CHE FRIEZE CHE FA – IL PASSATO SEMBRA ILLUMINARE IL FUTURO MEGLIO DELLA RICERCA DISPERATA DELLA “TROVATA” A TUTTI I COSTI (PER QUANTO DI TALENTO) – LO STAND MOZZAFIATO ALLESTITO COME UN APPARTAMENTO DALLA GALLERIA HELLY NAHMAD DI LONDRA

L’artista Antonio Riello: “la sezione staccata della fiera dedicata al passato e ad un collezionismo più legato alla tradizione che non alla sperimentazione, sembra centrare molto meglio di Frieze Art Fair, i temi più rilevanti ed attuali della ricerca artistica”…

Condividi questo articolo

riello riello

Antonio Riello per Arsnow - http://www.arsnow-magazine.it/frieze-stupisce-ancora/

 

 

Frieze Art Fair London. Certamente molta e bella arte contemporanea, le gallerie presenti rappresentano senza dubbio il parterre internazionale delle arti visive. Molto disegno e molta pittura, forse meno fotografia del solito. Anche tanto glamour e mondanità: la gente che gira in fiera, con il suo dress-code vario e complesso, è infatti anche molto intrigante, uno spettacolo nello spettacolo. Potremmo dire in sintesi che è una situazione senz’altro molto global e divertente, una specie di playground per artisti e art-addicted insomma.

 

HELLY NAHMAD GALLERY HELLY NAHMAD GALLERY

Ma, come è successo anche nell’edizione del 2013, quello che merita una particolare attenzione è Frieze Master. Cioè la sezione staccata della fiera dedicata al “Moderno” e all’“Antico”. Apparentemente luogo rivolto al passato e ad un collezionismo più legato alla tradizione che non alla sperimentazione, in realtà sembra centrare, molto meglio di Frieze Art Fair i temi più rilevanti ed attuali della ricerca artistica.

 

HELLY NAHMAD GALLERY HELLY NAHMAD GALLERY

Chi ha visto l’ultima Biennale di Venezia (sapientemente organizzata da Massimiliano Gioni) o l’ultima Documenta di Kassel (2012) ha infatti ben chiaro che le questioni antropologiche e storiche sono oggi il centro vivo, vero e cruciale della riflessione artistica. A Frieze Master se ne sente il profumo e se ne intravede il colore. Insomma il passato sembra illuminare il futuro meglio della ricerca disperata della “trovata” a tutti i costi (per quanto di talento).

 

HELLY NAHMAD GALLERY HELLY NAHMAD GALLERY

Una cosa comunque brilla luminosa tra le altre, un allestimento fatto dalla galleria HELLY NAHMAD di Londra. Un grande spazio è stato allestito come la casa di un immaginario e sofisticato collezionista francese degli anni ‘60. Tutto è assolutamente perfetto nei minimi particolari sia visivi che sonori.

 

HELLY NAHMAD GALLERY HELLY NAHMAD GALLERY

Alle pareti dei bei quadri di artisti dell’epoca (veri e in vendita a caro prezzo, business is business, e comunque si va da Picasso a Dubuffet, da Fontana a Burri, da Mirò a Twombly e così via). Non è l’opera di un artista ma bensì l’invenzione di un mercante per vendere la propria merce (seppure con il supporto critico e filologico di un grande critico come Norman Rosenthal).

 

HELLY NAHMAD GALLERY HELLY NAHMAD GALLERY

Un piccolo “capolavoro” (in pratica involontario e anonimo, potremmo aggiungere) intorno al quale si indugia a lungo, senza voglia di andarsene, e con il piacere di scoprire continuamente cose nuove, memorie, meraviglie, suggestioni e impressioni. Quello che in fondo ci piacerebbe potesse essere sempre una opera d’arte. Se questo è il mercato”, che ben venga!

HELLY NAHMAD GALLERY HELLY NAHMAD GALLERY

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

CURIA D’URTO – IL PAPA HA SPRETATO THEODORE MCCARRICK, L’ARCIVESCOVO EMERITO DI WASHINGTON ACCUSATO DI PEDOFILIA. LA SENTENZA INAPPELLABILE DI BERGOGLIO ERA NELL’ARIA DA GIORNI ED È UN ATTO DOVUTO DI FRANCESCO ALLA VIGILIA DEL MEGA SUMMIT SUGLI ABUSI. LE VOCI SULLE VIOLENZE DELL’EX PORPORATO RISALGONO AGLI ANNI ’90, MA LA DENUNCIA PUBBLICA È ARRIVATA SOLO NEL 2018 – GLI INSABBIAMENTI, LA RIABILITAZIONE DOPO LE SANZIONI DI RATZINGER E IL DOSSIER VIGANÒ: TUTTE LE QUESTIONI APERTE

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute