POSTA! - C'È "GRANDE SPAVENTO" IN EUROPA PER LA CRESCITA AL QUASI 13% DELL'AFD IN GERMANIA. È STRANO, DICONO SEMPRE CHE NON BISOGNA AVER PAURA DEI TERRORISTI MUSULMANI E ADESSO DOVREMMO AVER PAURA DELLA DEMOCRAZIA?!

-

Condividi questo articolo

afd petry weidel afd petry weidel

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Lettera 1

I tedeschi hanno avuto la forza di scegliersi gli immigrati veri cioè quelli che sono scappati da una guerra vera; noi per colpa di 4-5 balordi no. Qualcuno, che le cose le sa, comincia a spiegare perchè da noi l'isis non fa attentati…

giuseppe

 

Lettera 2

Caro Dago, ma la candidatura e l'elezione a candidato premier di Luigi Di Maio sulla piattaforma intermittente Rousseau con un quinto dei voti degli iscritti al M5S: tutto vero o è un episodio postumo di "Fantozzi"?

Sandro Celi

 

Lettera 3

weidel leader gay afd weidel leader gay afd

Caro dago lasciamo ai giornaloni le analisi « alte » e noi facciamo il conto della            spesa:

1) Merkel. Anche lei non distribuisce la ricchezza di cui gode la Germania.

2) SPD. Votare a sinistra, almeno in Europa, non serve piu’ a niente: sono mondialisti o flirtano con l’alta finanza.

3) AFD. Anche I tedeschi si sono accorti che ci sono soldi “solo” per le politiche “umanitarie”.

amandolfo(StC)

 

Lettera 4

alice weidel leader gay afd alice weidel leader gay afd

Caro Dago, questo paragone tra minuti passati in palestra e quelli sul water non sembra tanto giusta. Quale posto migliore per fare adominali se non sopra la tazza?

Casty

 

Lettera 5

Caro Dago, il grande risultato alle elezioni tedesche della Afd vale 10 volte la mancata vittoria della Le Pen all'Eliseo. Infatti la Germania è strategicamente il luogo migliore in cui la destra può rompere le palle alla decadente e flaccida Europa obamiana che così forse sarà costretta a svegliarsi.

Sonny Carboni

 

Lettera 6

Dago dragoi,

MANIFESTO ELETTORALE DI ANGELA MERKEL MANIFESTO ELETTORALE DI ANGELA MERKEL

(In Italia) la Legge e' uguale per tutti. Il Fisco un po' meno.

Aigor

 

Lettera 7

Caro Dago. una sessantina di "baroni" (nomen omen: accrescitivo di 'bari') indagati e 33 milioni di offerte per il sisma volatilizzati: una Repubblica fondata sul lavoro (dei togati).

Giorgio Colomba

 

Lettera 8

Caro Dago, la Culona ha perso l'8%. L'impressione è che allla prossima tornata l'Afd le rifarà un bel culetto senza bisogno di dieta o bisturi.

afd manifestazione francoforte afd manifestazione francoforte

Marella

 

Lettera 9

Esimio Dago, Schulz ha detto che cambierà, sarà oppositore forte, come dire dalla birra alla vodka.

Saluti - Peprig

 

Lettera 10

I soldi raccolti per aiutare le persone colpite da calamita' naturali vengono custoditi da banche. Ma con che tasso d'interesse poi vengono girati ai destinatari della beneficenza? Sarebbe interessante saperlo...

A.Salieri

 

Lettera 11

Mi pare esemplarmente italiota: professori di diritto tributario, anche pubblici ufficiali, accusati di corruzione. Vedremo. Ma è Woodcock che indaga?

Giuseppe Tubi

valentino rossi valentino rossi

 

Lettera 12

Parole, parole, parole. Parole a colazione, parole a pranzo, parole a cena; parole nei giorni feriali e parole in quelli festivi; parole quando è sereno e parole quando è nuvolo : l'incommensurabile valore pedagogico della libertà di parola ci permette di conoscere o riconoscere gli imbecilli in tempo reale. Resta solo da custodirli a perenne futura memoria.

Amen

Santilli Edoardo

 

Lettera 13

Caro Dago, grande prova di Valentino Rossi che con una gamba sola arriva 5° al Moto Gp. Del resto l'aveva già dimostrato Renzi che senza cervello si può governare l'Italia per mille giorni.

silvio berlusconi versione trump silvio berlusconi versione trump

U.Novecento

 

Lettera 14

Caro Dago, ha tanto criticato prima Berlusconi e poi Trump. Ma ora che si è candidato Cancelliere alla guida dell'Spd, Schulz è apparso per quello che è: un povero Strunz.

Benlil Marduk

 

Lettera 15

Caro Dago, c'è "grande spavento" in Europa per la crescita al quasi 13% dell'Afd in Germania. È strano, dicono sempre che non bisogna aver paura dei terroristi musulmani e adesso dovremmo aver paura della democrazia?

Corda

 

Lettera 16

BERLUSCONI TRUMP BERLUSCONI TRUMP

Egregio Direttore, dopo la sconfitta del Toro 4 a zero con la Juve, i tifosi devono aver provato una forma di umiliazione difficile da accettare e dimenticare.  Ma perchè una sconfitta così pesante da digerire? Basta mettere insieme i totali dei valori dei calciatori di Toro e  Juve per capire certe cose, e certi risultati!  Calciatori strapagati contro altri calciatori che costano meno, per cui di livello inferiore?

 

Ecco il nocciolo della questione che molti tifosi non comprendono, o non vogliono capire!  Il calcio è diventato un grande affare per calciatori ( o mercenari ) stranieri che da noi hanno trovato tanta ricchezza in poco tempo! Un triste andazzo che nel tempo si è diffuso a scapito dei calciatori nostrani, e dei tifosi che credono ancora nelle favole!

Mariberto

 

Lettera 17

melania rizzoli melania rizzoli

Caro Dago, se non ho capito male, secondo Melania Rizzoli dare del mongoloide a una persona non-Down non significa offendere un Down, ma "usare una parola della lingua italiana dal significato immediatamente percepibile a tutti".

 

Ergo, se qualcuno dicesse "cazzo, ho visto un bambino brutto come il figlio di Celoria", nè io nè mio figlio, usato come termine di paragone, dovremmo incazzarci perchè è stata utilizzata una frase "immediatamente percepibile, se non a tutti, almeno a molti." Un piccolo consiglio: io sono un cacasotto, ma anche il figlio di Renato il fabbro, detto Badile, è brutto...! Saluti Gino Celoria

 

Lettera 18

Non mi dispiace, ma io sto con i tori e non con gli animali, cioè i toreri.  Magari fossero incornati  tutti i toreri (non uccisi). Perché infierire con crudeltà  senza alcun  motivo su quelle povere bestie che non hanno fatto niente di male se non quello di   nascere in un paese stupido e crudele

Riccio

 

il torero serna postato in ospedale il torero serna postato in ospedale

Lettera 19

Dago darling, nei giorni scorsi, trionfo del luogocomunismo più risaputo nella "civilissima" Milano del multipartisan e blindantissimo podestà Sala. Le iniziative eco-green-bio-cultura di strada-a km zero ecc. erano così tante che elencarle sarebbe noioso. C'era persino un "red carpet" green! Pare che siano andati persino a ripulire il "boschetto della droga" di Rogoredo (fors'anche per fare un favore ai dirimpettai di Sky e a quelli delle FS).

 

E pensare che, mi si dice, fino a circa un decennio fa in tale boschetto vi si praticava alla luce del sole (non di notte per via di troppi uccelli rapaci) molto "gay cruising" immerso nella natura, senza schedature dei soviet Arcigay. Cose ormai d'altri tempi, molto rimpiante dai gay over 40, nel Far West Italia di oggi dove é stato archiviato il Contratto Sociale.

torero incornato a san firmino torero incornato a san firmino

 

Gli alberi sono belli e utili (e lo dice una devota panteista), ma quelli ormai troppo cresciuti intorno alla statua di Leonardo da Vinci nella meneghina Piazza Scala impediscono la vista della Scala per chi viene dalla Galleria e comunque offuscano o falsano altre viste. Ridurre la piccola e monumentale Piazza Scala a un boschetto green ecosolidale ecc. ecc. per inseguire lo spirito del tempo é qualcosa di allucinante. Della serie quando il troppo stroppia. Pace e bene

Natalie Paav

 

Lettera 20

Gentil Dago, Chiesa? È più forte del padre Enrico. Ai meno giovani ricorda il goleador della Lazio e del Bologna, Beppe Signori che, a differenza di Federico, segnava, più spesso, di sinistro. Per un figlio più in gamba del papà, un "figlio d'arte" meno convincente del genitore. L'arbitro torinese di Fiorentina-Atalanta, Pairetto, figlio dell'ex designatore, Pier Luigi, ha dato un rigore, inesistente, all'Atalanta, negandone due, netti, ai viola, senza consultare il VAR. Insomma, ha...fatto le scarpe ai fratelli della Valle, proprietari del club toscano e di una rinomata azienda di calzature...

Ossequi

Pietro Mancini

 

Lettera 21

Caro Dago, "mongoloidi". Le parole non sono sbadigli o starnuti che scappano incontrollati. Le parole scappano quando uno è abituato ad usarle. Non in pubblico - a causa del politically correct - ma in privato, quando c'è libertà di espressione.

Quindi se Trump prende "le donne per la fica", Travaglio non prenda gli italiani per il culo.

Jonas Pardi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal