E L'ITALIA ENTRÒ IN RECESSIONE? - LA DOCCIA FREDDA DA BANKITALIA: L'ULTIMO TRIMESTRE DEL 2018 POTREBBE AVERE IL SEGNO MENO. E PER IL 2019 LA CRESCITA SI ATTESTERÀ SULLO 0,6%, NON L'1% SPERATO DAL GOVERNO - NEL TERZO TRIMESTRE IL PIL AVEVA SEGNATO UNO 0%. ''PROSEGUE IN ITALIA LA DEBOLEZZA DELL'ATTIVITÀ PRODUTTIVA''

-

Condividi questo articolo

conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 3 conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 3

 

Da www.ilsole24ore.com

 

Per il 2019 Bankitalia prevede una crescita del Pil pari «allo 0,6%: 0,4 punti in meno rispetto a quanto valutato in precedenza» e rispetto alle ultime stime del Governo. Alla revisione, spiega Bankitalia nel Bollettino economico pubblicato oggi, concorrono «dati più sfavorevoli sull’attività economica osservati nell’ultima parte del 2018, che hanno ridotto la crescita già acquisita per la media di quest’anno di 0,2 punti; il ridimensionamento dei piani di investimento delle imprese che risulta dagli ultimi sondaggi; le prospettive di rallentamento del commercio mondiale».

 

conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 5 conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 5

«In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre, gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l'attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto», quindi in recessione tecnica.

 

Le proiezioni di crescita nel 2020 e nel 2021 sono «dello 0,9 e dell’1 per cento rispettivamente», afferma Via Nazionale.

 

Bankitalia, inflazione all'1% nel 2019, verso 1,5% nel 2020

Per i prossimi anni Bankitalia stima che l'inflazione aumenti «gradualmente, dall’1% per cento quest’anno all’1,5 nella media del biennio successivo, a seguito dell’incremento delle retribuzioni private e del graduale allineamento delle aspettative di inflazione». Lo afferma Via Nazionale nel Bollettino economico pubblicato oggi.

 

Le condizioni complessive dei mercati finanziari restano «più tese di quelle osservate prima dell’estate» anche se il differenziale tra i rendimenti dei titoli di Stato italiani e di quelli tedeschi a metà gennaio «era di circa 260 punti base, 65 in meno rispetto ai massimi di novembre. Lo segnala Bankitalia nel Bollettino economico pubblicato oggi aggiungendo che un «più accentuato rientro delle tensioni sui rendimenti dei titoli di Stato potrebbe favorire ritmi di crescita più elevati».

 

conte e tria conte e tria

Prosegue in Italia «la debolezza dell’attività produttiva». Lo segnala Bankitalia nel Bollettino economico. «In Italia, dopo che la crescita si era interrotta nel terzo trimestre - dice Bankitalia - gli indicatori congiunturali disponibili suggeriscono che l’attività potrebbe essere ancora diminuita nel quarto. All’indebolimento dei mesi estivi ha contribuito la riduzione della domanda interna, in particolare degli investimenti e, in misura minore, della spesa delle famiglie», si legge nel Bollettino.

 

Condividi questo articolo

business