IN POLE POSITION - LA POLE DANCE, RICONOSCIUTA COME ATTIVITA' SPORTIVA, ORA PUNTA ALLE OLIMPIADI: VIA I TACCHI E LO STIGMA SESSUALE, LE ATLETE SI SOTTOPONGONO AI TEST ANTIDOPING - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Alex Terrell per “The Sun

 

VIDEO ‘CAMPIONATO DI POLE DANCE’

 

 

pole dancing pole dancing

La pole dance è stata riconosciuta come attività sportiva e ora potrebbe passare dagli strip club alle Olimpiadi. A capo della federazione (IPSF), c’è la 41enne Katie Coates: «Negli anni 2000 abbiamo cominciato a ripulire la pole dallo stigma sessuale, perciò niente tacchi alti e libero accesso a tutti. Poi ci siamo occupate del sistema di punteggi e dell’antidoping.

 

pole dancing copia pole dancing copia

Quest’anno è stato il primo in cui la ‘World Anti-Doping Agency’ (WADA) ha fatto i test sulle nostre atlete e nessuna di loro ha fallito. Per diventare sport ufficiale servono federazioni in 40 paesi, ma molti paesi non riconoscono le federazioni se non sono sportive. Un circolo vizioso, perciò per ora abbiamo un documento che ci certifica come sport per i prossimi due anni.

 

katie coates pole dancer katie coates pole dancer

Abbiamo già 15 federazioni, e non dovremmo avere problema ad arrivare a 40 in due anni. Gli sport tradizionali stanno perdendo popolarità, i nuovi sport sono molto più popolari fra i giovani. Forse non ce la faremo ad entrare alle prossime Olimpiadi, ma succederà, come è successo allo skateboarding, che concorrerà a Tokyo 2020».

pole dancing copia 2 pole dancing copia 2 pole dancing copia 5 pole dancing copia 5 pole dancing copia 4 pole dancing copia 4 olimpiadi olimpiadi antidoping antidoping pole dancer pluz size 2 pole dancer pluz size 2 pole dance pole dance

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal