“RECITERÒ PER BRIZZI, NON AMO LE GOGNE", PARLA LILLO, L'ATTORE CHE HA ACCETTATO DI GIRARE SENZA IL SOCIO GREG IL NUOVO FILM (PRODOTTO DA BARBARESCHI) DEL REGISTA COINVOLTO NELLO SCANDALO MOLESTIE: "FINCHÉ LA GIUSTIZIA NON PRODURRÀ CERTEZZE, IO GIUDICHERÒ LE SUE SCENEGGIATURE: E QUESTA MI RICORDA JOHN LANDIS” – CI SARA’ ANCHE PAOLO RUFFINI: "HA FATTO UNA GAFFE CON SOPHIA LOREN, MA SE NE È RESO CONTO"

-

Condividi questo articolo

lillo lillo

I.R. per il Messaggero

 

«Se si riesce a girare, se il film parte davvero, io ci sarò. Per ora intorno al nuovo film di Brizzi girano problemi ben noti». Leggermente in difficoltà nel rispondere, ma limpido nella decisione, Lillo (il vero nome è Pasquale Petrolo) è con Paolo Ruffini l' unico nome certo nel cast di Modalità aereo, il primo film che Luca Barbareschi produrrà per il regista accusato nel 2017 di molestie.

 

Ospite pochi giorni fa dell' Ischia Film Festival, l' attore - presto regista con il sodale Greg - ha spiegato il motivo per cui ha accettato di partecipare al progetto, nonostante il suo rapporto con Brizzi si sia limitato, fino a ora, a due film: un cameo nel 2012 in Com' è bello far l' amore e un ruolo nel 2016 in Forever Young.

 

Lillo, cosa le ha fatto dire di sì a Brizzi?

«La sceneggiatura. L' ho letta, valutata, e ho accettato. È il miglior copione che mi sia capitato fra le mani ultimamente».

brizzi brizzi

 

E di che parla?

«Il paragone magari sembrerà esagerato, ma mi ricorda nella scrittura John Landis. È una commedia con un umorismo anche un po' surreale che si prende gioco delle nevrosi di oggi. Il cellulare, in particolare, e tutte quelle abitudini che ci stanno insegnando ad allontanarci dalla realtà, distraendoci dalle cose importanti. Si ride molto, mai in maniera becera».

 

Non è un copione un po' scomodo?

«Ma io non scelgo mai se mi conviene. E poi non sono uno di quegli attori che dicono di no a Brizzi a priori. Finché la giustizia non produrrà certezze, io giudicherò le sue sceneggiature: se mi piacciono, le faccio.

Brizzi era e resta un bravo regista».

 

Non tutti ragionano come lei.

Brizzi Brizzi

«Sulla storia di Fausto ho sempre detto la mia. Odio le gogne mediatiche, e penso che se ha colpe pagherà. Senza certezze, il pericolo vero è far male ai familiari innocenti: moglie e figlia».

 

E il pubblico? La penserà come lei?

«Me lo sono chiesto, lo ammetto, ma per carattere sposo i progetti senza farmi troppe domande. Le reazioni sono imprevedibili. Andrà come andrà, se le cose dovessero finire male avrò la coscienza a posto, perché saprò di aver scelto un progetto che mi piaceva professionalmente, un film in cui credo. Le polemiche ci saranno e le affronterò. Ma so cosa rispondere: io sono sempre stato me stesso».

 

 

Chi altro c' è nel cast?

«Per ora so poco. Mi arriva il copione via mail da Fausto e ancora non so con chi lo reciterò. Sicuramente ci sarà Paolo Ruffini, che all' inizio doveva essere solo sceneggiatore. Poi ha scelto di recitare».

lillo lillo

 

Anche Ruffini non è molto amato, dopo le gaffes ai David del 2014.

«Paolo è un bravissimo attore e molti non l' hanno ancora capito, ha una bella testa e anche lui è stato vittima di una gogna mediatica, soprattutto dopo la cerimonia dei David. Ha fatto una gaffe chiamando topa Sophia Loren, ma se ne è reso conto. Gli piace provocare, e capita che faccia una cavolata. Non lo voglio giustificare, ma professionalmente lo stimo ed è una persona gentile».

 

Quando e dove girerete?

«Dovremmo girare a Roma. Ma se non cominciamo il 15 agosto potrei avere problemi: dopo mi scatta la tournee teatrale...».

 

fausto brizzi fausto brizzi

A teatro sarà nel ruolo che fu di Jack Black in School of Rock: paura?

«Sto già studiando col coach le canzoni. La sfida per me è soprattutto canora. Massimo Piparo, il regista del musical, mi ha convinto a partecipare portandomi a Londra per vedere l' allestimento inglese, che sarà uguale al nostro. Il 5 marzo partiremo dal Sistina, poi Milano, Firenze...».

 

Poi il film di Natale di Luca Miniero. E l' esordio alla regia?

«Con Greg abbiamo un progetto, alcune produzioni si sono interessate. L' idea è fare una specie di Intrappolati nella serie tv, sulla scorta dell' Intrappolati nella commedia che recitavamo a teatro. Un Non ci resta che piangere ambientato in una serie tv, regia a quattro mani con Greg».

 

E la radio?

«Dovrebbe essere confermata per la prossima stagione».

 

Un Sanremo con I Latte e i suoi derivati?

fausto brizzi fausto brizzi

«Se mai trovassimo il brano giusto lo faremmo. Da giovani abbiamo partecipato, ma non tutti ci hanno capiti. Forse oggi sarebbe diverso».

lillo&greg lillo&greg barbareschi barbareschi LUCA BARBARESCHI LUCA BARBARESCHI paolo ruffini (2) paolo ruffini (2) LILLO E GREG NATALE A LONDRA LILLO E GREG NATALE A LONDRA paolo ruffini paolo ruffini lillo lillo lillo per andrea camilleri lillo per andrea camilleri paolo ruffini sotto le lenzuola (76) paolo ruffini sotto le lenzuola (76) Lillo Lillo Lillo Lillo Lillo e Greg Lillo e Greg stefano bollani con lillo e greg stefano bollani con lillo e greg stefano bollani e lillo stefano bollani e lillo corrado guzzanti e lillo corrado guzzanti e lillo lillo lillo lillo e volfango de biasi lillo e volfango de biasi fausto brizzi fausto brizzi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"MALETTONISMO" - MARCELLO VENEZIANI: “I BENETTON NON HANNO PRODOTTO SOLO MAGLIONI E GESTITO AUTOSTRADE MA SONO STATI LA PRIMA FABBRICA NOSTRANA DELL'IDEOLOGIA GLOBAL E TOSCANI E’ STATO IL LORO PROFETA. SOCIETÀ MULTIRAZZIALE, VIA LE BARRIERE OVUNQUE, ECCETTO AI CASELLI, DOVE SI TRATTA DI PRENDERE PEDAGGI - SI È CEMENTATO UN BLOCCO TRA UN CETO PROGRESSISTA CHE FORNISCE IL CERTIFICATO DI BUONA COSCIENZA A UN CETO AFFARISTICO DI CAPITALISTI MARPIONI. PERÒ ALLE VOLTE INSORGE LA REALTÀ…”

business

cronache

sport

cafonal