PINUCCIA NON STA A CUCCIA – ALTRA TRANVATA SUI DENTI PER VIRGINIA RAGGI: SI DIMETTE L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE PINUCCIA MONTANARI – LA DECISIONE È ARRIVATA DOPO LA RIUNIONE DI GIUNTA CHE HA BOCCIATO IL BILANCIO DI AMA, LA PARTECIPATA CHE (NON) SI OCCUPA DEI RIFIUTI DELLA CAPITALE, A CUI ERA CONTRARIA

-

Condividi questo articolo

Da www.ansa.it

 

pinuccia montanari 2 pinuccia montanari 2

L'assessore all'Ambiente del Comune di Roma, Pinuccia Montanari, ha firmato le sue dimissioni dall' incarico. La decisione è arrivata dopo la riunione di giunta che ha bocciato il bilancio 2017 dell'Ama. Decisione a cui lei è stata contraria.

pinuccia montanari virginia raggi pinuccia montanari virginia raggi

 

"A seguito dell'approvazione della delibera, con il mio voto contrario, in cui la giunta ha deciso di bocciare il progetto di bilancio di Ama relativo all'esercizio 2017, rassegno in modo irrevocabile le mie dimissioni da Assessore non essendo per me più possibile condividere le azioni politiche e amministrative di questa giunta", ha detto l'assessore Montanari.

pinuccia montanari pinuccia montanari pinuccia montanari pinuccia montanari pinuccia montanari pinuccia montanari Pinuccia Montanari Pinuccia Montanari pinuccia montanari 1 pinuccia montanari 1

 

Condividi questo articolo

politica

ROMA È “L’EPICENTRO DELLA COSPIRAZIONE” – STA PER USCIRE “DEEP STATE TARGET”, IL LIBRO DI GEORGE PAPADOPOULOS CHE RACCONTA IL TENTATO SABOTAGGIO DELLA CAMPAGNA PRESIDENZIALE AMERICANA – IL SOGNO DELL’EX CONSIGLIERE DI TRUMP DI FAR INCONTRARE “THE DONALD” CON PUTIN E I “CONSIGLI” DI JOSEPH MIFSUD – L'OSCURO PROFESSORE MALTESE DELLA “LINK CAMPUS UNIVERSITY” DI VINCENZO SCOTTI SOSTENEVA DI POTER PROCURARE “ROBA SPORCA” SU HILLARY, POI, UNA VOLTA SCOPPIATO IL CASO, SCOMPARE NEL NULLA, INSIEME ALLE TRACCE DEL SUO PASSAGGIO ALL'ATENEO ROMANO – I TWEET MISTERIOSI DI PAPADOPOULOS

POLVERE DI (CINQUE) STELLE – COME MAI I LEADER GRILLINI NON STREPITANO PIÙ SUI SOCIAL? SEMPLICE, HANNO PAURA DELLE BORDATE DELLA BASE – DAL 10 AL 20 FEBBRAIO I POST FACEBOOK GIORNALIERI DI LUIGINO DI MAIO SONO CALATI DI UN QUARTO E DIBBA DOPO IL DISASTRO IN ABRUZZO NON SI FA SENTIRE. MENTRE SALVINI CONTINUA A MACINARE SELFIE E “REACTIONS”– LA RIDUZIONE DELLA COMUNICAZIONE PERÒ È UN BOOMERANG, PERCHÉ IL CONSENSO VIRTUALE È FLUIDO, E RAPIDO COM’È ARRIVATO PUÒ ANDARSENE