IN ALITALIA TORNANO I ''CAPITANI CORAGGIOSI''. MA CON LA GARANZIA PUBBLICA E L'INVESTIMENTO DELLA CDP - IL M5S È PASSATO DALL'IDEA DELLA NAZIONALIZZAZIONE A QUELLA DELLA PARTECIPAZIONE. MA I CONTI DELLA SOCIETÀ, PUR MIGLIORANDO, CONTINUANO A INTACCARE IL PRESTITO PONTE DA 900 MILIONI DELLO STATO

-

Condividi questo articolo

SALVINI ALITALIA SALVINI ALITALIA

Nicola Lillo per la Stampa

 

Far entrare lo Stato in Alitalia, affiancato da uno o più soggetti privati con l' obiettivo di tenere nell' azienda tutti i 12 mila dipendenti. Una sorta di riedizione dei «capitani coraggiosi», lanciati senza successo nel 2008 dal governo Berlusconi, ma questa volta con la garanzia pubblica. È questo il progetto a cui stanno lavorando nel governo giallo-verde per tentare il rilancio della compagnia in amministrazione straordinaria da oltre un anno.

 

È soprattutto il Movimento 5 Stelle a gestire questo dossier, vista la presenza di Luigi Di Maio al ministero dello Sviluppo economico e di Danilo Toninelli ai Trasporti. Dalla Lega invece sembra quasi ci sia la volontà di lasciare la patata bollente nelle mani dei pentastellati, anche perché trovare una soluzione per Alitalia non è affatto facile (stesso discorso da applicare all' Ilva). Sul tavolo c' è anche la possibilità che il governo modifichi la terna di commissari, sostituendo Enrico Laghi, più volte attaccato dai Cinque Stelle.

 

A caccia di partner

handling alitalia handling alitalia

Ieri in Parlamento - dove è stato approvato definitivamente il decreto che prevede la proroga dei termini per la vendita, slittati al 31 ottobre - il sottosegretario allo Sviluppo, Davide Crippa del M5S, ha spiegato chiaramente che la presenza dello Stato nell' ex compagnia di bandiera «è un tema sul piatto, all' attenzione del governo».

 

La quota della partecipazione sarà quantificata in futuro, ma intanto è chiaro che il Movimento 5 Stelle è passato dall' idea della nazionalizzazione a quella della partecipazione.

Per arrivare a questo obiettivo è possibile che venga lanciato un nuovo bando di vendita con nuovi termini, anche perché alla luce di quello attuale potranno acquisire la compagnia soltanto le aziende già in corsa, cioè Lufthansa, Easyjet e WizzAir.

 

GIULIA GRILLO TONINELLI LUIGI DI MAIO GIULIA GRILLO TONINELLI LUIGI DI MAIO

Non avrebbero quindi possibilità altre grosse aziende, per lo più italiane, su cui il Movimento 5 Stelle sta puntando e che avrebbero chiesto al governo una garanzia pubblica. La situazione è ancora fluida e come ha spiegato Toninelli alla Camera «presto diremo la nostra».

 

È da alcuni mesi che l' Alitalia è allo studio in alcune banche d' affari, spiegano fonti vicine al dossier, che avrebbero tentato di creare nuove cordate di imprenditori per rilevare la compagnia. Alcune di queste però avrebbero chiuso la partita, poco convinte di fare un affare.

 

È più semplice infatti che ad interessarsi ad Alitalia sia un' azienda del settore, per integrare così il suo mercato. I numeri della compagnia comunque sono migliori delle aspettative. A maggio i ricavi sono aumentati del 7,6% rispetto all' anno prima e giugno dovrebbe dare risultati simili, così come luglio e agosto.

Questo però non significa che l' azienda va bene, visto che continua ad essere intaccato il prestito ponte da 900 milioni concesso dallo Stato.

 

TONINELLI TONINELLI

Il problema Cdp

Tra le ipotesi c' è chiaramente l' ingresso della Cassa depositi e prestiti, già sondata ma senza alcun successo lo scorso anno dalla vecchia proprietà di Alitalia. Il problema però è che per statuto la Cdp non può entrare in aziende che sono in perdita e anche le dichiarazioni di Giuseppe Guzzetti, presidente delle fondazioni azioniste della Cdp, non danno grosse speranze: «Se vogliono fare cose strane con Cassa, come diversi governi hanno provato in passato con Alitalia, allora non ci siamo». A questo punto però dipenderà anche dai futuri vertici della Cdp, che saranno scelti entro la fine del mese.

GIUSEPPE GUZZETTI GIUSEPPE GUZZETTI

 

Condividi questo articolo

business