GIU’ DALLA SCALA! - STÉPHANE LISSNER SBATTE LA PORTA IN FACCIA AL CRITICONE DEL CORRIERE PAOLO ISOTTA - NIENTE BIGLIETTO PER LA PRIMA DEL NABUCCO: “NON C’E’ PIU’ POSTO” - FLEBUCCIO SI SCHIERA CON ISOTTA, CHE SECONDO I PRO-LISSNER SE L’E’ CERCATA PER AVER ESAGERATO NELLE CRITICHE A CLAUDIO ABBADO E NON SOLO - È LECITO DARE L’OSTRACISMO A UN CRITICO, PER QUANTO SCOMODO?....

Condividi questo articolo

Egle Santolini per LaStampa.it

med01 fanny ardant francis lissnermed01 fanny ardant francis lissner

Il caso, presto detto «il bubbone», o «la gatta da pelare» dai melomani milanesi turbati nella quiete del loro sabato mattina, viene reso pubblico ieri da un corsivo di trenta righe sul Corriere. Siglato da f. de b., cioè dal direttore: vi si legge che «Paolo Isotta, critico musicale del Corriere della Sera, è stato bandito dalla Scala. Non vi potrà più entrare. Decisione del sovrintendente dopo un articolo non proprio benevolo nei confronti di Daniel Harding e, indirettamente, di Claudio Abbado». Prosegue Ferruccio de Bortoli: «Chi scrive, al contrario del suo critico, ama entrambi i direttori d'orchestra, l'allievo e il maestro, ma ha sempre ritenuto e ritiene che la libertà di critica sia sacra purché non scada mai nei toni e nei contenuti».

habb 77 regalo per abbadohabb 77 regalo per abbado

Racconta poi di come, già il 18 ottobre 2011, Stéphane Lissner avesse chiesto «con arroganza» la testa di Isotta. E conclude che «non la ebbe e non l'avrà nemmeno questa volta». Isotta, già arrivato da Napoli in un albergo milanese, nella giornata di venerdì avrebbe chiesto il biglietto per la prima del Nabucco della sera e sarebbe stato respinto «perché era troppo tardi e non c'era più posto».

Ma la tempesta tra il Piermarini e il primo quotidiano della città covava da tempo: e l'articolo «non proprio benevolo», cioè la recensione al concerto della Filarmonica di lunedì scorso, dove si legge che «Daniel Harding ha una precisa tecnica direttoriale, a differenza del celebre suo mentore, non Simon Rattle, dico, ma Claudio Abbado, onde è un vero direttore, magari un cattivo direttore ma un vero direttore», non è stata che l'ultima pietruzza.

Accadde, in un ambito molto diverso, ad alcune croniste di moda, escluse dalla sfilata di Giorgio Armani. Successe anche a quella giornalista che criticò la collezione dello stilista Cavalli e ne ricevette, insieme, un fascio di rose straordinariamente spinose e l'esclusione da quella passerella. E non si contano i casi in cui le società sportive, in urto con i giornalisti, vietarono l'ingresso agli allenamenti, senza però mai arrivare al punto di impedire quello allo stadio.

Giorgio Armani da ChiGiorgio Armani da Chi Napolitano e LissnerNapolitano e Lissner

Ma la vicenda scaligera è più ingarbugliata di quanto si possa credere, e squisitamente politica, visto che a scontrarsi sono due istituzioni magne della città, per tradizione legate da rapporti di civile collaborazione e invece in rotta almeno dallo scorso novembre, quando proprio da via Solferino partì la polemica Verdi-Wagner, cioè sul Sant'Ambroeus col Lohengrin e non, poniamo, con l'Otello.

Resta l'interrogativo: è lecito dare l'ostracismo a un critico, per quanto scomodo? E intemperante al punto, per esempio di pigliare a schiaffi un anziano collega dell'Unità nel foyer, di sancire la prima del Prometeo di Luigi Nono con la frase «Signori, la musica è finita», di battezzare Luciano Pavarotti come «analfabeta musicale» e, più recentemente, di bollare la regìa del Lohengrin come «tetra e cretina»?

Walter Vergnano, sovrintendente del Regio di Torino, si dice «basito. Stimo moltissimo Stéphane Lissner e credo di essere tra i pochi sovrintendenti italiani a riconoscere fino in fondo il valore sovranazionale della Scala. Aggiungo pure che, per dare un giudizio completo, bisognerebbe leggere quella famosa lettera dell'ottobre 2011. Ma resto volterriano nel midollo: occorre battersi perché chi la pensa in modo opposto al nostro possa esprimere la propria opinione. Altrimenti si fa un cattivo servizio all'istituzione e alla cultura».

de bortolode bortoloLA SCALA DI MILANO jpegLA SCALA DI MILANO jpegTeatro Alla ScalaTeatro Alla Scala

Anche per il violoncellista Mario Brunello «la porta non va chiusa proprio a nessuno. Sono in Svizzera, non leggo i giornali e della querelle non so nulla. Se quella di Isotta sia una campagna preordinata è materia soltanto per la sua buona coscienza, ma da cittadino prima che da musicista affermo che le differenze di opinioni vanno sempre accolte».

Dalla Scala sta partendo una lettera al direttore del Corriere in cui si definisce la scelta del teatro come una difesa nei confronti dei propri artisti, svillaneggiati sul piano personale non in nome della libertà di critica ma della tutela di poteri forti. E intanto un gruppo di spettatori scaligeri appassionati ha organizzato ieri sera una raccolta di firme pro-Lissner, facendo leva proprio su quella frase di de Bortoli sui «toni» e i «contenuti», secondo loro superati di molte lunghezze.

Marco Vizzardelli, animatore della «Voce del loggione»: «Altro che censura, qui a essere offesa è stata casomai, per tanto tempo, la capacità critica del pubblico: dire che Abbado non è un direttore? Che Pierre Boulez dirige "con gesto legnoso da marionetta"? Quella di Lissner è forse una mossa esasperata, ma quando è troppo è troppo».

La polemica appassiona, trabocca su Twitter, fa discutere la città. È sanguinosa ma non inutile, visto che ne sta emergendo un'affermazione di grande buon senso: si è recensori liberi, ma liberi veramente, se i biglietti d'ingresso non sono una gentile concessione dei teatri ma vengono pagati dal giornale. Com'è imposto, del resto, dai codici deontologici dei grandi quotidiani anglosassoni.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

UNIRE L'INUTILE AL DILETTEVOLE - DAL CUSCINO A FORMA DI GAMBE AL COCOMERO QUADRATO, DAI JEANS CON IL TANGA INCORPORATO AI PIEDI CON UNA VAGINA SULLA PIANTA: FOLLIE CHE CI FANNO AMARE IL GIAPPONE

Nel trionfo dell’inutile e del ridicolo, bisogna ammettere che c’è una certa dose di creatività. E i giapponesi sono famosi per averne tanta. Impiegata per rispondere a delle esigenze pratiche, come il flusso di muco o il sovrappopolamento negli alberghi, fino ai più futili capricci…

politica

LUCCIOLE PER LANTERNE ROSSE - TAZEBAO DEL “CORRIERE DELLA SERA” IN ONORE DI MAO-RENZI E DEL SUO DELFINO PIP-PO-QUO SALA CANDIDATO SINDACO DEL PD – LA VITTORIA DEL MANAGER EX MORATTI SEGNA LA NASCITA DEL “PARTITO DELLA NAZIONE” E PURE DEL “PARTITO CITTA’” – MA BALZANI E MAJORINO INSIEME HANNO RACCOLTO PIU’ CONSENSI DELL’EX AD DELL’EXPO FLOP …

Andare a occupare la poltrona di Palazzo Marino non si annuncia un'impresa facile per Pippone Sala. Mentre servirebbe una grande provvista di cautela da parte del Corriere e dei suoi sostenitori affinché l’aspirante sindaco non vada incontro a un flop più clamoroso del suo ultimo Expo...

business

COME LA FINANZA DIROTTA LA POLITICA - GUIDO MARIA BRERA NEL SUO BLOG FA PARLARE UN TRADER: ''CI DIVIDIAMO IN DUE CATEGORIE. I MATEMATICI, CHE SPESSO FANNO CROLLARE I MERCATI. E QUELLI CHE INTERVENGONO SULLE MACERIE, E INVESTONO SU OPERAZIONI GARANTITE DALLA POLITICA. COME ORA CON I CREDITI DETERIORATI'' - I PICCOLI RISPARMIATORI VENGONO FOTTUTI, VEDI ETRURIA, I GRANDI PATRIMONI SI ARRICCHISCONO

Prima si fa scoppiare la bolla, come con i mutui subprime. Poi si fanno intervenire le autorità, vedi Quantitative Easing, e si fanno soldi facili su quelle misure garantite dagli Stati. Ora si ricomincia, e si punta alle garanzie statali per estrarre le perle dall'apparente monnezza dei crediti deteriorati...

cronache

L'AUSTRALIA, PRIMO PRODUTTORE AL MONDO DI MOSTRI ANIMALI - UN TURISTA SI IMMORTALA ACCANTO A UN MOSTRUOSO GRANCHIO GIGANTE, CON CHELE LUNGHE OLTRE 1 METRO - SI CIBANO DI COCCO E VIVONO SULLA TERRAFERMA. PER INFESTARE I NOSTRI INCUBI

Appartenente alla specie del granchio da cocco, conosciuti anche come granchi ladri perché attirati da oggetti metallici e tessuti scintillanti, questo esemplare è uno dei più grandi mai rinvenuti in natura. Non è però un caso che quello ritratto abbia potuto raggiungere una grandezza da record…

sport

JUVENTUS-NAPOLI, SOSPETTI E VELENI - L'EX ALLENATORE DELL’INTER GIGI SIMONI: "SPERIAMO NON SUCCEDA NIENTE COME ACCADDE ALLA MIA SQUADRA NEL 1998” - PAOLO LIGUORI: “E' MATEMATICO, CI SARÀ UN ERRORE ARBITRALE A FAVORE DELLA JUVE SABATO SERA”

Era il 26 aprile 1998, quando, al Delle Alpi, i bianconeri, davanti in classifica di un punto, ricevono i nerazzurri. Sul campo finirà 2-0 per la squadra di Marcello Lippi, ma alla storia passerà come la gara del fallo di Iuliano su Ronaldo: l'arbitro Ceccarini di Livorno non assegna il penalty (apparso solare) all'Inter…

cafonal

CAFONALINO - BEN STILLER HA SCELTO ROMA PER L'ANTEPRIMA MONDIALE DEL SUO DELIRANTE, ATTESISSIMO E GIÀ STRACULT ''ZOOLANDER 2'' - 'SO CHE MILANO È LA CAPITALE DELLA MODA, MA ROMA È OPULENTA E MERAVIGLIOSA'. DOPO AVER GIRATO IN CITTÀ PER 4 MESI, IL RITORNO CON OWEN WILSON È ACCOLTO IN PERFETTO STILE 'MARZIANO A ROMA': ''ARIECCOLI!'' - LA FESTA, IL FLASH-MOB DA VALENTINO, LE PROIEZIONI

Ben Stiller racconta l'infanzia con due genitori famosi, ''passata da solo sul divano davanti a una televisione sempre accesa'', i primi sogni di cinema a 9 anni, la sfiducia sul suo talento, la confessione (ritrattata) di soffrire di sindrome bipolare - In vetrina a Piazza Mignanelli, i fan in selfie-delirio...