TANTO PAGA PANTALONE – ECCO QUANTO GUADAGNANO ALLE NOSTRE SPALLE I PADRONI DELLE AUTOSTRADE – È UN GIOCO DA RAGAZZI: NESSUNA CONCORRENZA E AUMENTI TARIFFARI GARANTITI. IL MARGINE INDUSTRIALE SUPERA IL 60% PER TUTTI (GAVIO AL 64) MA GLI INVESTIMENTI LATITANO – TOTO CON LE SOLE A24 E A25 SI BECCA 114 MILIONI DI MARGINE SU 165 DI RICAVI, I BENETTON NEL 2017 HANNO SPESO PER LA RETE SOLO 550 MILIONI, MENTRE GLI AZIONISTI (IN PRIMIS LA FAMIGLIA DI MAGLIARI VENETI) SI SONO INTASCATI 4,4 MILIARDI DI UTILI

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Fabio Pavesi per “il Fatto Quotidiano”

 

AUTOSTRADE AUTOSTRADE

Un gioco da ragazzi. Un business che viaggia con il pilota automatico. Nessuna concorrenza con i ricavi che continueranno anno su anno a crescere, grazie agli incrementi tariffari che superano costantemente l' inflazione. Basta controllare i costi e investire il meno possibile e voilà ecco che la redditività mostruosa e crescente è assicurata. Per i gestori autostradali, dai Benetton ai Gavio, ai Toto, quel business è una miniera d' oro.

 

(...)

beniamino gavio beniamino gavio

 

Tutti, dai Benetton ai Gavio, a Toto, i tre grandi protagonisti del settore hanno le stesse dinamiche.

 

Una marginalità industriale che supera ampiamente il 60%. Per Autostrade per l' Italia dei Benetton siamo al 62%. Per la Sias del gruppo Gavio che gestisce 1.200 chilometri di rete soprattutto nel Nord-Ovest del Paese il margine industriale è al 64%.

 

campagna pubblicitaria autostrade per l italia campagna pubblicitaria autostrade per l italia

E la gestione autostradale della A24 e A25 nel centro Italia frutta alla Toto Holding profittabilità industriale che sfiora il 60%.

 

Tutti i costi, compresi investimenti e manutenzione, valgono quindi tra i poco più di 30, massimo 40 euro, ogni 100 euro incassati dai pedaggi. Il resto è grasso che cola nelle mani dei padroni delle autostrade che li usano essenzialmente per fare due o tre cose che con la gestione e la sicurezza della rete d' asfalto c' entrano ben poco.

 

Darsi lauti dividendi, pagare gli elevati interessi sul debito e magari come hanno fatto i Benetton lanciarsi in grandi shopping oltrefrontiera come l' acquisto dell' aeroporto di Nizza o una quota dell' Eurotunnel o l' assalto alla spagnola Abertis.

 

(...)

 

CARLO TOTO CARLO TOTO

I Benetton con la loro Autostrade hanno spesato investimenti nel 2017 per la rete per soli 550 milioni su 3,5 miliardi di ricavi da pedaggio. Hanno pagato oneri di concessione per 465 milioni e remunerato i dipendenti per altri 500 milioni.

 

Hanno speso quasi di più per pagare gli interessi sul debito monstre che hanno scaricato sulle spalle della società dopo l' operazione a leva con cui hanno conquistato il possesso di Autostrade. In oneri finanziari la società ha speso, nel solo 2017, 465 milioni.

 

(...)

 

i meme sui benetton e il crollo del ponte di genova i meme sui benetton e il crollo del ponte di genova

Stesso copione per la Sias della famiglia Gavio. Anche qui tutti i costi operativi valgono solo 430 milioni su 1,1 miliardi di ricavi autostradali. Ogni anno oltre 100 milioni finiscono per pagare i soli interessi sul debito finanziario netto che è a livello consolidato pari a 1,3 miliardi dopo che nel 2016 era arrivato a toccare 1,6 miliardi. E che dire della famiglia Toto che dopo l' avventura non esaltante con Airone, finita tra le braccia di Alitalia, si è messo a fare il gestore di autostrade?

 

La sua Strada dei Parchi, che gestisce la A24 e la A25 , aveva nel 2016, come spiega la Relazione sull' attività di Vigilanza delle autostrade del ministero dei Trasporti, un margine industriale di ben 114 milioni su 165 milioni di ricavi da pedaggio.

AUTOSTRADE GRUPPO SIAS GAVIO AUTOSTRADE GRUPPO SIAS GAVIO

 

Ma era oberato di debiti finanziari netti per la bellezza di oltre un miliardo su un capitale di soli 52 milioni. Un debito colossale tanto da spendere oltre 50 milioni l' anno solo in interessi. Di fatto, oltre un terzo dei ricavi finiscono più per pagare i debiti che per far funzionare la sua autostrada. Gli investimenti complessivi sono stati di soli 17 milioni nel 2016 e di 36 milioni nel 2015. Poca roba, molto meno degli oneri sul debito.

gian maria gros pietro beniamino gavio gian maria gros pietro beniamino gavio

 

Ma ristorare legittimamente i creditori non è l' unico pensiero in cima ai signori delle Autostrade. Ci sono i ricchissimi utili da distribuire. La sola Atlantia, la holding che possiede Autostrade e che opera anche nel settore aeroportuale con Adr, ha sfornato tra il 2013 e il 2017 la bellezza di 4,4 miliardi di utili, distribuendo ai soci, in primis la famiglia Benetton, tra acconti e saldi la bellezza di 3,7 miliardi.

 

AUTOSTRADA DEI PARCHI AUTOSTRADA DEI PARCHI

Oltre l' 80% dei profitti è finito nelle tasche degli azionisti. Mentre la Sias dei Gavio ha distribuito il 34% dei 238,3 milioni di utili, ossia 80 milioni. Un po' meno degli anni passati, quando la cifra era circa la metà degli utili.

 

Toto, invece, ha chiuso l' ultimo bilancio disponibile (2016) in perdita. (...)

luciano benetton e oliviero toscani luciano benetton e oliviero toscani gilberto benetton gilberto benetton TOSCANI BENETTON TOSCANI BENETTON luciano giuliana gilberto benetton luciano giuliana gilberto benetton

 

Condividi questo articolo

business