BOLLORE’ VUOLE UN TERZO INCOMODO FRA LUI E CALENDA – S’E’ OFFERTO L'IMMANCABILE BEBE' BERNABE’. MA IL MINISTRO L’HA BOCCIATO – TIM AVREBBE OFFERTO AI SERVIZI SEGRETI DI COMPRARE “TELSY” (TELEFONI CRIPTATI). MA PANSA HA BOCCIATO L’OPERAZIONE: GLI SPIONI NON CONTROLLANO AZIENDE

-

Condividi questo articolo

 

DAGOREPORT

franco bernabe franco bernabe

 

I Duellanti di Tim cercano un mediatore, un ambasciatore, qualcuno – insomma – che conservi il dialogo fra il ministero dello Sviluppo economico e l’azienda; ed il fatto che Genish abbia fatto un’ottima impressione a Calenda non significa che potrà essere l’israeliano a tenere i contatti con il governo.

 

calenda incrocia le dita calenda incrocia le dita genish genish

Com’era facilmente prevedibile, appena capito l’andazzo Franco Bernabè si è subito candidato al ruolo di mediatore. E’ nel cda di Tim e non si può certo definire un “estraneo” nelle stanze del governo. Bollorè sostiene le ambizioni dell’ex ad di Eni e Telecom, ma Calenda non ne vuole sentir parlare. E non certo perché nutre future ambizioni politiche. Anche per ragioni personali, il ministro non si candiderà alle elezioni.

bollore1 bollore1

 

Tim, però, somiglia semprepiù alle Solfatare di Pozzuoli: continuamente in ebollizione. Al punto che nei giorni scorsi è circolata l’idea di proporre ad Alessandro Pansa, capo del Dis (servizi segreti), l’acquisto di Telsy: l’azienda controllata da Tim che gestisce i telefoni criptati (in dote ai ministri che contano).

ALESSANDRO PANSA ALESSANDRO PANSA

 

Pansa, il cui mandato è in scadenza (e spera nella conferma), ha intercettato l’ipotesi di proposta ed ha fatto sapere che il Dis non è interessato all’acquisto dell’azienda. Anche perché nessun servizio segreto al mondo controlla direttamente una società.

logo TELSY logo TELSY TELEFONI CRIPTATI TELEFONI CRIPTATI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal