IL CINEMA DEI GIUSTI - ALLORA, NEL 2008, I NOSTRI DISTRATTI CRITICI NON SI ACCORSERO DI NULLA, NON SAPEVANO CHI FOSSE IL REGISTA E COSA AVESSE FATTO STEVE MCQUEEN, SALVO LANCIARSI IN STUPIDE BATTUTE SUL NOME DEL REGISTA ("MA NON E' MORTO?" "E' IL FIGLIO?"). DEL RESTO, ACCADDE LA STESSA COSA CON "SHAME" A VENEZIA, E L'UNICA COSA CHE NOTARONO FU IL PISELLO DI FASSBENDER - "HUNGER" E' UN CAPOLAVORO PERCHE' SI INVENTA UN NUOVO LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO….

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

hungerhunger

Pochi scherzi. "Hunger", opera prima di Steve McQueen, il regista di "Shame", arrivato solo ora in Italia dopo aver vinto a Cannes nel 2008 il premio come miglior opera prima, e' un capolavoro di cinema politico e di cinema d'arte. Ma anche un capolavoro come cinema cinema, perche' Steve McQueen si inventa un nuovo linguaggio cinematografico che sviluppera' poi in "Shame" e costruisce con Michael Fassbender una specie di sodalizio artistico che esplodera' nel panorama asfittico dei festival internazionali e diventera' poi un vero "corpo" cinematografico lanciando in tutto il mondo il suo protagonista come una star di prima grandezza.

Michael Fassbender IN HUNGERMichael Fassbender IN HUNGER

Allora, nel 2008, i nostri distratti critici non si accorsero di nulla, non sapevano chi fosse e cosa avesse fatto Steve McQueen, salvo lanciarsi in stupide battute sul nome del regista ("ma non e' morto?" "E' il figlio?"). Non ricordavano nulla della tragica storia di Bobby Sands, martire irlandese, morto per uno sciopero della fame (hunger) nel 1981, e non presero sul serio il film.

Del resto, accadde la stessa cosa con "Shame" a Venezia, e l'unica cosa che notarono fu il pisello di Fassbender. Nel frattempo, Fassbender e' diventato un divo e McQueen e' considerato uno dei registi, oltre che degli artisti, più' importanti del mondo. "Hunger" deve molto alla ricerca artistica di McQueen, soprattutto nella prima parte, quella quasi muta, legata alla rivolta delle feci, con Bobby Sands che dipinge di escrementi la sua cella.

hunger michael fassbenderhunger michael fassbender

Ma nella seconda parte, un dialogo lungo 20 minuti tra Sands e il prete irlandese che gli chiede i perche' della sua rivolta e della sua idea di lasciarsi morire di fame, McQueen sperimentata la tecnica che vedremo in "Shame", molto teatrale, di piano sequenza recitato su un testo esterno, in questo caso di Enda Walsh, con un attore altrettanto esterno alla storia, qui Rory Mullen che fa il prete.

FASSBENDER E STEVE MCQUEENFASSBENDER E STEVE MCQUEEN

Confrontatela con la scena del ristorante di "Shame" tra Fassbender e la ragazza "normale". La costruzione e il ruolo centrale e' identico. Nella terza parte del film assistiamo al martirio della carne di Bobby Sands fino alla morte. Anche qui le somiglianze con l'ultima parte di "Shame", che molti hanno letto come mistico-cattolica, e' evidente.

Al di la' di certe sciocchezze sgarbistiche che si sono lette, dove McQueen e' accusato di fare del cinema museificato e quindi più "pericolasamente fabbricato di Transformers 3", McQueen e' uno dei pochi registi degli ultimi anni a essersi costruiti un linguaggio e di portarlo avanti coraggiosamente su temi politici o comunque importanti.

SHAME STEVE MCQUEEN E FASSBENDERSHAME STEVE MCQUEEN E FASSBENDER

Il fatto che questo arrivi dai ragazzi arrivati al cinema dall'arte, come McQueen o come Christopher Nolan o Douglas Gordon e non dalla ormai appassita cinefilia anni ‘60, ormai incapace anche di produrre critici, non puo' che dare noia ai finti esteti del cinema, che vivono ormai una fase degradata e degradante di quello che un tempo sembrava la strada maestra. "Hunger" e "Shame" dimostrano quanto il cinema possa essere vivo e quanto ancora si possa fare.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

SASSONE GOSSIP - CHI È IL CALCIATORE CHE PAGA UNA ESCORT PER FARSI CIUCCIARE GLI ALLUCI DEI PIEDONI? - SILVIA TOFFANIN, DOPO IL SECONDO FIGLIO, VUOLE LE NOZZE CON PIERSILVIO. A PORTOFINO - OGGI PRIMO SCONTRO IN TRIBUNALE TRA LA SANTADECHÉ E PAOLA FERRARI - ALTRO CHE ASTEMIA! CINDY CRAWFORD AL BOLOGNESE HA TRACANNATO VODKA ON ICE E VINO ROSSO - BARBARA D'URSO E MARA VENIER COPPIA DA SBALLO DELLA PROSSIMA STAGIONE TV? - VENDETTA TRASVERSALE: NON POTENDO COLPIRE VESPA, IN RAI ESCLUDONO IL FIGLIO FEDERICO

politica

business

“CON I FRANCESI PEGGIO CHE CON TANZI” – I RAPPRESENTANTI DEGLI AZIONISTI DI MINORANZA PARMALAT STRONCANO LA LACTALIS: “COME GOVERNANCE SIAMO PEGGIORATI. FANNO ANDARE MALE IL TITOLO IN BORSA E NON C’E’ TRASPARENZA”

Lactalis si prepara a spegnere 5 candeline in Italia. Ma non è un compleanno sereno. I rappresentanti del fondo Amber: “Lactalis - con l'ausilio del consiglio di amministrazione – vuole eliminare tutele e strumenti di garanzia per gli azionisti di minoranza"…

cronache

IL CANTANTE USHER COL PISELLO DI FUORI IN SAUNA, LA "GAMER" LEA MAY MOSTRA LA VAGINA, L'ATTORE DI ''ARROW'' INQUADRA PER SBAGLIO IL MARITO CON LE PALLE AL VENTO: QUANDO LE DIRETTE STREAMING DIVENTANO PORNO - VIDEO!

Usher sta facendo molto discutere dopo aver pubblicato un selfie su Snapchat completamente nudo e con le parti intime coperte da emoji - Intanto la celebrità di Youtube Lea May stava girando in diretta un video quando a un certo punto si alza dal divano e mostra chiaramente di non avere gli slip...

sport

MENTRE IL BARCELLONA E IL BAYERN PERDONO CON IL TIKI-TAKA, L’ATLETICO MADRID DI SIMEONE VINCE CON CATENACCIO E CONTROPIEDE - IL TECNICO ARGENTINO RIESCE DOVE GLI ALTRI NON ARRIVANO: VENDE I CAMPIONI E LI RIMPIAZZA “INVENTANDONE” DI NUOVI

Simeone è legato da contratto fino a giugno 2020 e guadagna 6 milioni netti a stagione, più bonus - All'Atletico è considerato un dio ed è più amato di qualsiasi giocatore - Negli anni del Cholo, l'Atletico ha venduto Falcao, Diego Costa, Arda Turan, Miranda e Mandzukic - Però il livello è rimasto alto...

cafonal

CAFONAL DAVID - TUTTE LE FOTO DEL RED CARPET: IN MANCANZA DI FILM, VALERIA MARINI FA SELFIE CON TUTTI, ANNA FOGLIETTA FA FAVILLE CON VESTITO TRASPARENTE, CLAUDIO SANTAMARIA FA LA GAG DEL 'MAGO GUARDA' - ILENIA PASTORELLI DAL 'GRANDE FRATELLO' AL TAPPETO ROSSO: ''RINGRAZIO BOBO VIERI'' - NIENTE TETTE, SIAMO AI DAVID

Vittoria Puccini, Matilde Gioli e la Foglietta esibiscono fiere il loro décolleté non esattamente prorompente, ma altre sconosciute bonazze tirano su il livello trash-tettonico - Gli 'accessori' più impegnati della serata sono stati i braccialetti e gli l'adesivi gialli con la scritta 'Verità per Giulio Regeni'...