LA PROFEZIA DEL DINO-SAURO: “NON SARA’ FACILE PER LA NAZIONALE E PER LA FERRARI TORNARE A VINCERE” - “AMMIRO QUELLI COME GASCOIGNE, GLI ARTISTI DEL PALLONE. LI AMMIRO PERCHÉ IO NON LO ERO”

“Il mio erede è Buffon. Se continua così può giocare il mondiale in Russia a 40 anni - La rivoluzione in Ferrari? Qualcosa da cambiare c’era. L’errore è stato non esercitare il diritto di veto sui motori V6. Era logico che il Cavallino andasse incontro a difficoltà perché i tedeschi della Mercedes in quell’ambito sono più preparati - Alonso? Meglio Vettel”…

Condividi questo articolo

Francesco Persili per “Dagospia”

dino zoff (2) dino zoff (2)

 

«Il portiere? Un ruolo metafisico in cui l’errore non è permesso. Presi un gol e dissi a mio padre: “Non me lo aspettavo”. Lui replicò: “Fai il portiere, mica il farmacista”. Poche parole, nessuna scusa. A casa mia funzionava così: se non riuscivi è perché avevi fatto poco». L’Italia di Zoff è più di una squadra. È uno stile, un linguaggio, un’educazione sentimentale. Notte dell'11 luglio 1982, tutta Italia in piazza a festeggiare.

 

Avevamo vinto il Mondiale. Il capitano di quella squadra, Dino Zoff, nella pancia del Santiago Bernabeu non riesce a parare le emozioni: «Andare a ballare mi sembrava banale. C’erano state critiche, polemiche e poi quel finale rossiniano. Decisi di restarmene in albergo, con Scirea, per assaporare quel momento, in silenzio». Poi venne la partita a scopone con Pertini sull’aereo che riportava la squadra in Italia e l’errore di cui lo incolpò il presidente. «Quando diedi l’addio al calcio mi arrivò una sua lettera in cui ammise di essersi sbagliato: aveva abboccato a una finta di Causio...».

 

GASCOIGNE GASCOIGNE

Zoff si lascia andare sul palco di “Libri come” parlando della sua autobiografia “Dura solo un attimo, la gloria”. Fare le cose con semplicità e sbagliare il meno possibile: una logica di vita e di ruolo. Ma chi l’ha detto, poi, che i portieri devono essere matti? «Sembro freddo ma sono solo equilibrato. Ammiro gli artisti del pallone, quelli come Sivori e Gascoigne. Li ammiro perché io non lo ero…».

 

Parla anche dell’amarezza quando da allenatore lasciò la Juve. «Eravamo arrivati quarti, avevamo vinto la Coppa Uefa e la Coppa Italia ma i risultati non bastarono per strappare la conferma. Fu un colpo al cuore. Capii in quell’occasione l’influenza dei media che possono farti vedere lucciole per lanterne». E poi la finale persa a Euro 2000 e le dimissioni da ct dopo le frasi di Berlusconi che lo accusava di essere indegno: «Quello fu un atto rivoluzionario. Sapevo che mi sarebbe costato tantissimo…».

 

Oggi Zoff gioca a golf, segue la Formula 1 e continua a credere nello sport: «Se fatto bene, può migliorare le persone».

libro presentato di zoff libro presentato di zoff

 

Dirigenti vecchi e nessun governo: ha ragione Andrea Agnelli sulla perdita di competitività della serie A?

«Non credo sia un problema di dirigenti. Il calcio italiano ha perso appeal: i club non hanno stadi di proprietà e i bilanci ne risentono. E, di conseguenza, perdiamo terreno nei confronti delle altre squadre europee».

 

Troppi stranieri nei vivai?

«Ci sono tanti stranieri perché il mondo è globalizzato. Sono diminuiti i calciatori italiani così come i ragazzi che giocano a calcio. Magari fanno altri sport oppure non hanno più voglia di fare molti sacrifici».

 

Dalla classifica dei dribbling sono spariti gli italiani: non c’è più un Bruno Conti e, come rovescio della medaglia, i difensori non sanno più marcare. Condivide?

dino zoff (3) dino zoff (3)

«Non penso sia un problema di ruoli, si è ristretta la base dei giocatori per la nazionale. Fino a 30 anni fa c’erano due, tre friulani per squadra e in Nazionale, adesso non ce ne sono più. Tutto il movimento del calcio si è spostato verso l’Italia del sud, l’Africa etc»…

 

Chi può essere il suo erede?

Buffon. Se continua così può giocare il mondiale in Russia a 40 anni, come me.

 

Rivoluzione Ferrari. Sono andati via Montezemolo e Alonso. Se lo aspettava?

GIANLUIGI BUFFON GIANLUIGI BUFFON

In Ferrari qualcosa da cambiare c’era. L’errore è stato non esercitare il diritto di veto sui motori V6. Era logico che il Cavallino andasse incontro a difficoltà perché i tedeschi della Mercedes in quell’ambito sono più preparati.

 

Meglio Vettel o Alonso?

Vettel ha vinto quattro titoli mondiali. Cosa si vuole di più?

 

Tornerà a vincere prima la Ferrari o la nazionale di Conte?

La vedo complicata per tutte e due. La Mercedes è ancora un passo avanti alla Ferrari. E anche per la nazionale non sarà facile… 

vettel 3e8d9a2 vettel 3e8d9a2 vittorio sermonti marino sinibaldi e dino zoff vittorio sermonti marino sinibaldi e dino zoff

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal