IL CINEMA DEI GIUSTI - ALLORA, NEL 2008, I NOSTRI DISTRATTI CRITICI NON SI ACCORSERO DI NULLA, NON SAPEVANO CHI FOSSE IL REGISTA E COSA AVESSE FATTO STEVE MCQUEEN, SALVO LANCIARSI IN STUPIDE BATTUTE SUL NOME DEL REGISTA ("MA NON E' MORTO?" "E' IL FIGLIO?"). DEL RESTO, ACCADDE LA STESSA COSA CON "SHAME" A VENEZIA, E L'UNICA COSA CHE NOTARONO FU IL PISELLO DI FASSBENDER - "HUNGER" E' UN CAPOLAVORO PERCHE' SI INVENTA UN NUOVO LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO….

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

hungerhunger

Pochi scherzi. "Hunger", opera prima di Steve McQueen, il regista di "Shame", arrivato solo ora in Italia dopo aver vinto a Cannes nel 2008 il premio come miglior opera prima, e' un capolavoro di cinema politico e di cinema d'arte. Ma anche un capolavoro come cinema cinema, perche' Steve McQueen si inventa un nuovo linguaggio cinematografico che sviluppera' poi in "Shame" e costruisce con Michael Fassbender una specie di sodalizio artistico che esplodera' nel panorama asfittico dei festival internazionali e diventera' poi un vero "corpo" cinematografico lanciando in tutto il mondo il suo protagonista come una star di prima grandezza.

Michael Fassbender IN HUNGERMichael Fassbender IN HUNGER

Allora, nel 2008, i nostri distratti critici non si accorsero di nulla, non sapevano chi fosse e cosa avesse fatto Steve McQueen, salvo lanciarsi in stupide battute sul nome del regista ("ma non e' morto?" "E' il figlio?"). Non ricordavano nulla della tragica storia di Bobby Sands, martire irlandese, morto per uno sciopero della fame (hunger) nel 1981, e non presero sul serio il film.

Del resto, accadde la stessa cosa con "Shame" a Venezia, e l'unica cosa che notarono fu il pisello di Fassbender. Nel frattempo, Fassbender e' diventato un divo e McQueen e' considerato uno dei registi, oltre che degli artisti, più' importanti del mondo. "Hunger" deve molto alla ricerca artistica di McQueen, soprattutto nella prima parte, quella quasi muta, legata alla rivolta delle feci, con Bobby Sands che dipinge di escrementi la sua cella.

hunger michael fassbenderhunger michael fassbender

Ma nella seconda parte, un dialogo lungo 20 minuti tra Sands e il prete irlandese che gli chiede i perche' della sua rivolta e della sua idea di lasciarsi morire di fame, McQueen sperimentata la tecnica che vedremo in "Shame", molto teatrale, di piano sequenza recitato su un testo esterno, in questo caso di Enda Walsh, con un attore altrettanto esterno alla storia, qui Rory Mullen che fa il prete.

FASSBENDER E STEVE MCQUEENFASSBENDER E STEVE MCQUEEN

Confrontatela con la scena del ristorante di "Shame" tra Fassbender e la ragazza "normale". La costruzione e il ruolo centrale e' identico. Nella terza parte del film assistiamo al martirio della carne di Bobby Sands fino alla morte. Anche qui le somiglianze con l'ultima parte di "Shame", che molti hanno letto come mistico-cattolica, e' evidente.

Al di la' di certe sciocchezze sgarbistiche che si sono lette, dove McQueen e' accusato di fare del cinema museificato e quindi più "pericolasamente fabbricato di Transformers 3", McQueen e' uno dei pochi registi degli ultimi anni a essersi costruiti un linguaggio e di portarlo avanti coraggiosamente su temi politici o comunque importanti.

SHAME STEVE MCQUEEN E FASSBENDERSHAME STEVE MCQUEEN E FASSBENDER

Il fatto che questo arrivi dai ragazzi arrivati al cinema dall'arte, come McQueen o come Christopher Nolan o Douglas Gordon e non dalla ormai appassita cinefilia anni ‘60, ormai incapace anche di produrre critici, non puo' che dare noia ai finti esteti del cinema, che vivono ormai una fase degradata e degradante di quello che un tempo sembrava la strada maestra. "Hunger" e "Shame" dimostrano quanto il cinema possa essere vivo e quanto ancora si possa fare.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

UGOLE CONTRO! - L’URLATORE TONY DALLARA LE CANTA AD AL BANO: "LUI IL CRISTOFORO COLOMBO DELLA MUSICA LEGGERA ITALIANA? NON HA SCOPERTO NULLA. IO SONO STATO IL PRIMO AD ANDARE ALL'ESTERO MA SI PARLA POCO DI ME. NON HO CAMION DI VINO E OLIO. NELLA MIA VITA HO SOLO CANTATO"

Tony Dallara non risparmia critiche a Sanremo: “I giovani non sono riconoscibili. Ad eccezione di Tiziano Ferro, gli altri sembrano tutti uguali. Celebrano tanti artisti che fanno 40 anni di carriera. Io ne faccio 58. Penso di meritarmelo”...

politica

UN GROSSO GRASSO RETROSCENA SULLE UNIONI CIVILI IN SENATO - IL GIGLIO RENZIANO HA AGGIRATO PIETRO GRASSO CON UNA MANOVRA A TENAGLIA: ZANDA SI È INVENTATO RIUNIONI SEGRETE SENZA INVITARE IL PRESIDENTE, E SUI VOTI SEGRETI È STATO COMPLETAMENTE SCAVALCATO - LO CHIAMANO DON ABBONDIO E IL POVERO EX MAGISTRATO S'INCAZZA TANTISSIMO

Tutto a posto, che dite? Ce le portiamo a casa, ‘ste unioni civili? Ma sì. Però al capolavoro renziano manca un dettaglio ancora: far dichiarare inammissibile l'emendamento dei cattolici del Pd, che vuole introdurre pene severissime per l'utero in affitto. Qui la sentenza del magistrato Grasso toglierà d'impaccio la maggioranza...

business

BINARIO MORTO PER I TRENINI - SLITTA ALMENO DI DUE ANNI LA PRIVATIZZAZIONE DI FERROVIE DELLO STATO - LA QUOTAZIONE IN BORSA NON DOVREBBE AVVENIRE PRIMA DEL 2018 MA È PIÙ REALISTICO IL 2020 - OGGI L’UNICA DIVISIONE CHE HA I NUMERI PER IL COLLOCAMENTO E’ L’ALTA VELOCITÀ

Ma il gruppo ha ancora una redditività poco sopra l'1% e Trenitalia poco sopra il 4% - Per andare in Borsa con tutta la holding, assioma indiscutibile per Mazzoncini (come per i suoi predecessori) bisogna trainare tutti i comparti (passeggeri, tpl e merci) almeno ad una soglia del 6%...

cronache

A CARNEVALE OGNI FELTRI VALE: “BAMBINI OBBLIGATI DAI GENITORI AD ESIBIRE TRAVESTIMENTI INDEGNI E ADULTI CHE SI VESTONO COME CLOCHARD (NON SOLO A CARNEVALE). ADDIO ALL'ESTETICA E ALL'ETICA DELLA TRASGRESSIONE. NON CI RESTA CHE CONFIDARE NELLA QUARESIMA”

“Circolano nelle città piccoli mostri bardati da Zorro, da fatine, da cretine. L' infanzia ridotta a recitare ruoli scriteriati per divertire papà e mamme impegnati a rendere ridicoli i propri eredi senza capire che essi, un domani, rammenteranno con raccapriccio di essere stati usati quali marionette di un gioco osceno"...

sport

LEICESTER SECRETS - VECCHI, UNITI E AFFAMATI: COME E’ NATA LA SQUADRA CHE STA DOMINANDO LA PREMIER - “KING” CLAUDIO RANIERI: "IL MIO LEICESTER COME IL CATANZARO DI GIANNI DI MARZIO E PALANCA. UN GRUPPO DI AMICI CHE VIVE INSIEME” - SE VUOI FARE LA PRIMA DONNA QUI NON TI PERDONANO”

Ranieri: “Mai visto giocatori così affamati. Mi spavento per quanto mangiano. Le prime volte mi sorprendevo, poi ho imparato a sorridere. Se corrono così tanto, mangino quello che vogliono” - Dietro il rinascimento del Leicester, una storia che riguarda Riccardo III e il lavoro di talent scout di un maestro elementare...

cafonal

CAFONALINO - BEN STILLER HA SCELTO ROMA PER L'ANTEPRIMA MONDIALE DEL SUO DELIRANTE, ATTESISSIMO E GIÀ STRACULT ''ZOOLANDER 2'' - 'SO CHE MILANO È LA CAPITALE DELLA MODA, MA ROMA È OPULENTA E MERAVIGLIOSA'. DOPO AVER GIRATO IN CITTÀ PER 4 MESI, IL RITORNO CON OWEN WILSON È ACCOLTO IN PERFETTO STILE 'MARZIANO A ROMA': ''ARIECCOLI!'' - LA FESTA, IL FLASH-MOB DA VALENTINO, LE PROIEZIONI

Ben Stiller racconta l'infanzia con due genitori famosi, ''passata da solo sul divano davanti a una televisione sempre accesa'', i primi sogni di cinema a 9 anni, la sfiducia sul suo talento, la confessione (ritrattata) di soffrire di sindrome bipolare - In vetrina a Piazza Mignanelli, i fan in selfie-delirio...