POSTA! - CHISSA COSA DICONO LE NOSTRE FEMMINISTE DELLA RAGAZZA ARRESTATA A TEHERAN PER ESSERSI TOLTA IL VELO. LE NOSTRE QUANDO VANNO IN QUEI PAESI CHE OPPRIMONO LE DONNE SE LO METTONO IN SEGNO DI RISPETTO. RISPETTO DI CHE?

-

Condividi questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Lettera 1

Caro Dago, ma quel tizio che si fa chiamare Vittorio Emanuele Duca di Savoia è per caso lo stesso che è stato coinvolto nell’indagine sulla morte di Dirk Hamer? È lo stesso che oggi copia Mattarella e manda un messaggio augurale agli italiani?

VITTORIO EMANUELE VITTORIO EMANUELE

 

Non mi preoccupa il rientro del nonno in Piemonte, mi preoccupa che qualcuno come questo figuro ancora abbia la faccia tosta di parlare. E non me la prendo nemmeno per gli errori commessi dall’augusto avo. Grazie a Dio, gli italiani di qualunque religione hanno più memoria di questo signore che ancora filosofeggia e benedice Comandanti generali dei Carabinieri e dell’Esercito.

Conte Tacchia

 

Lettera 2

Alle prossime elezioni, sono indeciso: voto Samorì o Frattini?

Giuseppe Tubi

schick-3 schick-3

 

Lettera 3

Tra noi giallorossi è in corso il dibattito sul dilemma: Schick è un seghetto alternativo come Ünder o una sega circolare come Defrel? E' certo, però, che i dirigenti della A.S. Roma dovrebbero essere cacciati e costretti a risarcire Pallotta.

Giancarlo Lehner

 

Lettera 4

Caro Dago

Innanzitutto buon anno, grazie per aver inserito la struggente e bella intervista a Francesco Guccini del quale bisognerebbe far studiare alcuni  suoi testi  a scuola ai bromurizzati ma ricettivi millennials.

Con stima

Andrea P.

 

Lettera 5

DISOCCUPATO DISOCCUPATO

Buon 2018 ! caro DAGO ! Pare che 800.000 persone ( stime del sindacato ) saranno licenziate definitivamente quest'anno, terminati i 3 anni di cassa integrazione speciale, mentre oltre centinaia di altre vertenze per la chiusura delle aziende sono in corso. L'Istat certifica un +1,7 % del PIL ma questi dati farlocchi non servono.....xkè essendo l'Italietta una nazione (EX) manufatturiera nessuno e sottolineo nessuno in 50 anni ha MAI affrontato il problema del costo del lavoro che da noi è doppio (a causa degli oneri indiretti ) delle altre nazioni europee per non parlare di Cina e similari! Ma I politici non avendo mai lavorato in vita loro non lo sanno e quindi finchè esisterà una sola azienda in Italia giorno per giorno aumenteranno i disoccupati.

ciao ALE

 

Lettera 6

Caro Dago come tanti poveri concittadini, appesantiti dal cibo e quindi lenti nello sfuggire cambiando canale, ho dovuto sentire i commenti dei nostri Governanti sui risultati dell’anno trascorso.

 

disoccupazione disoccupazione

Denominatore comune il compiacimento per i risultati raggiunti. In effetti non riuscivo bene a capire da dove derivasse questo compiacimento, abbiamo più debito pubblico, più poveri, poveri sempre più poveri e ricchi sempre più ricchi, più disoccupati, più immigrati disperati, più giovani in fuga alla ricerca di lavoro, più scandali e ruberie e così via quindi non riuscivo a capire le ragioni di tanto ottimismo, poi riflettendo ho capito!

 

Tutte queste indiscutibilmente vere considerazioni hanno il segno più!

Solo un fascista, disfattista, populista, qualunquista può sostenere che il più non sia un segno positivo Ergo va Tutto bene! Anzi,più bene! Sono sempre più migliori! Non ce li toglieremo più dai ....

Giovanni

PROTESTE TEHERAN PROTESTE TEHERAN

 

Lettera  7

Chissa cosa dicono le nostre femministe della ragazza arrestata a Teheran per essersi tolta il velo. Le nostre quando vanno in quei paesi che opprimono le donne se lo mettono in segno di rispetto. Rispetto di che?

Giuseppe

 

Lettera 8

la gente che appartiene a questo mondo (finto) ha perso completamente il senso di tutto, le regole della vita normale e sopratutto il valore dei soldi che quando arrivano (tanti) a pioggia dal cielo non se ne apprezza piu' il significato. A questa gente, ogni tanto, farebbe bene tornare alle origini!

Valter

 

Lettera 9

Gentil Dago,

PROTESTE TEHERAN1 PROTESTE TEHERAN1

Il "dottor Sottile", ex PSI, avrebbe fatto, sul Colle, un discorso più moscio di quello di Mattarella, dc, 77 anni, con padre, Bernardo, ministrone dc? Come direbbe Tonino Razzi, FI, ex IDV, "non creto proprio". E voi? Giuliano, 79 anni, non...Amato da Renzi, 42 anni, e dai post-comunisti,  continua a pagare la "damnatio memoriae", riservata ai socialisti, o ex, nel bel Paese, non in Francia.

 

A Parigi, infatti, al socialista Mitterrandiano, Francois Hollande, 63 anni, all'Eliseo, è succeduto un ex socialista, allievo di Michel Rocard (1930-2016), Macron, 40 anni.

Ed Emmanuel ha fatto un discorso meno sonnolento, solo un filino, di quello di Mattarella, il cui saluto, nelle menti dei compatrioti, ha fatto riaffiorare parole e gesta di Re Giorgio, 92 anni, come quelle di un gigante della politica...O no?

Dago-auguri a te e a (quasi...) tutti.

Pietro Mancini

 

Lettera 10

sarri sarri

Caro Dago, lo sbiadito passacarte Gentiloni ci ha fatto un nuovo regalo per il 2018, da oggi nelle farmacie italiane si pagano i relativi sacchetti per inserirvi i medicinali. € 0,05 il sacchetto piccolo e €. 0,10 il medio o il grande. Mi dirai che l’importo non è eclatante, ma è un ulteriore esborso da sostenere, perché non sempre esci portandoti l’occorrente di buste da dover utilizzare nei supermercati o nelle farmacie. Se poi consideriamo che le farmacie sono prevalentemente frequentate da persone anziane possiamo

definirla una tassa sui già maltrattati pensionati.

Buon Anno

Annibale Antonelli

 

Lettera 11

Accidenti, che guru ‘sti allenatori...Spalletti, Sarri, Di Francesco, passano di successo in successo...Sarri, ultimamente, per dire, ha sbancato sia la Champions League sia la Tim Cup!

Meglio di Mancini.

Giuseppe Tubi

 

MATTARELLA GENTILONI MATTARELLA GENTILONI

Lettera 12

Caro Dago, il presidente nell'omelia di fine anno ha sorvolato su tante cose e in particolare sulla magagna numero uno: un parlamento eletto in base a una legge dichiarata dopo un troppo lungo processo incostituzionale ha eletto presidente della repubblica lui, cioè un giudice della stessa corte costituzionale che ha dichiarato l'incostituzionalità, il quale si è premurato di dire che tutto questo, che all'estero avrebbe provocato immediate nuove elezioni con una diversa legge, magari con l'ultima non incostituzionale, non conta, perchè è piu' importante la "continuità delle istituzioni".

 

Il tutto è tante cose ma non illegale, perchè consentito dalla "costituzione piu' bella del mondo".Mi limito a ricordare i fatti e a ripromettermi di farla pagare in sede elettorale a tutti costoro. O almeno dal provarci, senno' quando poi faranno peggio non potro 'lamentarmi. Saluti e buon anno

Blue note.

 

Lettera 13

SESSO NEL PARCHEGGIO CON GUARDONE SESSO NEL PARCHEGGIO CON GUARDONE

Caro Dago, leggo da più parti e con sempre maggior frequenza di gente che si masturba in pubblico, di guardoni o molestatori vari e con nostalgia riaffiora il ricordo di Piero il Macellaio, terapeuta e mago antelitteram. Negli anni 60 noi si andava al PO e un giorno, in un boschetto di sterpaglie sulla riva opposta, c'era un guardone che si masturbava. Piero attraversò il fiume polverizzando ogni record di Mark Spitz e disboscò le sterpaglie in un batter di ciglia, si sentiva solo il crepitìo di una mitragliatrice. Alla fine ci apparve in tutto il suo splendore, lucente di sudore, lui solo, del guardone nessuna traccia, ancora oggi nessuno sa dove sia sparito: Copperfield deve molto a Piero il Macellaio! Saluti Gino Celoria

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

LO SCRITTORE CON LA PISTOLA – LO SFOLGORANTE NUOVO ROMANZO DI AURELIO PICCA SU ROMA DOVE ‘’I CRIMINALI E GLI ARTISTI SONO UNA COSA SOLA. FEROCI, SPIETATI, NUDI, ESTREMI, SENZA PAURA PRONTI A MORIRE PER CERCARE L’ASSOLUTO” - “ADESSO ROMA È PIENA DI CRIMINALI IN PANTOFOLE, INCIVILITI; TIPI CHE, SE DEVONO FARE IL LAVORO SPORCO, LO FANNO FARE ADDIRITTURA AI POLITICI. SONO IDENTICI AI PRETI PEDOFILI. INVECE I CRIMINALI E GLI ARTISTI DI QUELLA ROMA, ERANO PAGANI E CRISTIANI INSIEME. UCCIDEVANO PERCHÉ CONTRO IL MONDO’’

politica

business

cronache

sport

cafonal