DESMOND MORRIS: STORIE DI ORDINARIO SURREALISMO - PER ESEMPIO LEONORA CARRINGTON, MOGLIE DI MAX ERNST, CHE SI FA LA DOCCIA VESTITA IN CASA DI AMICI, O SI COSPARGE DI SENAPE I PIEDI, DURANTE UNA CENA UFFICIALE E DALÍ CHE PER SCIOCCARE TUTTI, ALLA PRIMA CONFERENZA AMERICANA, CHE S'INTITOLA “PARANOIA, PRERAFFAELLITI, HARPO MARX E ALTRI FANTASMI”, SI PRESENTA IN SCENA CON DUE LEVRIERI E UNA STECCA DA BILIARDO, E BOCCHEGGIA IN UNO SCAFANDRO DA PALOMBARO CHE PER MIRACOLO NON LO SOFFOCA

-

Condividi questo articolo

DESMOND MORRIS- STORIE DI ORDINARIO SURREALISMO DESMOND MORRIS- STORIE DI ORDINARIO SURREALISMO

Marco Vallora per “la Stampa”

 

1950, The London Gallery. Sul manifesto, il nome di Desmond Morris (prima mostra personale) è stretto tra quello celeberrimo di Mirò, e quello, ormai sconosciuto, dell' oscuro Cyril Hamersma, epigono surrealista.

 

desmond morris desmond morris

Sì, lo zoologo autore del fortunatissimo La scimmia nuda e di La tribù del calcio , è pure pittore (oltre 2500 tele, si vanta lui, arzillo novantenne), ma questo si sapeva. Meno si sapeva della sua frequentazione, vivace ed estesa, con tutti, praticamente, i rappresentanti dell' arte surrealista, che racconta, tardivamente, in un avvincentissimo, pettegolissimo, ma anche intelligente e utile regesto di vite (più o molto meno) esemplari.

Dalì - Foto di gruppo degli artisti surrealisti Dalì - Foto di gruppo degli artisti surrealisti

 

Che s' intitola, vasarianamente, Le vite dei Surrealisti e che tempestivamente Johan & Levi manda in libreria, con significative foto-frontespizio dei vari artisti e calibrate opere scelte (prezzo contenuto, 30 euro, per oltre 250 ricche pagine).

Forse poteva anche chiamarsi «Amici surrealisti», in sintonia con la seducente copertina, tratta dal felice L' incontro degli amici di Max Ernst.

 

Gala Dalì Gala Dalì

In cui vedi lui stesso, elegantissimo, seduto sulle ginocchia d' un vecchio burbero barbuto (che è poi Dostoevskij), uno stentoreo Breton con svolazzante stola rossa, da ecclesiastico, Louis Aragon con boa constrictor intorno al corpo vezzoso, con ghette, De Chirico, una statua greca, e il suicida Crevel, a uno strano pianoforte-subbuteo, con giocatori salificati.

Dalì Dalì

 

Ma perché Raffaello tra loro (certo: è una Scuola d' Atene avanguardista) e soprattutto il romanziere dei Demoni ? Lo scopriamo da questi deliziosi racconti-delazione, che non hanno peli sulla lingua (come la «scimmia nuda» di Morris: quel primate-uomo che si distingue dallo scimpanzé solo perché non è tutto ricoperto di peli. Null' altro).

 

Livoroso e categorico Infatti, il «pontefice» Breton, «autocratico e magniloquente», livoroso e categorico, aveva decretato: basta con la psicologia, i grandi temi filosofici che farciscono noiosi romanzi, abbasso Dostoevskij! Ed ecco Ernst che glielo sbatte lì, in prima fila, il russo, incurante del «feroce dittatore» (sempre Morris) che a pochi passi sta sbracciandosi, a seminar precetti. Questa, la visione dell' etnologo dell' animale-artista.

 

L' incontro degli amici di Max Ernst L' incontro degli amici di Max Ernst

Dopo aver assolto il suo dovere («Breton è stata la figura più centrale e determinante nella storia del Surrealismo e merita per questo eterno rispetto»), giù con le legnate da teatro dei burattini. Schietto schietto: «Una volta chiarito questo, va anche detto che era un presuntuoso seccatore, un sessista convinto, un irriducibile omofobo e un subdolo ipocrita».

 

Ritratto di Max Ernst Ritratto di Max Ernst

Non c' è male: del resto tutto il libro è attraversato da questo ordito percussivo, fatto di adesioni, ripensamenti, litigi, scomuniche, riprese d' amicizie calpestate, pamphlet crudelissimi e tardivi ripescaggi rituali. Quando ormai, dopo le scorticature della guerra e la diaspora seguita all' oppressione nazista, il Tardo Surrealismo non è tenuto in vita, secondo il nostro testimone-stetoscopio, che dal «patetico» e vano bocca a bocca d' alcuni sopravvissuti e dall' ormai «povero Breton».

Leonora Carrington e Max Ernst Leonora Carrington e Max Ernst

 

 Ma deve esser detto chiaramente, con la stessa chiarezza «imparziale» di Morris (l' età forse lo aiuta a essere diretto): non sembra che sia qui obbligato, dal risentimento, a prendersi una rivalsa su questo guru stimato ma insoffribile, o su altri compagni di strada, non meno scomodi e stravaganti.

 

MAX ERNST E LEONORA CARRINGTON MAX ERNST E LEONORA CARRINGTON

Eccentrici di genio No, la sua lente scientifica d' entomologo e di etologo che studia i gesti e i costumi di questo serraglio d' eccentrici di genio racconta certi episodi, non proprio comuni, non tanto per giudicare o inzaccherare il movimento, né per dare risposte cliniche, ma per capire queste strane jene ridens .

 

Dalì Dalì

Per esempio Leonora Carrington, una delle mogli di Ernst, finita in manicomio, che si fa la doccia vestita in casa di amici, o si cosparge di senape i piedi, durante una cena ufficiale («Non era chiaro se le sue bizzarrie fossero eventi surrealisti o momenti di follia»). Oppure Sebastian Matta che, per sfidare l' odiato (ormai) Breton a fare altrettanto, si fa tatuare a fuoco il nome di Sade sul petto.

HEMINGWAY PIVANO HEMINGWAY PIVANO

 

C' è anche Hemingway, che costringe Masson e Miró, amicissimi, a battersi in una partita di boxe, che dovrebbe esser brutale, ma finisce in farsa. E Dalí che per scioccare tutti, alla prima conferenza americana, che s' intitola «Paranoia, Preraffaelliti, Harpo Marx e altri fantasmi», si presenta in scena con due levrieri e una stecca da biliardo, e boccheggia in uno scafandro da palombaro che per miracolo non lo soffoca.

ANDRE BRETON ANDRE BRETON

 

Oppure si presenta al processo, intentatogli da Breton con l' accusa di connivenza con il franchismo, con sei pullover stratificati, il termometro in bocca, che lo fa farfugliare (nessuno capisce la sua difesa), ma ogni volta si toglie uno strato, minacciando di mostrarsi nudo. Lui, l' onanista inveterato, che ha denunciato pubblicamente di avercelo piccolissimo, così il puritano Breton rimane sconvolto e tutto finisce in una rablesiana risata.

 

Da buon scienziato, Desmond Morris registra, racconta con sapida icasticità anglosassone il loro stile contrastante, ma preferisce esercitarsi sulla vita: una caterva di amori a tre, omosessualità repressa, figli e mogli a mitraglia, trasgressioni sadiane e gelosie piccolo-borghesissime.

DESMOND MORRIS DESMOND MORRIS

 

E grande aggressività ovunque: con Gala ultraottantenne che fa nero l' occhio di Dalí, ridotto a lumaca, che però trova la forza di legnarla col bastone. Ora, poteva esistere un movimento «con due pittori diversi come Miró e Magritte?»: No, «era uno stile di vita, pura ribellione contro il sistema». Follia canalizzata.

gli amanti magritte gli amanti magritte

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute