I 18 ANNI DI “LEGGO” - IL 5 MARZO 2001 VENNE DATO ALLE STAMPE IL PRIMO NUMERO DEL FREEPRESS OGGI DIRETTO DA DAVIDE DESARIO - IL VIDEO DI AUGURI VIP, DA DAGO A VIRGINIA RAGGI, DA ALBA PARIETTI A BEPPE SALA - ROCCO SIFFREDI: “EHI AMICI DI "LEGGO", AVETE FATTO 18 ANNI…ORA POTETE SPINGERE FORTE…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Davide Desario per https://www.leggo.it

 

I 18 ANNI DI LEGGO - IL VIDEO DEGLI AUGURI

maria elena boschi con davide desario direttore di 'leggo' maria elena boschi con davide desario direttore di 'leggo'

Diciotto anni. Oggi il nostro Leggo, il vostro Leggo, diventa maggiorenne. Era, infatti, il 5 marzo del 2001 quando venne dato alle stampe il primo numero di Leggo, una freepress fin dall’inizio innovativa che, su impulso dell’editore, ha saputo coniugare la sintesi alla qualità, notizie curiose e popolari, informazione per vivere la città dal traffico ai servizi, dagli spettacoli agli eventi e allo sport.

 

Voi li ricordate i vostri diciotto anni? Vi ricordate come eravate? I sogni, l’energia, la grinta e la spensieratezza? Tutto sembrava possibile, tutto era ancora da realizzare, vero? Ecco noi a Leggo ci sentiamo proprio così. La redazione tutta, a Roma e Milano, la ricca e valente squadra di collaboratori esterni, i grafici, i tecnici, fotografi e operatori video, il personale non giornalistico affrontano il presente con entusiasmo. Ma soprattutto ognuno guarda il futuro a testa alta, senza paura. Vogliamo crescere. Vogliamo migliorare. Vogliamo ancora di più dire la nostra.

davide desario papa francesco bergoglio davide desario papa francesco bergoglio

 

Una sfrontatezza che non è incoscienza. Tutt’altro. È la forza che deriva dall’esperienza, dall’aver affrontato e superato gli alti e i bassi, di essersi velocemente adeguati al cambiamento dei tempi, aggiornandosi e rimboccandosi sempre le maniche. Perché di cose ne sono cambiate da quando il primo direttore, Giuseppe Rossi, mandò in stampa il primo numero di Leggo. E gli altri direttori, prima Giancarlo Laurenzi e poi Alvaro Moretti, ne sono stati validi interpreti capaci di tenere Leggo sempre sulla cresta dell’onda: quando il mare dell’informazione era in burrasca e quando invece le acque erano più calme e si poteva alzare le vele e navigare a tutta forza.

piotta e davide desario piotta e davide desario

 

Leggo oggi diventa maggiorenne. Ha superato pregiudizi e sbnobbismi. È più maturo, senz’altro. C’è meno l’ego e più Leggo. Anche e soprattutto grazie al web che gli ha permesso di mantenere quella freschezza e dinamicità che lo ha sempre contraddistinto. Così può leggerlo chiunque non solo chi frequenta il trasporto pubblico di Roma e Milano. E la prova è nei numeri. Ormai ogni mese oltre 20 milioni di computer e smartphone diversi si collegano al nostro sito, scorrono i nostri profili social su Facebook, Instragram e Twitter. Oppure leggono il giornale in formato digitale scaricandosi la App gratuita.

 

DAVIDE DESARIO INTERVISTA MATTEO SALVINI DAVIDE DESARIO INTERVISTA MATTEO SALVINI

Dati, lettori e inserzionisti in continuo aumento che fanno di Leggo, a soli diciotto anni, uno dei siti con le migliori performance. Oggi in tanti hanno voluto fare gli auguri a Leggo. In primis il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E allora non resta che augurarsi che Leggo (compresi i suoi speciali lettori) sappia sempre mantenere questo spirito, questo mix di gioia e grinta, voglia di novità e senso di responsabilità. Che oggi, in tempo di social network, si può sintetizzare in un hashtag: #solosuLeggo.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BRUXELLES SCARICA IL BARILE SU BANKITALIA: ''FURONO LORO A FAR FALLIRE LE 4 BANCHE''. LA COMMISSARIA ALLA CONCORRENZA VESTAGER SI LAVA LE MANI DELLA SENTENZA TERCAS. MA SIA DA VIA NAZIONALE CHE DAL MEF RIBADISCONO CHE FU COLPA DI QUELL'INGERENZA SE IL GOVERNO FU COSTRETTO A METTERE IN RISOLUZIONE ETRURIA E LE ALTRE - PATUELLI: ''5 ANNI PER RISOLVERE UN QUESITO DA 2° ANNO DI GIURISPRUDENZA''. LA VERITÀ È CHE LA VESTAGER È FISSATA COI COLOSSI DELLA TECNOLOGIA, LE BANCHETTE ITALIANE ERANO L'ULTIMO DEI SUOI PENSIERI

cronache

sport

DAJE DI TACCONI: “BUFFON? E' ARRIVATA L'ORA DI SMETTERE. ITALIA 90? SE AVESSI GIOCATO IO QUEL MONDIALE LO AVREMMO VINTO” – L’EX PORTIERE DELLA JUVE SCATENATO A ‘RADIO2’: “IL SESSO PRIMA DELLE PARTITE? AVEVAMO GLI ALBERGHI PIENI DI DONNE, MA IN CAMPO VINCEVAMO SEMPRE. I CALCIATORI OGGI PENSANO SOLO AI SOLDI, QUANDO GIOCAVO IO MOGGI MI OFFRI' 1.2 MLD DI LIRE PER ANDARE DALLA JUVE AL NAPOLI, RIFIUTAI ANCHE SE GUADAGNAVO LA META'"… - TACCONI E' STATO OPERATO DI ERNIA DEL DISCO: “IL MEDICO SI CHIAMA…ZENGA”

cafonal

viaggi

salute