“SE VOGLIO, TI UCCIDO”: COSI' IL DOTTOR MORTE MINACCIAVA I COLLEGHI CHE SOSPETTAVANO DI LUI, MENTRE L’INFERMIERA AMANTE VOLEVA FARE UNA STRAGE DEI PROPRI FAMILIARI - CONVINTA CHE IL MARITO E LA MADRE AVESSERO UNA RELAZIONE, “QUEI DUE PORCI”, LI AVEVA AMMAZZATI. MA AVEVA ANCORA SETE DI SANGUE: “VUOI APPENDERLI COME FACEVANO GLI UNNI, TESTA MOZZATA DAVANTI CASA, E ESPOSTA AL PUBBLICO LUDIBRIO FINCHÉ NON SI SCARNIFICA”, LE DICE IL VICEPRIMARIO. E AVEVA MESSO L’ACIDO SUI POMODORI DELLA SORELLA DEL SUOCERO