CULINARY CINEMA - ALLA BERLINALE UNA SEZIONE (SEGUITISSIMA) DI 11 FILM SUL RAPPORTO CHE LEGA UOMINI E CIBO - SI RACCONTA ANCHE LA MENSA GESTITA A MILANO DA BOTTURA - A OGNI PROIEZIONE CORRISPONDE UN MENU' A TEMA - VIDEO

Condividi questo articolo

 

Fulvia Caprara per la Stampa

 

BERLINALE BERLINALE

Il motto è «Passion Food» perchè riflette, attraverso 11 pellicole provenienti da tutto il mondo, sulla natura del rapporto che unisce uomini e cibo. Nella sezione della Berlinale «Culinary Cinema» (finora riproposta solo in due altri festival, a San Sebastian in Spagna e a Lodz in Polonia) c'è un unico film che parla d' Italia. Diretto da Peter Svatek, intitolato Theater of Life, racconta l' esperienza della mensa gestita da Massimo Bottura al Refettorio Ambrosiano, con la Caritas, durante (e dopo) i sei mesi dell' Expo.

 

BOTTURA CULINARY CINEMA BOTTURA CULINARY CINEMA

I migliori cuochi del mondo, da Ferran Adriá a René Redzepi, hanno cucinato per gli ospiti del Refettorio, rifugiati e senzatetto, attenendosi al tema lanciato da Bottura, ovvero «il pane è oro».

 

Un' idea diventa un piatto e una pietanza, una corrente di pensiero, un modo per accendere i riflettori su un problema che riguarda la Terra, gli animali, le piante. A ogni proiezione corrisponde un menù in tema e non c' è da stupirsi se la sezione è una delle più seguite della rassegna.

 

CULINARY CINEMA 1 CULINARY CINEMA 1

Ne fanno parte film-storie di vita, come Chef' s Table di Abigail Fuller dedicata a due cuochi che sembrerebbero non avere niente in comune, il tedesco Tim Raue e la religiosa buddista Jeong Kwan, uniti dalla convinzione: «L'ego sia il centro della creatività». Oppure Schumann' s Bar Talk , sul filosofo del cocktail Charles Schumann che regala massime come «un drink acquista equilibrio grazie all' esclusione degli ingredienti inutili».

 

E ancora André - The Voice of Wine , sull' aristocratico russo André Tchelistcheff che nel 1938 diede avvio alla viticultura californiana decretandone il futuro successo: «Il suo laboratorio - commenta Francis Coppola, appassionato produttore di vini - è il suo naso». Le creazioni di Tchelistcheff nascono, come lui stesso spiega, dall' osservazione degli altri: «Vivo con i vini e con le persone, facendo attenzione ai loro sentimenti, alle loro debolezze, ai loro sogni».

BOTTURA DE NIRO BOTTURA DE NIRO

 

I dilemmi ambientalisti sono il cuore di altre opere. In Atlantic scorrono immagini impressionanti sulla progressiva scomparsa dei pesci nell' Oceano, per l' uso aggressivo delle tecniche di estrazione di gas e petrolio. In Boone si affronta la crisi dei fattori dell' Oregon che allevano capre ma non possono venderne il latte, mentre, in At the Fork , il regista carnivoro John Papola e la moglie vegetariana Lisa Versaci fotografano difficoltà e problematiche zootecniche sempre più diffuse.

 

CULINARY CINEMA CULINARY CINEMA

L' agricoltore e attivista verde Wendell Berry, che ha segnato il pensiero ecologico in Usa, è protagonista di Look & See , George Mora, che ha preso parte alla Resistenza francese e poi è emigrato a Melbourne dove ha fondato una catena di ristoranti, è ricordato in Mister Mayonnaise , un colorato inno alla vita. Nella Berlinale alle battute finali, il cinema è tutto da divorare.

MASSIMO BOTTURA MASSIMO BOTTURA

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

‘CARO ANDREA, NON ERI PREVISTO…IO E TUA MAMMA SIAMO ANDATI IN TERAPIA DI COPPIA PER CONOSCERCI MEGLIO’: LE CONFESSIONI PRIVATE DI ALESSANDRO DI BATTISTA NEL NUOVO LIBRO - LUI E SAHRA SI FREQUENTAVANO DA POCHE SETTIMANE: ‘UNA STRAMALEDETTISSIMA PAURA: LEI TEMEVA CHE IO NON L’AMASSI DAVVERO E CHE STESSI CON LEI PER SENSO DEL DOVERE. IO AVEVO PAURA DI ESSERE ABBANDONATO. UNA SERA ME NE ANDAI DI CASA E…’ - ‘IL NO ALLE OLIMPIADI A ROMA LO HA DECISO IL MIO MECCANICO MASSIMO, RIUNENDO SUA MOGLIE MARIA, L'EDICOLANTE, IL FRUTTIVENDOLO, UN PAIO DI PARENTI E UN PENSIONATO’

business

cronache

sport

cafonal