SUONA IL GONG PER YONGHONG LI - INDAGATO PER FALSE COMUNICAZIONI SOCIALI L' EX PROPRIETARIO DEL MILAN: NON AVEVA INFORMATO SUL FALLIMENTO DELLA SUA SOCIETÀ-CASSAFORTE – LA DOMANDA DELLE CENTO PISTOLE: PERCHÉ MAI L' UOMO D' AFFARI CINESE HA PERSO 698 MILIONI (TRA ACQUISTO E AUMENTI DI CAPITALE) PER NON ESSERE RIUSCITO A RIMBORSARNE "APPENA" 32?

-

Condividi questo articolo

Luigi Ferrarella per il Corriere della Sera

 

mister li fassone mister li fassone

Quando il 20 febbraio l' allora ancora proprietario cinese del Milano, Yonghong Li, assicurava con un comunicato ufficiale che «la situazione relativa a tutte le mie risorse personali è completamente sana», in Cina la sua società-cassaforte «Shenzen Jie An De Enterprise Co. Inc» era già stata dichiarata fallita (il 23 gennaio) dalla Corte Intermedia del Popolo di Shenzhen su istanza della Guangzhou Bank Co., «con ciò attestando come egli versasse in pessime condizioni economiche»; ed erano anche già state persino messe all' asta (il 7 febbraio) tutte le azioni (11,39%) che la sua società fallita deteneva nella società quotata «Zhuhai Zhongfu Industry Co. Ltd».

 

È da queste incongruenze - oltre che dalla multa inflittagli il 17 maggio 2018 dall' autorità finanziaria cinese per una omessa tempestiva informazione di questa procedura fallimentare, e dalla mancata sottoscrizione pochi giorni fa dell' aumento di capitale del Milan da 32 milioni - che la Procura di Milano trae l' indice delle «false comunicazioni sociali» per le quali ieri ha indagato il 48enne uomo d' affari cinese (ma di stanza a Hong Kong) in relazione a due contenuti: appunto il comunicato del 20 febbraio 2018, e la nota integrativa (al bilancio a 31 dicembre 2016) con la quale il 14 aprile 2017 l' allora neopatron cinese garantiva «la prospettiva di continuità aziendale».

 

fassone-li fassone-li

Poco più di un anno fa, il 13 aprile 2017, Yonghong Li aveva rilevato dalla Fininvest (uscita con 600 milioni di plusvalenza consolidata) la squadra rossonera per 740 milioni, prezzo affrontato però con il sostegno decisivo di un prestito da 303 milioni (a tassi fino all' 11%) del fondo statunitense Elliott del finanziere Paul Singer. Yonghong Li non era però poi stato in grado di onorare i propri debiti, in un continuo trascinarsi di ritardi, rilanci e rocambolesche scadenze di aumenti di capitale tappate solo in extremis, fino a quando il mancato rimborso a inizio luglio di un aumento di capitale di 32 milioni ha offerto al fondo Elliott la possibilità di estromettere il cinese e assumere il controllo del Milan.

 

MISTER LI MILAN MISTER LI MILAN

Le domande che muovono i pm non sembrano granché diverse dalle perplessità di tanti osservatori: perché mai l' uomo d' affari cinese ha perso 698 milioni (tra acquisto e aumenti di capitale) per non essere riuscito a rimborsarne «appena» 32? E se non li aveva ed era consapevole di non averli, perché alla fine non ha almeno accettato l' offerta (non faraonica ma pur sempre molto meglio di niente) di uno dei possibili compratori stranieri palesatisi nell' ultima fase? Ha scelto lui, o non era in condizione di essere lui a scegliere il da farsi?

 

Il tipo di imputazione selezionata sinora dalla Procura presuppone che le ipotizzate «false comunicazioni sociali» provengano da società o che siano quotate in Borsa (e il Milan non lo è) oppure che abbiano emesso «strumenti finanziari ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato italiano o di altro Paese dell' Unione europea»: è in questa categoria che viene ricondotto il Milan, visto che in maggio la gestione cinese aveva collocato due obbligazioni complessivamente di 128 milioni alla Borsa di Vienna per rimborsare un prestito soci e finanziare il calcio-mercato.

 

Yonghong Li Marco Fassone Yonghong Li Marco Fassone

Nel procedimento penale che risulta aperto di recente (con numero di registro del 2018), e che oltre all' uomo d' affari cinese non ha allo stato ulteriori indagati (né Silvio Berlusconi né altri soggetti della galassia rossonera), i pm Fabio De Pasquale e Paolo Storari hanno ieri delegato la Guardia di Finanza milanese a svolgere non perquisizioni a carico di indagati, ma acquisizioni presso terzi negli uffici del Milan e dei consulenti dell' operazione quali Lazard, Rothschild, Bnp Paribas, Sports Investment Group srl, Ernst&Young e Deloitte.

 

Anche al netto di riverberi penali allo stato inesistenti, la posizione di questi advisor non è scintillante all' esito dell' infelice avventura imprenditoriale di cui sembrano non aver colto le fragilità strutturali: Lazard Srl è la compagine che introdusse l' acquirente cinese nelle trattative ed è consulente finanziario di Fininvest Spa al pari di Bnp Paribas Cib Corporate Finance Italy; Sports Investment Group Srl figura come advisor del cinese; Ernst&Young e Deloitte Italia sono stati gli auditor rispettivamente di Fininvest e di Yonghong Li; e Rothschild & Co. ha redatto un documento (privo di data ma allegato all' istanza di accesso del 26 febbraio) che assicurava - è la nota dei pm che oggi suona vagamente ironica - «la completa affidabilità finanziaria di Yonghong Li». Vice presidente della Rothschild londinese e consigliere del Milan in quota al fondo Elliott (di cui è riferimento in Italia) è Paolo Scaroni, l' ex presidente dell' Eni ora papabile presidente del Milan «americano» all' esito dell' odierna assemblea.

FASSONE LI FASSONE LI

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal