''APRIAMO GLI OCCHI'' SI CHIAMA IL NUOVO LIBRO DI ROBERTO NAPOLETANO. SICURAMENTE HANNO APERTO GLI OCCHI I MAGISTRATI DI MILANO CHE OGGI CHIUDENDO L'INCHIESTA SULLA VECCHIA GESTIONE DEL ''SOLE 24 ORE'' HANNO AGGIUNTO ANCHE LA CONTESTAZIONE DELL'AGGIOTAGGIO INFORMATIVO A CARICO DELL'EX PRESIDENTE BENEDINI, L'EX AD DONATELLA TREU E L'EX DIRETTORE RESPONSABILE NAPOLETANO

-

Condividi questo articolo

Sole 24 Ore - il documento sull’accordo segreto tra Benedini, Treu e Napoletano Sole 24 Ore - il documento sull’accordo segreto tra Benedini, Treu e Napoletano

1. ''APRIAMO GLI OCCHI'', SICURAMENTE LO HANNO FATTO I MAGISTRATI DI MILANO

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Caro Dago, si intitola "Apriamo gli occhi" il nuovo libro di Roberto Napoletano edito da La Nave di Teseo, ampiamente recensito ieri da "Il Messaggero". Chi ha aperto gli occhi sono però i magistrati di Milano che oggi chiudendo l'inchiesta sul gruppo editoriale Sole 24 Ore per false comunicazioni sociali, hanno aggiunto anche la contestazione di aggiotaggio informativo, a carico degli ex vertici, l'ex presidente Benito Benedini e l'ex amministratore delegato Donatella Treu, e l'ex direttore responsabile Roberto Napoletano.

 

Con simpatia.

 

Andrea Giacobino

 

 

2. SOLE 24 ORE: CHIUSA INCHIESTA SU BENEDINI, TREU E NAPOLETANO, CONTESTATO ANCHE AGGIOTAGGIO

Flavia Carletti per www.ilsole24ore.com

 

Roberto Napoletano, Donatella Treu e Benito Benedini Roberto Napoletano, Donatella Treu e Benito Benedini

La procura di Milano ha chiuso l'inchiesta sul gruppo editoriale Sole 24 Ore per false comunicazioni sociali, cui si è aggiunta anche la contestazione di aggiotaggio informativo, a carico degli ex vertici, l'ex presidente Benito Benedini e l'ex amministratore delegato Donatella Treu, e l'ex direttore responsabile Roberto Napoletano. I fatti sono relativi ai conti del 2015. I magistrati contestano una non corretta rappresentazione della situazione economica del gruppo, con particolare riferimento ai ricavi derivanti dalla vendita delle copie digitali e cartacee.

roberto napoletano roberto napoletano

 

I magistrati titolari del fascicolo, Fabio De Pasquale e Gaetano Ruta, hanno stralciato la posizione di altre sette indagati, cui era contestato il reato di appropriazione indebita, e per loro si va verso una richiesta di archiviazione.

 

I sette indagati in questo filone dell'inchiesta sono i soci (diretti o indiretti) o gli amministratori di fatto della società di diritto inglese Di Source Limited, che tra il 2013 e il 2016 attraverso contratti con il Sole 24 Ore si sarebbe dovuta occupare della promozione del quotidiano, in particolare delle copie digitali. Per la magistratura, tuttavia, si trattava di operazioni inesistenti che avevano provocato flussi di cassa sempre negativi per il gruppo editoriale, con un danno stimato in oltre 2,9 milioni di euro per i conti della società di Via Monte Rosa. Da qui l'accusa di appropriazione indebita.

 

Stefano Quintarelli Stefano Quintarelli

Tuttavia, questo reato è stato modificato ed è ora procedibile solo per querela di parte. Nel marzo di quest'anno, Il Sole 24 Ore ha pero' annunciato di aver “accettato dalla società Di Source l'offerta risarcitoria di euro 2.961.079,90, esattamente corrispondente all'importo del danno patrimoniale come ipotizzato nell'ambito del procedimento penale presso la Procura della Repubblica di Milano”, come indicato in una nota.

 

Vanno verso l'archiviazione quindi le posizioni di Stefano Quintarelli, ex deputato dei Civici-Innovatori ed ex direttore dell'area digitale del quotidiano, il fratello e imprenditore Giovanni Paolo Quintarelli, l'ex direttore finanziario del gruppo Massimo Arioli, l'ex direttore dell'area vendite Alberto Biella, il commercialista Stefano Poretti, Filippo Beltramini, direttore di una controllata di Di Source Limited, ed Enea Giacomo Mansutti, tutti (tranne Beltramini) soci di riferimento della Di Source Ltd in proprio e/o tramite la schermatura di altri soggetti.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

VIDEO: CORONA IN AMBULANZA! MICA L'HANNO MENATO IN VENTI, ''FURBIZIO'' RACCONTA AGLI INFERMIERI CHE I GRAFFI SE LI È FATTI SUI ROVI: ''SONO CADUTO TRA LE PIANTE''. LORO VOGLIONO PORTARLO IN OSPEDALE MA LUI VORREBBE RECUPERARE IL TELEFONO. ''MI HANNO TENUTO IN QUATTRO PUNTANDOMI IL COLTELLO ADDOSSO. HO FATTO 6 ANNI DI GALERA MA…''  - ALLORA CORONA A QUALCOSA SERVE: È IN CORSO AL "BOSCHETTO DELLA DROGA" DI ROGOREDO UN CONTROLLO DEI CARABINIERI PER ABBATTERE LE BARACCHE DEI PUSHER

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute