TUTTO IL MARCIO DELLA MODA - COME HA FATTO IL BOSS DI ZARA A DIVENTARE IL SESTO UOMO PIÙ RICCO AL MONDO (70 MILIARDI $)? VE LO SPIEGA ‘REPORT’ (VIDEO INTEGRALE), CON UN SERVIZIO CHE APRE GLI OCCHI SU COME SI PRODUCONO I CAPI, DI LUSSO O ECONOMICI, CHE INDOSSIAMO TUTTI I GIORNI: BARILI DI MATERIALI TOSSICI E INFIAMMABILI SENZA PROTEZIONI, SOSTANZE CHIMICHE AMMASSATE ALLA RINFUSA. LE RISPOSTE DELLE AZIENDE, CON IKEA CHE PROMETTE: ‘ABBIAMO AVVERTITO I NOSTRI FORNITORI E…’

-

Condividi questo articolo

1. VIDEO - IL SERVIZIO INTEGRALE DI ‘REPORT’ SU ‘PULP FASHION’, TUTTA LA MONNEZZA DELLA MODA

 

http://www.rai.it/programmi/report/inchieste/Pulp-fashion-032e6fdc-ff5b-47af-b254-14fc096b4d5c.html

 

 

2. REPORT: "VERNICI E SICUREZZA ZERO, ECCO LA 'MODA CHIMICA' DEI GRANDI MARCHI"

L. Giar. per ‘il Fatto Quotidiano

 

report pulp fashion report pulp fashion

Secchi di prodotti chimici senza coperchio, vernici mescolate a mani nude, uomini a lavoro in sandali sopra a pavimenti pieni di residui di sostanze nocive. "Questo tra qualche anno avrà un tumore alla vescica", commenta un consulente d' azienda ignaro di essere ripreso, indicando un operaio.

 

Non c' è scampo, la moda funziona così e queste condizioni di lavoro accomunano i fornitori di decine di marchi noti nel mercato mondiale. Che sia Made in Italy o Made in Sweden, quasi tutto arriva in realtà dalla Cina. Lo dimostra l' inchiesta di Report su Rai Tre: in un servizio di Emanuele Bellano vengono sbugiardate le grandi aziende del fashion, tutte impegnate a garantire la sicurezza e l' alta qualità dei propri fornitori ma in realtà ultimo anello - sempre inconsapevole? - di una catena che inizia dall' altra parte del mondo con condizioni di lavoro pessime.

 

report pulp fashion report pulp fashion

Con una telecamera nascosta il giornalista entra nella fabbriche che producono tessuti per i grandi marchi - gli stessi che, a inizio servizio, parlano di moda "green" da Milano e da Parigi - , accompagnato da una guida che da anni lavora nel settore e che non sa di essere ripresa. Il risultato è il contrario di ciò che professano le grandi aziende: vecchi barili di materiali tossici e infiammabili senza protezioni, sostanze chimiche ammassate alla rinfusa, operai senza guanti né mascherine. "In Italia se un direttore ha una fabbrica così arriva il padrone e lo caccia a calci in culo", sentenzia la guida nello stabilimento di Shanghai.

 

report pulp fashion report pulp fashion

Eppure i clienti sono tutti falcoltosi: "Per Zara facciamo 100mila metri di tessuto l' anno - spiega a Report una manager della fabbrica - poi oltre a loro e a H&M produciamo anche per il gruppo Vf, per Gap e siamo in attesa di partire con Mango". Una volta ottenuti i filmati dalle fabbriche, Report ha chiesto spiegazioni ai marchi coinvolti.

 

Tra i "no comment" e i "verificheremo" dei più, Zara ha negato di aver mai lavorato con quegli impianti (contraddicendo non solo i video, ma anche il proprio sito internet), mentre H&M si è difeso assicurando di far firmare un protocollo ai propri fornitori in cui si impegnano a rispettare certi standard. L' unica presa di posizione decisa è arrivata da Ikea: "Abbiamo provveduto ad avvisare i nostri fornitori che se entro 90 giorni non si adegueranno agli standard di sicurezza chiuderemo i rapporti".

fabbriche di vestiti cinesi fabbriche di vestiti cinesi report pulp fashion report pulp fashion report pulp fashion report pulp fashion

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


business