente a voci come queste Renzi non replica. Però il primo cittadino di Firenze è pronto a querelare l'ex tesoriere dei Ds, qualora insistesse con la storia dei milioni: «Voglio proprio divertirmi».

MATTEO RENZIMATTEO RENZI

In compenso replica a Sposetti l'uomo che ha in mano la cassaforte della campagna di Renzi: Alberto Bianchi. E specifica che le entrate e i nomi dei finanziatori che hanno dato l'autorizzazione sono sul sito del sindaco. Così è: finora sono stati raccolti quasi 60 mila euro.

Tra oggi e domani verranno messe in rete anche le spese che, a dire la verità sono poche, perché tranne qualche eccezione come Verona e Roma, sono i comitati pro Renzi locali a spendere i soldi dell'affitto delle sale. Gli alberghi il sindaco li paga di tasca propria. Tra l'altro, Renzi non ha voluto nemmeno del personale del Pd per la sua campagna, come gli era stato offerto, perché ritiene che per le primarie non si debbano usare mezzi, soldi e strutture del partito.

Matteo RenziMatteo Renzi

Sposetti però insiste: «Con 60 mila euro possono pagare giusto le merendine. Io ho fatto questo mestiere e so quel che dico: andate a indagare voi giornalisti».
Ma a indagare si scopre che i camper a Renzi volevano darglieli gratis ed è stato lui che ha voluto pagare, che la sua campagna la fanno volontari (vengono dati solo due stipendi per il personale dell'ufficio stampa) e che il sito è stato allestito da un gruppo di ragazzi: la meticolosità del sindaco su queste cose rasenta la mania.

NETANYAHU mitt romney primarieNETANYAHU mitt romney primarie

Del resto, anche gli altri due principali candidati alle primarie stanno attentissimi a non fare passi falsi. Temono l'ira dell'elettorato che dopo gli scandali delle regioni non perdonerebbe. Tanto meno se venisse a sapere che la campagna viene finanziata con i soldi dei partiti, cioè con i soldi degli italiani. Ragion per cui la sobrietà e la trasparenza sono d'obbligo.

Pier Luigi Bersani, per esempio, ha deciso di fare come il suo avversario Renzi e lancerà una raccolta di fondi "online", rendicontando tutto. Ma qualche sostenitore del sindaco di Firenze si chiede se il segretario del Pd non utilizzerà veramente i mezzi e le strutture del partito. Bersani giura di no. Il suo comitato non ha ancora nemmeno i computer (se non i propri) e lui è da mesi che non usa più l'auto messagli a disposizione dal Pd: tagliata per sobrietà e per arginare i costi. Resta solo la macchina di scorta che, fanno sapere dallo staff del segretario, è obbligatoria.

nichi vendolanichi vendola

Precisissimo anche Nichi Vendola. Il governatore della Puglia ha spiegato di avere poco o niente in cassa. Per questa ragione a breve lancerà una sottoscrizione. I creativi che gli cureranno la campagna per le primarie sono volontari. Massima sobrietà, è la parola d'ordine del leader di Sel, che l'altro ieri ha aperto la sua campagna a Pompei e ha fatto la fila per pagare il biglietto di ingresso agli scavi, nonostante fosse stato accolto con tutti gli onori dal sovrintendente e da alcune autorità locali.

Se l'è addirittura conservato quel biglietto, per dimostrare che l'ha pagato di tasca sua. Qualche finanziamento, però, Vendola sarà costretto a trovarlo perché l'iniziativa dell'altro ieri per quanto sobria qualcosa è costata. Ottomila euro per l'esattezza: 800 più Iva per l'affitto della sala, 50 per i manifesti, 4 mila per il service audiovideo, e così via, fatture alla mano.

 

 

Condividi questo articolo

politica

UN GRIDO SI LEVA DA TWITTER: “OH MADONNA BENEDETTA DELL'INCORONETA!” – “A CHI SI STUPISCE CHE DI MAIO ABBIA NOMINATO BANFI RAPPRESENTANTE DELL'ITALIA ALL'UNESCO, VORREI RICORDARE CHE AVEVA GIÀ VOLUTO TONINELLI MINISTRO. UN NETTO MIGLIORAMENTO” - E SE PER QUALCUNO ORA "SI STA PENSANDO A UN RUOLO DI RILIEVO ANCHE PER ALVARO VITALI” E A “UNA POSIZIONE DI LIVELLO ISTITUZIONALE PER LA FENECH”, C'È CHI INSINUA IL DUBBIO CHE LA NOMINA DELL'ATTORE ARRIVI DOPO DEFEZIONI ECCELLENTI: “BOMBOLO E IL GABIBBO NON POTEVANO, EVIDENTEMENTE” - TUTTI I MEME