BOCCHINO SENZA FRONTIERE: PASSA DALLA BUNGA-GIRL DEL BANANA SABINA BEGAN ALLA VATICANISTA DEL “MESSAGGERO”! - RUBEN È STATO SVEGLIATO DA MARA CARFAGNA IN UNA STANZA PIENA DI PALLONCINI ROSSI A FORMA DI CUORE – PREVITI 80

L’ultima trovata del comandante n.1 Flebuccio De/de Bortoli è di nominare capocronista della cronaca di Milano (la redazione più grande del giornale) uno che non è mai vissuto a Milano - Ormai tutte le compagnie aeree hanno l’app per il check-in mobile sul telefonino. Ce l’aveva anche Alitalia. Sparita…

Condividi questo articolo

FERRUCCIO DE BORTOLI FERRUCCIO DE BORTOLI

1. Dalla Cambogia di via Solferino, occupata dai Khmer, l’ultima trovata del comandante n.1 Flebuccio De/de Bortoli è di nominare capocronista  della cronaca di Milano (la redazione più grande del giornale) un non milanese, uno che non è mai vissuto a Milano. Si chiama Fabio Finazzi e viene da Bergamo. Ma tra i trecento giornalisti del quotidiano (che vende soprattutto a Milano e in Lombardia) uno che vive e conosce Milano non c’era? La notizia circolava a Milano all’inaugurazione dei nuovi grattacieli cult della città, il cosiddetto Bosco verticale dell’ex assessore alla cultura Stefano Boeri. Ma, diceva qualcuno, il miglior sistema per controllare è mettere fuoriposto le persone, evitare le competenze, così non possono essere autonome.

alitalia-etihad alitalia-etihad

 

2. Ormai tutte le compagnie aeree hanno l’app per il check-in mobile sul telefonino. Ce l’aveva anche Alitalia. Sparita. E sembra che non se ne parli più per un bel po’. Se poi tolgono anche quello dal computer siamo a posto: riapriranno le vecchie agenzie su strada… scelta araba? Chissà…

 

3. Romana Liuzzo per “il Giornale” - Una domenica d'autunno, l'ex colonnello finiano Italo Bocchino e una donna bionda tra i platani di viale Adriatico. Un cinema, una cenetta in un locale dei dintorni, lontani dai centri del potere e dal centro città. Tutti e due con indosso abiti a dir poco sportivi: entrambi giacchino corto stile motociclista, lei con stivaloni da cowboy. Amicizia country.

Bocchino e la Began Bocchino e la Began

 

4. Cara Liuzzo, Dagospia può facilmente svelare l’identità della signora che ha legato la sua vita a Bocchino: è Francesca Giansoldati ed è nientemeno la vaticanista del “Messaggero”. Essì, Bocchino è passato dalla bunga-girl del Banana Sabina Began alla vaticanista del “Messaggero”!

 

franca giansoldati si fa un selfie con papa francesco franca giansoldati si fa un selfie con papa francesco

5. Romana Liuzzo per “il Giornale” - «Buon compleanno amore mio». Quanti vorrebbero essere nei panni di Alessandro Ruben che lunedì mattina è stato svegliato dalla compagna Mara Carfagna (Forza Italia), in una stanza piena di palloncini rossi a forma di cuore e un vassoio ordinato in un sito specializzato con tutte le delizie per un dolce risveglio. E soprattutto con abbondante colazione. Auguri.

 

6. Romana Liuzzo per "il Giornale" - Ottanta anni ma non li dimostra. Auguri a Cesare Previti, avvocato ed ex ministro della Difesa. Per festeggiarlo sono arrivati parenti da ogni parte d'Italia soprattutto dalla Calabria, sua terra natale. Oltre alla famiglia al ricevimento a base di pesce organizzato in un ristorante romano, la mascotte - c'è da giurarci - sarà il nipote più piccolo, Cesare jr.

 

Silvana e Cesare Previti con Manuela Maccaroni Silvana e Cesare Previti con Manuela Maccaroni

7 . Carlo Mondonico per Novella 2000 - Tutti pazzi per Twitter anche se poi è facile diventare lo “zimbello” della rete. Non sono da meno intellettuali e giornalisti, come l’editorialista del Corriere della sera Pierluigi Battista che ha twittato contro Fabio Fazio e il cantante Stromae: “Ma poi, ha sfondato il cantante francese che faceva l’ubriaco disperato e che Fazio ha sponsorizzato a Sanremo?”. Feroce la replica degli altri utenti, che gli hanno fatto notare di non saperne nulla di musica, visto che Stromae (maestro) è belga e che la sua fama non la deve certo al Festival avendo venduto milioni di dischi nel mondo ed essendo un grande autore.

 

STROMAE A SANREMO STROMAE A SANREMO

Un altro che ci ha rimesso la faccia è stato Massimo Bernardini di Tv Talk che, vedendo gli U2 ospiti da Fazio (ancora lui nel mirino), ha scritto: “Riguardata la cover esplicitamente gay di Songs Of Innocence degli U2. Forse Fazio, che aveva in mano il cd, poteva chiederne le ragioni”. Anche per lui in centinaia a dargli dell’incompetente, spiegandogli che la copertina del disco ritrae il batterista della band Larry Mullen Jr mentre abbraccia il figlio diciottenne Aaron Presley. Se nella vita reale a volte è meglio tacere, su quella di Twitter è meglio astenersi dal commentare. Soprattutto se si vuole sempre fare la figura dei “maestrini”.

 

 

u2 suonano all evento apple u2 suonano all evento apple

Premio Guido Carli Mara Carfagna Alfonso Signorini Alessandro Ruben Premio Guido Carli Mara Carfagna Alfonso Signorini Alessandro Ruben

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute