IL CINEMA DEI GIUSTI - ALLORA, NEL 2008, I NOSTRI DISTRATTI CRITICI NON SI ACCORSERO DI NULLA, NON SAPEVANO CHI FOSSE IL REGISTA E COSA AVESSE FATTO STEVE MCQUEEN, SALVO LANCIARSI IN STUPIDE BATTUTE SUL NOME DEL REGISTA ("MA NON E' MORTO?" "E' IL FIGLIO?"). DEL RESTO, ACCADDE LA STESSA COSA CON "SHAME" A VENEZIA, E L'UNICA COSA CHE NOTARONO FU IL PISELLO DI FASSBENDER - "HUNGER" E' UN CAPOLAVORO PERCHE' SI INVENTA UN NUOVO LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO….

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

hungerhunger

Pochi scherzi. "Hunger", opera prima di Steve McQueen, il regista di "Shame", arrivato solo ora in Italia dopo aver vinto a Cannes nel 2008 il premio come miglior opera prima, e' un capolavoro di cinema politico e di cinema d'arte. Ma anche un capolavoro come cinema cinema, perche' Steve McQueen si inventa un nuovo linguaggio cinematografico che sviluppera' poi in "Shame" e costruisce con Michael Fassbender una specie di sodalizio artistico che esplodera' nel panorama asfittico dei festival internazionali e diventera' poi un vero "corpo" cinematografico lanciando in tutto il mondo il suo protagonista come una star di prima grandezza.

Michael Fassbender IN HUNGERMichael Fassbender IN HUNGER

Allora, nel 2008, i nostri distratti critici non si accorsero di nulla, non sapevano chi fosse e cosa avesse fatto Steve McQueen, salvo lanciarsi in stupide battute sul nome del regista ("ma non e' morto?" "E' il figlio?"). Non ricordavano nulla della tragica storia di Bobby Sands, martire irlandese, morto per uno sciopero della fame (hunger) nel 1981, e non presero sul serio il film.

Del resto, accadde la stessa cosa con "Shame" a Venezia, e l'unica cosa che notarono fu il pisello di Fassbender. Nel frattempo, Fassbender e' diventato un divo e McQueen e' considerato uno dei registi, oltre che degli artisti, più' importanti del mondo. "Hunger" deve molto alla ricerca artistica di McQueen, soprattutto nella prima parte, quella quasi muta, legata alla rivolta delle feci, con Bobby Sands che dipinge di escrementi la sua cella.

hunger michael fassbenderhunger michael fassbender

Ma nella seconda parte, un dialogo lungo 20 minuti tra Sands e il prete irlandese che gli chiede i perche' della sua rivolta e della sua idea di lasciarsi morire di fame, McQueen sperimentata la tecnica che vedremo in "Shame", molto teatrale, di piano sequenza recitato su un testo esterno, in questo caso di Enda Walsh, con un attore altrettanto esterno alla storia, qui Rory Mullen che fa il prete.

FASSBENDER E STEVE MCQUEENFASSBENDER E STEVE MCQUEEN

Confrontatela con la scena del ristorante di "Shame" tra Fassbender e la ragazza "normale". La costruzione e il ruolo centrale e' identico. Nella terza parte del film assistiamo al martirio della carne di Bobby Sands fino alla morte. Anche qui le somiglianze con l'ultima parte di "Shame", che molti hanno letto come mistico-cattolica, e' evidente.

Al di la' di certe sciocchezze sgarbistiche che si sono lette, dove McQueen e' accusato di fare del cinema museificato e quindi più "pericolasamente fabbricato di Transformers 3", McQueen e' uno dei pochi registi degli ultimi anni a essersi costruiti un linguaggio e di portarlo avanti coraggiosamente su temi politici o comunque importanti.

SHAME STEVE MCQUEEN E FASSBENDERSHAME STEVE MCQUEEN E FASSBENDER

Il fatto che questo arrivi dai ragazzi arrivati al cinema dall'arte, come McQueen o come Christopher Nolan o Douglas Gordon e non dalla ormai appassita cinefilia anni ‘60, ormai incapace anche di produrre critici, non puo' che dare noia ai finti esteti del cinema, che vivono ormai una fase degradata e degradante di quello che un tempo sembrava la strada maestra. "Hunger" e "Shame" dimostrano quanto il cinema possa essere vivo e quanto ancora si possa fare.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

OPERA TRAVIATA – IN BARBA A CERTE CRITICHE, CHE TRADISCONO SOLO LA PAURA CHE LA SCALA DI MILANO PASSI IN SECONDO PIANO, VALENTINO-COPPOLA-FUORTES SONO RIUSCITI IN UN COMPITO IMPOSSIBILE: ILLUMINARE IL TEATRO COSTANZI DELLE LUCI DELLA RIBALTA TIPICHE DI UN'APERTURA DI STAGIONE INTERNAZIONALE

Una Traviata classica, talmente classica da sembrare una provocazione, che ti assale con la forza superiore della bellezza, in cui i protagonisti sfiorano con visibile orgoglio frammenti di memoria della storia del Novecento italiano: da Visconti a Zeffirelli, dalla Callas a Piero Tosi...

politica

ALT! IL GOVERNO ITALIANO SI SCHIERA A FAVORE DEL TTIP, IL TRATTATO DI LIBERO SCAMBIO CON GLI USA. NELLA SUA PRIMA INTERVISTA DA MINISTRO, CALENDA PARLA DI QUESTO: ''IL TTIP FARÀ BENE AL NOSTRO EXPORT'' - HOLLANDE CONTRO, MERKEL FREDDA: OBAMA PUNTA SU RENZI PER FARE DA CAVALLO DI TROIA IN EUROPA SUL CONTROVERSO ACCORDO

Calenda: "Gli aspetti più spinosi sono l'indicazione geografica e gli appalti pubblici. Gli Usa sono grandi produttori di “formaggio Asiago” fatto nel Wisconsin. È improbabile che adesso smantellino le fabbriche e ne smettano la produzione. E una legge protezionistica obbliga le istituzioni pubbliche a preferire i prodotti USA. Va superata''...

business

MILANO PIATTA, TRA TELECOM CHE ZOMPA (+4,1%) E LE BANCHE CHE SOFFRONO (UNICREDIT -3,8%) - DELLA VALLE: PRIMA SU RCS SI DECIDEVA SOTTO IL TAVOLO, ORA CON ASSEGNO SUL TAVOLO. NON È UNA GUERRA DEI BUONI CONTRO I CATTIVI

Pesanti le banche dopo i recenti rialzi e zavorrate dal -26% di Banco Popular a Madrid dopo l'annuncio di un aumento di capitale da 2,5 miliardi: Ubi Banca ha perso il 5,98%, risentendo delle voci, smentite, di un interesse per Veneto Banca, mentre UniCredit ha accusato un calo del 3,83%...

cronache

DAMMI LA TUA MANO, ZINGARA - ALTRO CHE IL FUNERALE DEI CASAMONICA, IN GALLES LA 'REGINA DEI GIPSY", MORTA A 78 ANNI LASCIANDO 52 TRA NIPOTI E PRONIPOTI, VIENE RICORDATA CON UNA SPETTACOLARE CERIMONIA, TRA CARROZZE, LIMOUSINE E CIRCA 20MILA EURO SOLO DI FIORI (VIDEO)

Il 12 maggio è morta all’età di 78 anni Rubino Pearl Marshall, la 'Regina degli zingari’. Il funerale è avvenuto presso la Chiesa St Tydfil a Pontypridd, una cittadina del Galles e seguita da una sepoltura al cimitero Glyntaff. In centinaia si sono presentati per ricordarla e renderle omaggio...

sport

SOTTO LA COPPA, NIENTE - OGGI CI RICORDIAMO CHE ESISTE LA PALLAMANO GRAZIE ALLE RAGAZZE DANESI CHE VINCONO UN TORNEO UNDER 19 IN GERMANIA E FESTEGGIANO SENZA VELI SU INSTAGRAM - IN DANIMARCA CE L’HANNO PER VIZIO: IL CASO DELLE CALCIATRICI DEL BRONDBY CON LE CHIAPPE AL VENTO

A quanto pare in Danimarca è una moda. Ha fatto scalpore (e scandalo) una foto simile postata dalle calciatrici del Brondby, che dopo la vittoria in campionato si sono mostrate sui social con il lato b in bella mostra...

cafonal