IL PD SI CAGA SOTTO COL MAGGIORITARIO (VOLUTO DAL PD) - TUTTI I BIG DISERTANO I COLLEGI UNINOMINALI E SCELGONO IL PROPORZIONALE – SPAVENTANO I DUELLI CON GLI EX CONFLUITI IN “LIBERI E UGUALI” – RENZI SCAPPA DA AREZZO

-

Condividi questo articolo

 

Dal Giornale

 

renzi pd renzi pd

Giggino Di Maio non può accettare «scorciatoie», né vuol buttarsi col «paracadute»: dunque, promette, si candida nella sua Pomigliano d' Arco. La Lega, che nei territori del Nord ci campa alla grande, sta per annunciare «nomi importanti», sostiene Matteo Salvini, così da rendere evidente che il Carroccio è «diverso» dagli altri.

 

Ma se i leader cosiddetti «populisti» si giocheranno l' intera posta sul tavolo del Rosatellum, e mentre Forza Italia e Leu studiano collegio per collegio quali candidati convenga presentare, l' aspetto più singolare di questa vigilia elettorale sta nell' atteggiamento del Pd, il partito che ha voluto questo ircocervo di sistema, 66 per cento proporzionale e 33 uninominale. La logica impiantata da Renzi nella norma si basa su una specie di «trucchetto» che si evince dalla scheda che troveremo nel seggio, più che in altri sofisticati marchingegni.

renzi nella sede pd del nazareno renzi nella sede pd del nazareno

 

Il voto diretto, semplice, elementare sarà quello che verrà espresso sul nome del candidato uninominale, posto in bell' evidenza, caratteri predominanti, in alto. Sotto, un coacervo più o meno districabile di loghi di liste che lo sostengono, nomi dei candidati «bloccati» nei listini eccetera. L' elettore più sprovveduto o nauseato (siamo la maggioranza) darà un'occhiata rapida e finirà per mettere la croce sul primo nome preferito, pur di scappar via al più presto.

 

RENZI E BOSCHI RENZI E BOSCHI

«Il Pd tornerà a crescere al di là di quel che dicono i sondaggi - spiegava infatti l' altro giorno Renzi -, perché nei collegi avremo la forza di traino dei nostri candidati, che sono i migliori». Che cosa induca a crederlo, non è ancora dato saperlo. Quel che è invece certo, al momento, è la fifa nera che si nutre al Nazareno riguardo le candidature uninominali, il cosiddetto «traino», che significa sobbarcarsi i maggiori costi e fatiche con il rischio di restare a casa.

 

Per il Pd è spietata la concorrenza di Leu, pronta a piazzare i propri «big», gente legata al voto fideistico Pci-Pds-Ds-Pd da una vita, per sottrarre voti ai candidati renziani. Ecco perché a Bologna ci dovrebbe essere la strana sfida Bersani-Casini; a Ravenna si cerca chi possa sfidare Errani, in Liguria si cerca l' anti-Cofferati e così via. Contro D' Alema, in Salento, Renzi voleva mandare Gentiloni, che gli ha però opposto un deciso nyet.

MINNITI MINNITI

 

Gentiloni sarà perciò capolista nel listino «bloccato», ma non è certo la stessa cosa. Con la scusa che è ministro dell' Interno, anche Minniti diserterà la sfida diretta nell' uninominale, nonostante gli appelli del governatore calabrese Oliverio a farlo nella sua Reggio. Persino Renzi ha lasciato di stucco i seguaci di Arezzo, non mantenendo la promessa di candidarsi al collegio del Senato.

 

MATTEO RENZI E MARCO MINNITI MATTEO RENZI E MARCO MINNITI

E il sindaco Ghinelli ha tuonato: «Renzi si è preso gioco degli aretini; il cuor di leone di Rignano, il bullo di campagna, è scappato alla chetichella». Caso ancor più eclatante è quello della Boschi, «blindata» nei listini proporzionali (Toscana, Trentino, Palermo), dopo esser stata sconsigliata a candidarsi in collegi di tutta Italia. Proprio lei, la «madrina» di tutte le riforme. In fuga precipitosa e con paracadute ultimo modello, pur di non mollare il seggio dorato.

 

Condividi questo articolo

politica

MALETTON! - DI MAIO ATTACCA IL PD E GLI RINFACCIA DI AVER PROROGATO LA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE PER L’ITALIA “DI NOTTE” CON UNA “LEGGINA” INSERITA NELLO “SBLOCCA ITALIA” NEL 2015. E LASCIA INTENDERE CHE BENETTON AVREBBE FINANZIATO I PARTITI E LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI DEM - RENZI LO ACCUSA DI ESSERE UN “BUGIARDO” E UNO “SCIACALLO” – SAREBBE ANCHE INTERESSANTE SAPERE CON QUANTA PUBBLICITÀ BENETTON HA “SEDOTTO” STAMPA E TV, VISTO CHE NON SI VEDE MAI UNA LORO FOTO IN PRIMA PAGINA...

LUCIA ANNUNZIATA CONTRO IL GARANTISTA MENTANA: ''LA REVOCA DELLA CONCESSIONE VA PROBABILMENTE CONTRO LO STATO DI DIRITTO. MA È DIFFICILE DIFENDERE I DIRITTI DI QUALCUNO CHE NON RISPETTA I DIRITTI DI TUTTI. DOVE E' LA CELEBERRIMA E IPERCOMUNICATIVA FAMIGLIA BENETTON? IN TRE GIORNI DI DOLORE E DISCUSSIONI, NON CI HANNO MAI MESSO LA FACCIA, NON SI SONO ASSUNTI NEMMENO LA RESPONSABILITÀ MORALE - GENOVA È LA PERFETTA RAPPRESENTAZIONE DI TUTTE LE RAGIONI DELLA RIVOLTA ELETTORALE CHE HA DATO LA STRAGRANDE VITTORIA AL POPULISMO''