1. NAPPI FOREVER! “VIVA L’EIACUAZIONE PRECOCE, VIVA I PENI PICCOLI! SE NON SIETE BRAVI A LETTO È COLPA DELLE FIGHE DI LEGNO CHE NON VE LA DANNO O CHE FINGONO L’ORGASMO” 2. A LEZIONE DI SESSO DALLA PORNOSTAR DI POMPEI: “BASTA CON L’ANSIA DA PRESTAZIONE: DIVERTITEVI, CAZZO! VENIRE IN CINQUE MINUTI NON È PATOLOGICO, PUÒ ESSERE DIVERTENTE. INVECE DI PENSARE ALLE DIMENSIONI E ALLA DURATA, PENSATE AL RITMO” (VIDEO) 3. “CONTA COME LO FATE. IMPARATE A MASTURBARE MEGLIO DI QUANTO POSSA UNA DONNA” 4. UN COLPO AI LUOGHI COMUNI: “NON ESISTONO FIGHE SFONDATE: NON È VERO CHE LE DONNE CHE FANNO PIÙ SESSO HANNO GENITALI MENO AVVOLGENTI, È IL CONTRARIO” (MICROMEGA) 5. “DOPO UN PERIODO INIZIALE DI ‘RODAGGIO’ (9-10 MESI), TUTTE LE VAGINE SI STABILIZZANO, CONSERVANDO DA LÌ IN POI LE MEDESIME DIMENSIONI, FORMA ED ELASTICITÀ”

Condividi questo articolo



  •  

     

     

    1. VIVA L’EIACULAZIONE PRECOCE!

    Dal profilo Facebook di Valentina Nappi:

    https://www.facebook.com/valentina.nappi.6

    valentina nappi votate il mio culo valentina nappi votate il mio culo

     

    “Viva l’eiacuazione precoce, viva i peni piccoli: basta con l’ansia da prestazione, se non siete bravi a letto non e’ colpa vostra ma di quelle fighe di legno che non ve la danno. Divertitevi, cazzo, basta con le ansie! Venire in cinque minuti non è patologico, può essere divertente. Invece di concentrarvi sulle dimensioni del pisello e sulla durata pensate al ritmo, all’intensità, al modo in cui lo fate. Imparate a masturbare una donna meglio di quanto lei possa fare. Se non siete bravi a letto è colpa di quelle fighe di legno che non ve la danno o che fingono l’orgasmo”…

     

     

    VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

    2. SULLE FIGHE SFONDATE E SLABBRATE

    Dal blog di Valentina Nappi su “MicroMega”

    http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/category/valentina-nappi/

     

     

    Un mito su cui è opportuno riflettere è quello secondo cui le ragazze ‘facili’, ‘zoccole’, quelle che fanno molto sesso promiscuo – sesso con tante persone diverse, gangbang… – avrebbero la figa ’sfondata’, ’slabbrata’, ‘troppo larga’ e quindi meno avvolgente, meno piacevole da penetrare. In realtà, dopo un periodo iniziale di ‘rodaggio’ (in media di nove-dieci mesi), tutte le vagine da tale punto di vista si stabilizzano, conservando da lì in poi le medesime dimensioni, forma ed elasticità.

    valentina nappi votate il mio culo valentina nappi votate il mio culo

     

    È inoltre del tutto ovvio che, per quanto concerne le sollecitazioni meccaniche, il sesso promiscuo vale esattamente quanto il sesso monogamico; e le fidanzatine fedeli, in media, non hanno affatto rapporti sessuali meno frequenti rispetto a una pornostar o a una ‘ragazza facile’ che ’si fa’ duecento ragazzi diversi ogni anno.

     

    Ma ciò che più conta è che l’esperienza e la consapevolezza del proprio corpo sono decisive anche al fine di trasmettere la sensazione di ‘figa avvolgente, stretta’ (vedi muscolatura del pavimento pelvico). Insomma: le santarelline poco interessate a fare esperienze variegate, ad apprendere da più persone e ad approfondire gli aspetti tecnici della sessualità sono proprio inutili, mentre le esperte sono le migliori persino nel far sentire la figa stretta ai maschi.

    VALENTINA NAPPI 2 VALENTINA NAPPI 2

     

    Ma cosa c’è dietro un pregiudizio così stupido? Probabilmente l’idea, ereditata dal nostro passato, di giovane ragazza come ‘materia prima’. Una materia prima che va preservata, che non va sciupata, che non va sprecata. Quando le baldraccone post-cinquantenni in televisione dicono che le ragazzine dovrebbero essere educate a ‘non darsi via’, a ‘dare un valore al proprio corpo’ eccetera, non fanno altre che riformulare in un linguaggio contemporaneo il vecchio principio di ‘preziosità’ del corpo di una giovane donna, una preziosità che è tutta materiale, che è legata alla riproduzione delle cellule sociali e che è stata sublimata (secondo il solito, ben noto meccanismo) in uno pseudo-valore spirituale.

    VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

     

    Sapete come si chiama questo meccanismo? Reificazione. Sì, proprio così: reificazione. Che vuol dire: ’spiritualizzazione’ delle cose materiali (nel caso specifico: ’spiritualizzazione’ dell’utero e delle sue potenzialità di riproduzione materiale). Insomma: esattamente l’inverso – proprio così: l’inverso!- di quello che oramai viene inteso comunemente nel dibattito pubblico.

    valentina nappi gangbang con i neri valentina nappi gangbang con i neri

     

    Si tratta di un meschino rovesciamento semantico, che ha contagiato anche Wikipedia, vari dizionari, varie fonti online e non. I soldati della neo-premodernità hanno sempre più séguito e stanno imponendo il loro vocabolario, ripetendoci ininterrottamente le loro litanie. Essi sono i nemici della razionalità moderna, della secolarizzazione, di conquiste della modernità quali il formalismo giuridico, la democrazia procedurale, la dissoluzione dell’autorità comunitaria ’sostanziale’ (l’autorità non codificata: quella del nonno, degli anziani, dei genitori sui figli maggiorenni…).

    valentina nappi valentina nappi

     

    Di tale esercito della neo-premodernità fanno parte le femministe delle differenza. Le loro formule – ad esempio sulla donna ripetutamente ‘violata’ che prima o poi (loro lo sanno, loro lo predicono) sente il bisogno di cambiar pelle – non sono altro che una versione raffinata di quelle delle baldraccone televisive sopra menzionate. Ma cos’è questo, se non la declinazione femminile, ‘educata’ e più o meno pseudo-argomentata, degli odiosi insulti maschilisti sulla figa sfondata e slabbrata?

    valentina nappi valentina nappi

     

     

     

    VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI jpeg VALENTINA NAPPI jpeg VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI VALENTINA NAPPI

     

     

    Condividi questo articolo



    media e tv

    politica

    business

    cronache

    sport

    cafonal