1. INCHIESTA FRANCESE SUGLI ATTUALI LAVORI DI MERDA, PARECCHIO PEGGIORI DI QUELLI DI QUALCHE ANNO FA, PERCHE' HANNO PERSO QUALSIASI UTILITA' E PROTEZIONE SOCIALE
2. GRAZIE ALLE APP SI E' ALLARGATO IL SETTORE DEI LACCHE' (TUTTI AL SERVIZIO DEI PIU' RICCHI) E L'OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITA' E' SOLO UN MODO PER FREGARE IL LAVORATORE
3. CON LA RIVOLUZIONE TECNOLOGICA, LA DEGRADAZIONE DELLE CONDIZIONI DI LAVORO È PALESE: UNA VOLTA C’ERA IL BUON VECCHIO MC DONALD’S, ORA SEI OBBLIGATORIAMENTE IMPRENDITORE DI TE STESSO, SENZA ALCUNA PROTEZIONE SOCIALE. PEGGIO ANCORA, LO SVILIMENTO HA COLPITO PROFESSIONI UN TEMPO PROTETTE, COME IL POSTINO O L’INFERMIERA

Condividi questo articolo

Mathieu Dejean per “Les InRocks

 

cover lavori di merda cover lavori di merda

In “Boulots de merde!” (tradotto: lavori di merda), inchiesta sull’utilità sociale di certi mestieri, i giornalisti Julien Brygo e Olivier Cyran raccontano l’estensione dell’ambito lacchè e si interrogano sulla nozione ambivalente di “lavoro di merda”.

 

«Se confrontiamo i lavori di merda di qualche anno fa e quelli attuali, notiamo una grossa regressione» dice con amarezza Abel, 30 anni, fattorino in bici per una app che recapita pasti a domicilio. Per lui la degradazione delle condizioni di lavoro è palese: una volta c’era il buon vecchio “Mc Donald’s”, ora sei obbligatoriamente imprenditore di te stesso, senza alcuna protezione sociale. Peggio ancora, la degradazione ha colpito professioni un tempo protette, come il postino o l’infermiera.

 

I giornalisti, raccogliendo testimonianze di sfruttati e sfruttatori, sottolineano che “questo mercato del lavoro è strutturato secondo una sporca tendenza al deperimento dei mestieri che hanno forte valore sociale”. Come già diceva l’antropologo americano David Graeber nel 2013, gli impieghi attuali, in industria come in ufficio, hanno un deficit di utilità sociale

call center call center

ed è questo che fa sprofondare i lavoratori in una noia profonda. Il termine “bore-out”, indica proprio la mancanza di motivazioni, la sofferenza al lavoro per colpa della noia.

 

I lavori di oggi si focalizzano su un segmento limitato, se non addirittura marginale, e si sopravvalutano professioni nefaste e parassitarie. Proliferano contratti precari, compiti servili al servizio dei ricchi e tecniche manageriali che centrifugano la mano d’opera. Dal lustrascarpe al “personal shopper”, dal giornalista all’infermiera, non si salva nessuno.

 

CALL CENTER IN ALBANIA CALL CENTER IN ALBANIA

Ad esempio gli impiegati da “Adrexo”, leader francese della distribuzione di volantini pubblicitari. Per 500 euro al mese questi poveracci percorrono migliaia di chilometri e distribuiscono tonnellate di carta, la cui destinazione finale è la discarica. Il tutto, sotto il regime di “pre-quantificazione del tempo-lavoro”, cioè il datore di lavoro quantifica a monte il tempo di lavoro che giudica necessario per portare a termine un compito. E spesso il lavoratore non può reclamare il pagamento di ore supplementari.

 

MANAGER MANAGER

Gli autori fanno la lista di tutte le nuove strategie manageriali che rendono infernale la vita dei lavoratori, a partire dal “Lean management”, metodo che mira a minimizzare gli sprechi, riducendo le pause e dando la caccia alle respirazioni improduttive. Si pratica ad esempio al centro ospedaliero universitario di Tolosa (CHU) de Toulouse.

 

Grazie a una simile mercificazione i pazienti sono diventati clienti e le cure sono diventate tariffe. «Mi sento un robot. Anzi quando vedo i robot in marcia, li invidio» confessa un infermiere che lì lavora da trenta anni. La sofferenza quindi ha raggiunto anche i lavori indispensabili.

call center 1 call center 1

 

Per gli autori del libro, essi stessi precari, il “Lean management” non è l’ottimizzazione della produttività ma un trucco astuto per ridurre il salario col sorriso e l’approvazione del lavoratore. Fingendo dialogo e consultazione, si degradano intanto le sue condizioni di lavoro. E’ la democrazia di impresa che ricorda quella parlamentare, quando ti chiedono ti votare l’uno o l’altro ma entrambi ti prenderanno a manganellate.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal